Foto del docente

Francesco Carbognin

Professore associato

Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica

Settore scientifico disciplinare: L-FIL-LET/11 LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA

Didattica

Ultime tesi seguite dal docente

Tesi di Laurea

  • Amelia Rosselli e la condizione di straniero
  • come l’acqua per i poeti: il tema acquoso in ungaretti e montale
  • Il tema della 'crudeltà' nella poesia degli anni Sessanta: L'esperienza dei Novissimi
  • Musica in versi. Gli “spazi metrici” di Amelia Rosselli
  • Tra racconto in versi e canzone d'autore: la competenza narrativa di Fabrizio De André

Tesi di Laurea Magistrale

  • Tra filosofia, critica e poesia. Formazione culturale ed esperienza poetica di Mario Benedetti
  • "L'unito, il diviso": continuità e frammentazione nella sintassi poetica di Federico Hindermann
  • "Nel verso impenetravi la / tua notte". Amelia Rosselli tra Pier Paolo Pasolini e la Neoavanguardia.
  • “Dentro” il paesaggio psichico. Andrea Zanzotto lettore di Jacques Lacan
  • «una casa bislacca fatta di tranelli, vuoti d’aria, incastri / e libertà». Per un’analisi strutturale del libro di poesia Variazioni Belliche di Amelia Rosselli, dalla prosa di Spazi Metrici (1962) ai percorsi metapoetici di Poesie (1959) e Variazioni (1960-61)
  • I NOVISSIMI: TEORIA E CRITICA Sanguineti, Zanzotto e Rosselli
  • La metafora nell'opera di Andrea Zanzotto. Evoluzione semantica e retorica da "Dietro il paesaggio" ('51) a "Vocativo" ('57).
  • La scienza della luce. Il tema luminoso nella poesia di Zanzotto.
  • Montale interpreta Svevo. Gli "Ossi", tra poesia e romanzo.
  • Oltre il simbolismo: una via ligure. Ceccardo Roccatagliata Ceccardi, Mario Novaro, Camillo Sbarbaro
  • Rimava vocabolari tormentosi. Poesia e Psicopatologia del Linguaggio in Variazioni Belliche di Amelia Rosselli.
  • Spettro e struttura. Pensiero musicale e ricerca metrica di Amelia Rosselli (1950-1964).
  • Storia di Clizia
  • Una straniera in poesia. Amelia Rosselli
  • Verso l'Allegria. Gli influssi crepuscolari nelle poesie del primo Ungaretti.