Dottorato in Fisica

Anno accademico 2021-2022
Area tematica Scienze Matematiche, Fisiche, Chimiche ed Astronomiche
Ciclo 37
Coordinatore Prof. Michele Cicoli
Lingua Inglese, Italiano
Durata 3 anni
Posti 17 posti. Maggiori informazioni nella Scheda del dottorato.
Scadenza bando 21/05/2021 ore 12:00 (Scaduto)
Periodo di immatricolazione Dal 09/07/2021 al 19/07/2021
Data inizio corso 01/11/2021
Sede dottorato
Bologna
Struttura proponente
Dipartimento di Fisica e Astronomia "Augusto Righi" - DIFA
Dottorato in convenzione con istituzioni di ricerca - Soggetti convenzionati (art. 2, comma 2, lett. a) del D.M. n. 45/2013)
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)
Periodo all'estero
6 mesi
Temi di ricerca
  • Fisica Teorica
  • Fisica Nucleare e Subnucleare
  • Fisica della Materia
  • Fisica Applicata e dei Sistemi Complessi
  • Didattica e Storia della Fisica
Sbocchi professionali e potenziali settori di impiego del dottorato di ricerca
Attività di ricerca presso le università, centri di ricerca e industriali, nazionali e esteri. Attività di insegnamento nelle università e nelle scuole secondarie superiori. Impiego nei settori pubblici e privati che richiedono competenze scientifiche elevate. Impieghi in strutture legate alla Data Science e ai Big Data.
Commissione esaminatrice

Cognome Nome Ateneo/Ente Ruolo email
Carbone Angelo Università di Bologna Membro effettivo
Cramer Tobias Università di Bologna Membro effettivo
Montanari Alessandro INFN Membro effettivo
Pascoli Silvia Università di Bologna Membro effettivo
Sala Claudia Università di Bologna Membro effettivo
Spighi Roberto INFN Membro effettivo
Cavalcoli Daniela Università di Bologna Membro supplente
Kamenchtchik Alexandr Università di Bologna Membro supplente
Margiotta Annarita Università di Bologna Membro supplente
Remondini Daniel Università di Bologna Membro supplente
Sbarra Carla INFN Membro supplente
Tosi Nicolò INFN Membro supplente

* Sono membri esperti per l'assegnazione di posizioni a tema vincolato: Francesco Minardi (CNR, francesco.minardi@unibo.it, tema "Fisica sperimentale degli atomi freddi e fotonica"; supplenti Marco Prevedelli, Tobias Cramer); Castellani Gastone (Università di Bologna, gastone.castellani@unibo.it; tema "Machine learning e metodi a network per l'analisi e la modellizzazione di dati oncoematologici"); Maria Clelia Righi (Università di Bologna, clelia.righi@unibo.it; temi "Reazioni chimiche attivate da forze meccaniche: comprensione dei meccanismi fondamentale e applicazioni" e "Avanzare le interfacce tra materiali solidi per applicazioni nei campi dell'energia e trobologia"); Graziano Bruni (INFN, graziano.bruni@bo.infn.it; tema "Fisica sperimentale delle interazioni fondamentali"; supplente Tobias Cramer); Silvia Pascoli (INFN, silvia.pascoli@unibo.it; tema "Fisica teorica delle interazioni fondamentali"); Francesca Bellini (DIFA, f.bellini@unibo.it; tema "Misure di produzione di (anti)elio con ALICE a LHC per ricerche indirette di materia oscura nei raggi cosmici"; Olivia Levrini (DIFA, olivia.levrini2@unibo.it; tema "Ruolo della STEM education nella società dell'accelerazione e dell'incertezza: elaborazione di metodologie per l'analisi dell'impatto di attività didattiche in contesti formali e non formali".

