Foto del docente

Raffaella Campaner

Professoressa associata

Dipartimento di Filosofia e Comunicazione

Settore scientifico disciplinare: M-FIL/02 LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Scienze filosofiche

Temi di ricerca

La mia ricerca si concentra sui temi della causalità e della spiegazione scientifica. Attraverso un'analisi critica dei punti di forza e dei limiti delle principali teorie contemporanee della causalità (meccanicistiche, manipolative, controfattuali) vengono avanzate alcune proposte di orientamento pluralista, intese a far emergere possibili convergenze e complementarietà. Il tema della causalità si intreccia strettamente con l'elaborazione di modelli di spiegazione scientifica, che sto indagando con particolare riferimento, da un lato, alle scienze umane, e, dall'altro, alle scienze biomediche. Ulteriori filoni della mia ricerca, connessi ai precedenti, vertono sulla nozione di invarianza, su quella di legge scientifica e sul dibattito tra riduzionismo e antiriduzionismo. Queste tematiche permettono di esaminare come la crescente attenzione della filosofia della scienza per le “scienze speciali” stia avendo importanti effetti sulle riflessioni metodologiche sui fondamenti delle scienze.

 

 



Grazie anche al loro particolare statuto, “a cavallo” tra le scienze naturali e le scienze umane, negli ultimi anni le scienze biomediche stanno divenendo sempre più terreno di analisi di varie posizione filosofiche. La mia ricerca analizza l'applicabilità alle scienze biomediche dei principali approcci contemporanei alla causalità, alla spiegazione scientifica e alle leggi. Una prima parte della ricerca concerne l'attuale dibattito interno alla concezione meccanicistica della causalità (P. Dowe, W. Bechtel, R. Richardson, S. Glennan, P. Machamer, L. Darden, C. Craver, J. Bogen), dibattito dal quale emergono modi differenti di intendere i sistemi complessi oggetto delle scienze, la loro articolazione e le procedure di scoperta e delimitazione di tali sistemi. La mia analisi evidenzia come le diverse forme di meccanicismo presentino implicazioni diverse per la ricerca medica (ad es., in fisiopatologia e in epidemiologia) e per la pratica clinica, settori nei quali viene fatto un uso costante di concetti meccanicistici. A queste indagini si affiancano quelle in merito all'approccio manipolativo (H. Price, P. Menzies, D. Gillies, J. Woodward) e a quello controfattuale (D. Lewis, J. Schaffer, N. Hall, L. Paul, M. Ramachandran), di particolare interesse soprattutto per le riflessioni epistemologiche concernenti le attività terapeutiche e, più generale, la pratica clinica. Dall'esame dell'applicabilità di questi approcci – intesi tutti in senso probabilistico – emerge la possibilità, e per certi versi la necessità, di integrarli l'uno con l'altro per una definizione concettuale più precisa e un utilizzo più corretto della nozione di nesso causale.

Da queste indagini emergono altresì riflessioni su temi controversi quali quelli di causalità preventiva, causalità ridondante, esclusione, superamento, e causalità per omissione. Da un lato, vengono indagate le loro implicazioni per il ragionamento clinico; dall'altro, si prendono in esame caratteristiche della ricerca biomedica che possono aiutare a gettar luce sui quesiti concernenti, in particolare, la causalità ridondante e quella per omissione. Le ricerche su questi temi mettono in evidenza sia problemi concernenti i nessi tra le molteplici cause e i molteplici processi che possono interagire nella produzione di uno stesso fenomeno, sia alcune difficoltà legate al rapporto tra “token causation” e “type causation”. Al tema della causalità si affiancano quelli della spiegazione scientifica, dibattuta soprattutto in relazione al carattere multifattoriale delle malattie e all'unicità di ogni individuo che ne è affetto, e delle leggi scientifiche. Nella letteratura più recente (es. J. Beatty, E. Sober, A. Rosenberg, S. Mitchell, M. Weber) la nozione di legge viene analizzata in larga misura in rapporto alla biologia e alla medicina, portando, in alcuni casi, ad una concezione fortemente riduzionistica di queste discipline, e, viceversa, in altri casi, all'affermazione della peculiarità e irriducibilità delle regolarità biologiche. Un'ultima parte delle mie indagini si concentra così sugli attuali sviluppi del dibattito epistemologico sulle nozioni di regolarità, generalizzazione e legge, e sui diversi modi di concepire il riduzionismo (es. M. Elgin, W. Wimsatt, R. Batterman, D. Hull, M. van Regenmortel, J. Marcum). Le mie ricerche sui fondamenti e i metodi delle scienze biomediche beneficiano anche della partecipazione all'ESF Research Networking Programme “The Philosophy of Science in a European Perspective”, nel quale sono coinvolta come membro del team “Philosophy of the Natural and Life Sciences”.  

Oltre a varie pubblicazioni, la ricerca ha portato alla presentazione delle seguenti relazioni: “Some Remarks on Causality and Invariance” (con M. C. Galavotti), International Colloquium “Invariance, Complexity and Action” (Roma, 6-7/10/06); “La ricerca delle cause tra epistemologia e medicina”, workshop “Scelte consapevoli per un'assistenza più efficace” (Ferrara, 5/12/06); “Meccanismi e meccanicismi in medicina”, workshop “Ontologia, modelli, metodo clinico, metodiche ed errori” (Verona, 8-10/2/07); “Evidence for Causation in Medicine”, workshop “Evidence in the Human Sciences” (Bologna, 25-26/5/07); “Counterfactual Reasoning and Medical Therapies”, LMPS conference (Pechino, 9-15/8/07); “Mechanisms with and without Counterfactuals”, workshop “Singular Causality, Counterfactuals & Mental Causation” (Granada, 8-10/11/07), “On Mechanisms in the Health Sciences”, workshp “Causation in Biomedical Sciences II: Historical and Philosophical Aspects” (Ginevra, 31/3-2/4/08); “Interpreting Causality in a Probabilistic Framework” (con M.C. Galavotti), International Colloquium “Causality, Meaningful Complexity and Knowledge Construction” (Roma, 5-7/06/08); "Reductionism and Anti-reductionism in Biochemistry, and Elsewhere", international conference: "The Present Situation in the Philosophy of Science" (Vienna 18-21/12/2008); "Some Reflections on Epidemiologic Explanation", international workshop “Explanation, Prediction and Confirmation in Biology and Medicine” (Kostanz, 2-4/10/2009); "Understanding Mechanisms in the Health Sciences", “Philosophy of Medicine Roundatable” (Institute for Philosophy and Economics, University of Rotterdam, 19-20/10/2009); con Maria Carla Galavotti "Evidence and the Assessment of Causal Relations in the Health Sciences", international conference "Progress in Medicine" (Bristol 13-15/4/2010); con Maria Carla Galavotti "Causality, Explanation and Evidence", International Colloquium "Models of the Mind" (Roma, 14-15/5/2010); "Mechanisms, Counterfactuals and Multilevel Explanations", international workshop "Counterfactuals and Mechanisms" (Parigi, 24-25/3/2011); con Maria Carla Galavotti "Evidence, Intervention and Causal Relations", international workshop "Causal Inference in the Health Sciences" (Bologna, 27-28/5/2011); "Mechanistic and Neo-Mechanistic Accounts of Causation: How Salmon Already Got (Much of) It Right", LMPS 2011 (Nancy, 17-26/7/2011); "Philosophy of Medicine and Model Design", EPSA 2011 (Atene, 5-8/10/2011).

.