Foto del docente

Saveria Capecchi

Professoressa associata

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

Settore scientifico disciplinare: SPS/08 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI

Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica e d'impresa

Contenuti utili

Format tesine per "Sociologia della comunicazione multimediale" e "Media e studi di genere", valido anche per le TESI

Prima pagina: Titolo e sotto al titolo: nome, cognome, n. matricola

INDICE

Introduzione

  1. Capitolo teorico introduttivo relativo all’argomento generale trattato

  2. Capitolo teorico relativo al tema specifico trattato

  3. Capitolo relativo alla ricerca svolta

3.1.       Metodologia della ricerca (descrizione dell’ipotesi di ricerca, dell’oggetto di analisi e della metodologia utilizzata)

3.2.       Risultati principali della ricerca

Riflessioni conclusive

Bibliografia

Sitografia 

Allegati (in fondo alla tesina è possibile inserire materiale relativo alla ricerca svolta, ad esempio le interviste effettuate complete di tutte le domande e le risposte, l’elenco dei post o le home page dei blog analizzati, ecc.)

Citazioni

Si consiglia di effettuare le citazioni “all’americana” o sistema “tra parentesi”:

Esempi:

1. Ogni volta che nel testo citate un autore/trice dovete mettere tra parentesi l’anno di pubblicazione del testo a cui vi state riferendo: ad es. come sostiene Turkle (2011)

2. Se state riferendo un concetto tratto da un testo di un dato autore/trice va messo tra parentesi sia il cognome che l’anno: ad es. alla fine della frase contenente concetti tratti da quel dato testo (Mascio, 2008); se gli autori/trici sono più d’uno ad es. (Jenkins, Ford, Green, 2013; Lovink, 2011)

3. Quando decidete di citare una frase tratta “pari pari” da un dato testo dovete inserire oltre al cognome dell’autore/trice e all’anno di pubblicazione del testo, il numero di pagina: ad es. “Associato all’ideale della snellezza vi è l’ideale della giovinezza: nella nostra società è vietato invecchiare” (Capecchi, 2006, p. 72).

Ogni autore/trice citato nel testo va menzionato anche nella Bibliografia: si raccomanda di porre i riferimenti bibliografici in ordine alfabetico per il cognome dell’autore/trice.

Esempi:

Arvidsson A., Delfanti A. (2013) Introduzione ai media digitali, il Mulino, Bologna.

Bracciale R. (2010) Donne nella rete, Franco Angeli, Milano.

Capecchi S. (2006) Identità di genere e media, Carocci, Roma.

4. Se citate concetti tratti da siti internet, in questo caso è possibile inserire l'indirizzo web relativo a piè di pagina per poi riportarlo nella Sitografia (a fianco di ogni link va inserita la data di consultazione). Ad es.

 www.unibo.it/sitoweb/saveria.capecchi/contenuti-utili (21/12/2015)