Foto del docente

Cristina Brasili

Professoressa associata confermata

Dipartimento di Scienze Statistiche "Paolo Fortunati"

Settore scientifico disciplinare: SECS-P/02 POLITICA ECONOMICA

Coordinatrice del Corso di Laurea in Sviluppo e cooperazione internazionale

Temi di ricerca

Parole chiave: Politica di Coesione dell'UE Economie regionali Qualità istituzionale Crescita economica Economia agroalimentare

1. Sviluppo regionale e locale in un contesto europeo.
2. Analisi dei finanziamenti e impatto della Politica di Coesione dell'Unione europea
3. Analisi della convergenza economica nelle regioni dell'Unione europea con particolare attenzione ai paesi dell'allargamento e mediante l'utilizzo di metodi parametrici e non parametrici
4. Analisi economica ed elaborazione dati statistici sul settore agroalimentare a livello regionale, nazionale europeo, con particolare riferimento a distretti agroalimentari, bilanci ed efficienza delle industrie alimentari. Analisi economica e delle caratteristiche strutturali dell'agricoltura in Cina.


1. Si è aperto, di recente, un filone di ricerca sempre sullo sviluppo regionale, relativo alla determinazione del ciclo economico delle regioni italiane mediante l'identificazione delle fasi di espansione e recessione mediante l'utilizzo di un indicatore sintetico.

I finanziamenti e l'impatto della politica di Coesione  dell'Unione europea nelle regioni, in particolare in quelle in ritardo di sviluppo, ha come territorio di analisi privilegiato le regioni italiane del Mezzogiorno che beneficiano dei fondi dell'Obiettivo 1. Lo scopo è quello di valutare in termini di efficienza ed efficacia la capacità di spesa di queste regioni.

Particolare attenzione viene posta all'analisi della Qualità istituzionale in connessione con la Politica di Coesione.

2. Le analisi economiche e le elaborazioni di dati statistici sul settore agroalimentare a livello regionale, nazionale ed europeo vogliono evidenziare gli aspetti comuni nei sistemi agroalimentari e nelle sue varie componenti: dall'agricoltura, all'industria, ai consumi fino alle importazioni ed esportazioni. In particolare con l'utilizzo di dati strutturali sull'occupazione e sul numero di unità locali, a livello comunale, si identificano le aree a più alta concentrazione e specializzazione nei comparti dell'industria alimentare. Con l'utilizzo di appositi indici si vanno ad individuare i distretti agroalimentari di cui si effettua un'analisi economica delle imprese andando a verificare l'effetto distretto tramite l'utilizzo di dati economici di bilancio. Sono stati diffusamente analizzati i dati strutturali dell'agricoltura in Cina provenienti dal primo censimento. Sono state utilizzate tecniche statistiche di analisi multivariata per l'identificazione di aree agricole omogenee, a livello di province e di contee definendo così una nuova "geografia" agricola cinese.


3. L'analisi della convergenza economica nelle regioni dell'Unione europea è stata condotta mediante l'utilizzo del metodo non parametrico, dello "stochastic kernel", con particolare attenzione all'analisi del Pil-pro capite delle regioni europee. Tale linea di ricerca mira ad evidenziare anche l'impatto delle politiche strutturali nei diversi periodi di programmazione sulla convergenza dei redditi. Si vuole inoltre valutare i "costi" dell'allargamento a 27 paesi in termini di convergenza economica.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.