Foto del docente

Marco Cavalazzi

Assegnista di ricerca

Dipartimento di Storia Culture Civiltà

Curriculum vitae

Professore a contratto nel 2017/2018 e assegnista di ricerca dal 2018 presso l'Università di Bologna, è attualmente MSCA fellow nella stessa Università e svolge le sue ricerche nell'ambito della storia e dell’archeologia dei paesaggi. Gli interessi sono rivolti in particolare all’indagine delle forme del popolamento rurale di pianura dopo la fine dell’Età romana, al rapporto città-campagna nel corso del Medioevo e, a livello metodologico, all’uso di strumenti GIS in tali ambiti. Dal 2009 coordina il progetto di Archeologia dei Paesaggi "Bassa Romandiola" (Unione dei Comuni della Bassa Romagna), dal 2017 coordina lo scavo del Castello di Zagonara (Lugo, RA), dal 2018 coordina insieme alla dott.ssa Mila Bondi il progetto di Archeologia dei Paesaggi "Ficocle-Cervia Vecchia", dal 2019 coordina insieme ai dottori Michele Abballe e Michela De Felicibus il progetto di Archeologia dei Paesaggi "Faventia", tutti sotto la direzione scientifica del prof. Andrea Augenti. Dal 2019 è Principal Investigator con il prof. Nicola Terrenato (Michigan University) e il dott. Paolo Maranzana (Michigan University) del progetto "Gabii after the Romans", finanziato dalla Rust Family Foundation. Dalla fine del 2019, con il prof. Daniele Bortoluzzi (Università di Milano) è Principal Investigator del progetto "La pineta di Dante: uno studio sulle suggestioni letterarie e paesaggistiche da Dante a Byron e sul paesaggio urbano e rurale ravennate del Trecento", finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dal Centro di Studi sulla Romandiola Nord-occidentale. Dal 2020 coordina insieme alla dott.ssa Mila Bondi il lavoro sul campo del progetto di archeologia preventiva dell'Ex-Caserma Dante Alighieri di Ravenna, scaturito da una convenzione tra il comune di Ravenna e il DiSCi (coordinato dal punto di vista scientifico dal prof. Antonio Curci, dal prof. Giuseppe Lepore e dalla prof.ssa Federica Boschi). 

Formazione

Laureato in Conservazione dei Beni Culturali nel 2006 presso l'Università di Bologna, diplomato alla Scuola di Specializzazione in Archeologia (indirizzo tardoantico e medievale) nel 2009, consegue il Dottorato di ricerca in Storia nel 2015.

Carriera accademica

Cultore della materia di Storia Medievale e di Storia degli Insediamenti e dei Sistemi Abitativi presso l'Università di Bologna dal 2012; cultore della materia di Archeologia Medievale e Metodologia della Ricerca Archeologica presso la medesima università dal 2015. Dopo una borsa di ricerca dello European Institute of Innovation and Technology (EIT) nel 2015 (azione Climate KIC) e un contratto di ricerca post-dottorale presso il Geolab dell’Università di Limoges (Francia) nel 2017, diviene nel 2018 docente a contratto presso la Scuola di Lettere e Beni Culturali dell'Università di Bologna. Dal 2018 è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università di Bologna. Nel 2021 è stato docente a contratto presso il DAFIST dell'Università di Genova. Dal 2021 è MSCA fellow presso il dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università di Bologna. 

Attività didattica

Ha tenuto seminari di approfondimento nell’ambito delle proprie discipline presso l’Università di Bologna e nel corso di periodi di ricerca all’estero anche presso l’Università di Lione, quella di Valencia e quella di Limoges. Nel anno accademico 2017/2018 ha insegnato a contratto la materia di Storia del Paesaggio italiano nell’ambito della laurea magistrale in Beni archeologici, artistici e del Paesaggio: Storia, Tutela e Valorizzazione dell'Università di Bologna. Nel 2021 è stato docente a contratto per tenere un laboratorio di GIS per l'archeologia, presso l'Università di Genova. 

Attività scientifica

Ha partecipato a numerosi programmi di ricerca nazionali ed internazionali tra cui: il progetto di ricerca “Bassa Romandiola. Archeologia dei Paesaggi in Bassa Romagna”, dir. scientifica prof. A. Augenti, in cui è stato coordinatore delle campagne di ricognizione (2009-2016) e dello scavo del castello di Zagonara (Lugo, RA, 2017); dal 2017 è membro del progetto di ricerca "PAPAGENO", PAysage PAstoral et GENétique Ovine, écologie du paysage des montagnes pastorales du sud de l’Europe, coordinato dal laboratorio GEOLAB – UMR CNRS 6042 dell'Università di Limoges; fa parte del gruppo di ricerca del progetto dell’Università di Yale “Elkab Desert Survey Project” (EDSP) in Egitto, direzione scientifica prof. John Coleman Darnell; ha preso parte al progetto PRIN 2010-2011 “Storia e Archeologia globale dei paesaggi rurali in Italia fra Tardoantico e Medioevo”, coordinato dal prof. Giulio Volpe (Università di Foggia), nell’unità di ricerca dell’Università di Bologna (prof. ssa Paola Galetti); è membro del gruppo di ricerca del progetto “Butrint Archaeological Research Project: The Roman Forum”, dell’Università di Notre Dame (USA), diretto dal prof. David Hernandez.

Appartenenza a comitati scientifici e editoriali

Dal 2012 è membro comitato scientifico del Centro di Studi sulla Romandiola Nord-Occidentale.

Premi e riconoscimenti

2010 – Vincitore del programma Spinner 2013, programma Start Up.

2013 – Vincitore di borsa “Marco Polo”, Università di Bologna.

2015 – Vincitore di una borsa dello European Institute of Innovation and Technology, Climate KIC Grant, Pioneer into Practice program.

2017- Vincitore di una borsa di post-doc presso l'Università di Limoges, Geolab. 

2018- Vincitore di un assegno di ricerca presso l'Università di Bologna. 

2021-Vincitore di una MSCA fellowship.

 

Altre attività

Membro dal 2014 della SAMI, società degli Archeologi Medievisti Italiani.

Membro dal 2015 della CKAA, Climate KIC Alumni Association.