Foto del docente

Michela Menegatti

Assistant professor

Department of Psychology

Academic discipline: M-PSI/05 Social Psychology

Publications

flavia albarello; Francesca prati; luca sangiorgi; morena tremosini ; Michela Menegatti; marco Depolo; monica Rubini, Does Hub-and-Spoke Organization of Healthcare System Promote Workers’ Satisfaction?, «JOURNAL OF APPLIED SOCIAL PSYCHOLOGY», in corso di stampa, 0, pp. 1 - 45 [Scientific article]

Moscatelli, S; Menegatti, M; Albarello, F., Pratto, F; Rubini, M, Can We Identify with a Nation Low in Morality? The Heavy Weight of (Im)Morality in International Comparison, «POLITICAL PSYCHOLOGY», 2019, 40, pp. 93 - 110 [Scientific article]

Elisa Merkel; Michela Menegatti, Language as a means to promote gender equality, in: Sexism: Past, Present and Future Perspectives, New York, Nova Science Publisher, 2018, pp. 69 - 108 [Chapter or essay]

Menegatti, Michela; Crocetti, Elisabetta; Rubini, Monica, Do Gender and Ethnicity Make the Difference? Linguistic Evaluation Bias in Primary School, «JOURNAL OF LANGUAGE AND SOCIAL PSYCHOLOGY», 2017, 36, pp. 415 - 437 [Scientific article]

Menegatti, Michela; Rubini, Monica, Gender Bias and Sexism in Language, in: Oxford Research Encyclopedia of Communication vol.1, New York, Oxford University Press, 2017, pp. 451 - 468 [Dictionary or encyclopedia entry]

Rubini, Monica; Moscatelli, Silvia; Menegatti, Michela; Ellemers, Naomi, Hindering women’s professional career by setting higher standards for them, in: XVIII EASP General Meeting, Granada, Spain., 2017, pp. 168 - 168 (atti di: XVIII EASP General Meeting, Granada, Spain., 05-07-2017) [Abstract]

Pireddu, Sara; Menegatti, Michela; Moscatelli, Silvia, The Face Value: Morality and competence perceived from faces produce gender discrimination in hiring decisions, in: XVIII EASP General Meeting, Granada, Spain., 2017(atti di: XVIII EASP General Meeting, Granada, Spain., 05-07-2017) [Poster]

Fino, Edita; Menegatti, Michela; Avenanti, Alessio; Rubini, Monica, Enjoying vs. smiling: Facial muscular activation in response to emotional language, «BIOLOGICAL PSYCHOLOGY», 2016, 118, pp. 126 - 135 [Scientific article]

Brambilla, Marco; Sacchi, Simona; Menegatti, Michela; Moscatelli, Silvia, Honesty and Dishonesty Don’t Move Together: Trait Content Information Influences Behavioral Synchrony, «JOURNAL OF NONVERBAL BEHAVIOR», 2016, 40, pp. 171 - 186 [Scientific article]

F. Prati; M. Menegatti; M. Rubini, Il ruolo della categorizzazione multipla e del contatto intergruppi nella riduzione della discriminazione linguistica, in: XIII Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia sociale dell’Associazione Italiana di Psicologia, 2015, pp. 1 - 1 (atti di: XIII Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia sociale dell’Associazione Italiana di Psicologia, Palermo, 17-19 settembre 2015) [Abstract]

M. Menegatti; M.G. Mariani; M. Rubini, Discriminazione di genere nella selezione del personale: il ruolo implicito dell'astrazione linguistica., «PSICOLOGIA SOCIALE», 2012, 2/2012, pp. 229 - 238 [Scientific article]

Menegatti M.; Rubini M., From the individual to the group: The enhancement of lingusitic bias, «EUROPEAN JOURNAL OF SOCIAL PSYCHOLOGY», 2012, 42, pp. 36 - 40 [Scientific article]

M. Rubini; M. Menegatti, "Omnia vincit amor": the language of intimate relationships, in: M. CADINU, S. GALDI, A. MAASS, Social perception, cognition and language., PADOVA, Cleup, 2011, pp. 300 - 302 [Chapter or essay]

Menegatti M.; Rubini M., Le parole delle relazioni sociali: due decadi con il modello delle categorie linguistiche., «PSICOLOGIA SOCIALE», 2009, 3, pp. 407 - 435 [Scientific article]

Menegatti M., Le basi psicologiche del terrorismo. L’individuo, il gruppo e l’organizzazione, «PSICOLOGIA SOCIALE», 2008, 3 (2), pp. 197 - 223 . Opera originale: Autore: - Titolo: I fattori psicologici giocano un ruolo essenziale nel terrorismo a tutti i livelli di analisi rilevanti, tra cui quello individuale, di gruppo e organizzativo. Nonostante in questo contributo tratti queste categorie di fattori separatamente, in realtà sono legati in modo inestricabile. I processi di formazione delle credenze e degli atteggiamenti individuali determinano il grado in cui una popolazione supporta una causa terroristica, influenzando la base politica dell’organizzazione e, in definitiva, il suo potere. A sua volta, il potere di un’organizzazione può accrescere il suo status come “autorità epistemica” di fiducia e quindi la sua abilità di attrarre nuove reclute. L’essenza psicologica del terrorismo fornisce suggerimenti per mettere in atto strategie efficaci per contrastarlo. Tuttavia, è consigliabile agire con cautela, poiché le attività di lotta al terrorismo che sembrano desiderabili ad un dato livello di analisi possono risultare dannose ad un altro. Ad esempio, l’uso di forze militari contro obiettivi organizzativi vulnerabili può ridurre l’abilità di funzionamento di un’organizzazione terroristica. Allo stesso tempo, tuttavia, potrebbe oltraggiare la comunità colpita dall’attività militare ed accrescere la motivazione individuale a sostenere il terrorismo e ad acquisirne l’ideologia. La negoziazione con un’organizzazione terroristica può convincerla che esistono mezzi alternativi al terrorismo per raggiungere i suoi obiettivi, riducendo presumibilmente la sua tendenza ad utilizzare mezzi terroristici. Tuttavia, negoziare con i terroristi trasmette anche l’idea che il terrorismo sia una tattica efficace, e potrebbe incoraggiarne l’utilizzo. L’analisi delle basi psicologiche del terrorismo mette in evidenza le possibili conseguenze e i molteplici risvolti delle strategie messe in atto per contrastarlo e quindi consente di valutarne le implicazioni nei singoli casi in cui è necessario confrontarsi con la minaccia terroristica. [Journal contribution (translation)]