73272 - DIRITTO GLOBALE E SOVRANAZIONALE

Scheda insegnamento

  • Docente Andrea Lollini

  • Crediti formativi 8

  • SSD IUS/13

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza

  • Lingua di insegnamento Italiano

Anno Accademico 2014/2015

Conoscenze e abilità da conseguire

Alla fine del corso, lo studente: conosce i fenomeni, le strutture e le istituzioni di carattere giuridico che si sviluppano nella sfera globale; è in grado valutare le differenze tra ordinamenti costituzionali nazionali, regimi di diritto internazionale e sistemi sovranazionali; ha acquisito capacità di analisi in materia di relazioni internazionali sviluppate attraverso le logiche e le sintassi del diritto. In particolare, obiettivo del corso è fornire strumenti giuridici tecnici e teorici per analizzare l'esercizio della funzione giurisdizionale di Corti nazionali, internazionali e sovranazionali in relazione alle odierne dinamiche politiche, economiche e sociali di portata globale.

Programma/Contenuti

Nel corso sono analizzate le strutture delle diverse tipologie di ordinamenti, sistemi e regimi giuridici presenti nella sfera globale. In questo quadro, vengono studiati i caratteri fondamentali degli ordinamenti costituzionali nazionali, dei regimi e delle Organizzazioni internazionali, così come dei sistemi sovranazionali di protezione dei diritti fondamentali a portata regionale. Particolare attenzione è dedicata allo studio delle interazioni che si sviluppano tra i differenti sistemi ed ordinamenti allo scopo di evidenziare le lacune che oggi caratterizzano l'ordine giuridico ultra-statale e che rendono scarsamente efficiente la regolazioni di fenomeni a portata globale. Nel corso sono altresì studiati gli attori dello spazio giuridico globale come le Organizzazioni governative e non governative, gli attori economici a portata multinazionale e gli attori professionali. Specifica analisi è dedicata all'analisi delle Corti (nazionali, internazionali e sovrananzionali), così come agli organismi che esercitano funzioni quasi-giurisdizionali. In ragione delle tematiche affrontate e degli strumenti conoscitivi necessari la frequenza è vivamente consigliata

Programma studenti frequentanti: 
Gli studenti frequentanti devono studiare interamente il seguente testo:  
Sabino Cassese, Il diritto globale, Torino, Einaudi, 2009 


Scegliere cinque Organizzazioni internazionali tra quelle analizzate nel seguente teso:  
Lucia Serena Rossi, Le Organizzazioni internazionali come strumento di governo multilaterale, Milano, Giuffré, 2006



Programma studenti non frequentanti: 
Gli studenti NON frequentanti devono studiare interamente il seguente testo:  
Sabino Cassese, Il diritto globale, Torino, Einaudi, 2009  


Studiare interamente il seguente teso:  
Lucia Serena Rossi, Le Organizzazioni internazionali come strumento di governo multilaterale, Milano, Giuffré, 2006 


Scegliere uno dei tre sistemi regionali di protezione dei diritti dell'uomo analizzati nel seguente testo: 
Laura Cappuccio, Andrea Lollini, Palmina Tanzarella, Le Corti regionali tra Stati e diritti. I sistemi di protezione dei diritti fondamentali europeo, americano e africano a confronto, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012

N.B. Ulteriori indicazioni relative ai testi di studio verranno fornite all'inizio delle lezioni

Testi/Bibliografia

Sabino Cassese, Il diritto globale, Torino, Einaudi, 2009  


Lucia Serena Rossi, Le Organizzazioni internazionali come strumento di governo multilaterale, Milano, Giuffré, 2006


Laura Cappuccio, Andrea Lollini, Palmina Tanzarella, Le Corti regionali tra Stati e diritti. I sistemi di protezione dei diritti fondamentali europeo, americano e africano a confronto, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012

Metodi didattici

La prima parte del corso segue una modalità di lezione frontale. Successivamente viene privilegiata la discussione seminariale sulla base di presentazioni relative a case study specifici. Materiali e documenti verranno indicati e messi a disposizione dal docente

Modalità di verifica dell'apprendimento


L'esame di profitto
: l'esame si sostiene in forma orale. 

La tesi di laurea:  per gli studenti interessati a svolgere la tesi di laurea nella materia è consigliata la partecipazione alle attività d'approfondimento svolte nell'ambito del Laboratorio sistemi giuridici e globalizzazione. 

Il Laboratorio sistemi giuridici e globalizzazione. 
L'attività del laboratorio nasce da un'esigenza scientifico-metodologica. Le fenomenologie giuridiche della contemporaneità operano ormai nel quadro di sistemi a molteplici variabili di complessità giuridica, economica e politico-sociale. Gli ordinamenti giuridici nazionali, sovra-nazionale e internazionali risentono di dinamiche d'interazione reciproca. Pertanto, lo studio di problematiche specifiche oggetto delle singole tesi di laurea, incontra la necessità di elaborare strumenti efficaci di analisi e di ricerca. 
Gli studenti impegnati in tesi di laurea individuali, affronteranno problemi e questioni in realtà comuni. La finalità del Laboratorio è quindi quella di consentire l'approfondimento di strumenti tecnico-giuridici specifici, lo scambio orizzontale d'informazioni tra i laureandi e la riflessione comune su omologhe problematiche. 
Il Laboratorio sistemi giuridici e globalizzazione si articola in incontri nel corso dei quali i laureandi, sotto la direzione del docente, hanno la possibilità di:   
a) presentare i dati relativi all'avanzamento delle singole ricerche di laurea.  
b) riflettere collettivamente sul problematiche comuni  
c) scambiarsi informazioni relative all'attualità giurisdizionale, politica ed economica. 


Il Laboratorio è coordinato dal docente; gli incontri vengono flessibilmente fissati in ragione degli impegni contingenti.

Strumenti a supporto della didattica

Il programma è sviluppato con l'ausilio di documenti di approfondimento quali sentenze e case study che verranno progressivamente messi a disposizione degli studenti nell'apposita pagina web di Ateneo (AMS-Campus).

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Andrea Lollini