Obiettivi formativi del dottorato
Il dottorato in Fisica ha per finalità il completamento della formazione scientifica in Fisica nei campi attivamente sviluppati nel Dipartimento di Fisica e Astronomia, nella Sezione INFN di Bologna, nel CNAF-INFN e negli istituti dell'area bolognese del CNR. Il dottorato vuole formare dei ricercatori in grado di svolgere attività di ricerca in maniera autonoma nei settori: Fisica teorica, Fisica della materia, Fisica nucleare e subnucleare, Fisica applicata e sistemi complessi, Didattica e storia della Fisica. In campo teorico i dottorandi devono essere in grado di costruire e studiare modelli matematici per la descrizione di fenomeni fisici, mentre in campo sperimentale di condurre esperienze fisiche di laboratorio e analizzare in maniera critica i risultati. In generale il dottorato addestra all'utilizzo del metodo scientifico e alle sue applicazioni in diversi contesti, rendendo i dottorandi idonei a rivestire incarichi di dirigenza in organizzazioni di alto livello.
Tipologia dell'attività svolta dai dottorandi
Ricerca fondamentale e di base (teorica e sperimentale), ricerca applicata (con applicazioni in campo fisico, medico, tecnologico, informatico, ecc.). Sono parte della ricerca l'attività di laboratorio, la partecipazione a workshop e conferenze internazionali e a campagne di misura, l'utilizzo di reti strumentali, di banche dati, di software per l'analisi dei dati e dei modelli.
Attività di formazione alla ricerca previste per i dottorandi in coerenza con gli obiettivi formativi del dottorato
È prevista la frequenza obbligatoria di corsi specialistici specifici per il dottorato o mutuati da lauree magistrali per complessive 136 ore di lezione nei primi due anni del corso. I dottorandi frequentano inoltre seminari specialistici e scuole nazionali e internazionali. I dottorandi sono inseriti in gruppi di ricerca presso università e centri di ricerca nel cui ambito svolgono la loro attività di preparazione della tesi.
Elementi di internazionalizzazione del dottorato
I dottorandi titolari di borsa di studio hanno l'obbligo di trascorrere un periodo di ricerca e formazione minimo di sei mesi presso università o centri di ricerca esteri. Inoltre partecipano a progetti di ricerca di valenza internazionale, seguono regolarmene corsi in lingua inglese, e partecipano a scuole e convegni internazionali. Sono attivi accordi quadro e convenzioni con università straniere per il conseguimento di titoli di dottorato in co-tutela e gli studenti coinvolti seguono lezioni presso le università estere corrispondenti. Le tesi di dottorato sono regolarmente redatte in lingua inglese e messe a disposizione della comunità scientifica internazionale.
Prodotti e risultati attesi dalle attività di ricerca dei dottorandi
Tesi redatta in lingua inglese, comunicazioni a convegni nazionali e internazionali, pubblicazione dei risultati della ricerca su riviste internazionali con referee e alto Impact Factor (almeno una pubblicazione nei 3 anni successivi al conseguimento del dottorato).
Collegio dei docenti
Nome Cognome Ateneo/Ente Qualifica
Pietro Antonioli INFN Primo Ricercatore
Silvia Arcelli Università di Bologna Professore Associato
Federico Boscherini Università di Bologna Professore Ordinario
Angelo Carbone Università di Bologna Professore Associato
Roberto Casadio Università di Bologna Professore Associato
Andrea Castro Università di Bologna Professore Associato Confermato
Michele Cicoli Università di Bologna Professore Associato
Tobias Cramer Università di Bologna Professore Associato
Elisa Ercolessi Università di Bologna Professore Associato Confermato
Fabrizio Fabbri INFN Primo Ricercatore
Davide Fioravanti INFN Ricercatore Ente
Beatrice Fraboni Università di Bologna Professore Ordinario
Alessandro Gabrielli Università di Bologna Professore Associato
Enrico Giampieri Università di Bologna Ricercatore a tempo determinato
Gaetano Maron INFN-CNAF Primo Ricercatore
Alessandro Montanari INFN Primo Ricercatore
Vittorio Morandi CNR Primo Ricercatore
Silvia Pascoli Università di Bologna Professore Ordinario
Daniel Remondini Università di Bologna Professore Ordinario
Marco Selvi INFN Primo Ricercatore
Nicola Semprini Cesari Università di Bologna Professore Ordinario
Maximiliano Sioli Università di Bologna Professore Associato
Giulia Tasquier Università di Bologna Ricercatore a tempo determinato
Claudia Testa Università di Bologna Professore Associato
Mauro Villa Università di Bologna Professore Ordinario

Avvisi

Graduatoria