Foto del docente

Silvia Prati

Professoressa associata

Dipartimento di Chimica "Giacomo Ciamician"

Settore scientifico disciplinare: CHIM/12 CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALI

Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Science for the conservation — restoration of cultural heritage

Temi di ricerca

Il laboratorio di microchimica e microscopia si occupa dello studio delle caratteristiche chimico-fisiche di campioni di interesse artistico. La ricerca è finalizzata allo studio della tecnica di realizzazione, allo stato di conservazione dell'oggetto o del monumento, all'individuazione di nuove procedure di restauro. Le diverse linee di ricerca sono condotte con l'ausilio di alcune strumentazioni presenti in laboratorio quali: • Infrared spectroscopy (FTIR) • Portable XRay Fluorescence (XRF) • Multi-Spectral Scanner Imaging System • Optical Microscopy • FTIR microscopy (ATR, diamond cell, Mapping) o con strumentazioni utilizzabili grazie a collaborazioni con gruppi di ricerca dell'Università di Bologna quali: • X-ray Diffractometry (XRD) • Pyrolysis Gas Chromatography Mass Spectrometry (Py-GC-MS) • Ion Chromatography (IC) • Atomic Absorption Spectroscopy (AAS) • Colour measurement

Caratterizzazione di componenti organici ed inorganici di interesse storico, artistico ed archeologico

All'interno del laboratorio viene utilizzato un approccio metodologico per la caratterizzazione della composizione di campioni di interesse storico, artistico ed archeologico che prevede l'impiego preliminare di tecniche non distruttive per la corretta pianificazione della campagna di campionamento. Le informazioni acquisite sono fondamentali per ricostruire la tecnica pittorica, fornire informazioni utili per studi di attribuzione e come supporto per stabilire le opportune operazioni di restauro all'interno di campagne a livello nazionale ed internazionale (ad esempio: progetto Diagnostico sul ciclo degli Uomini Illustri, palazzo ducale di Urbino in collaborazione con l'Università di Urbino e il Centre de recherche et de restauration des Musees de France, progetto diagnostico sul battesimo e la Sacra Famiglia attribuiti ad Andrea Mantenga in collaborazione con l'Università di Urbino).

Sviluppo di nuovi protettivi per bronzi esposti all'aperto 

Questo progetto rientra nell'ambito di EU-ARTECH finanziato all'interno del VI programma quadro. Scopo dell'attività del laboratorio di microchimica e microscopia è la sperimentazione di nuovi protettivi organici (ad esempio silicati) ed inorganici per la protezione di bronzi utilizzando alcuni provini per testare i diversi trattamenti e studiarne gli effetti prima e dopo invecchiamento. In particolare vengono effettuati studi sull'interazione tra protettivo e materiale inalterato e sperimentati trattamenti di passivazione del bronzo con la formazione di ossalato di rame.

Messa a punto di nuove procedure integrate di analisi non invasive e microdistruttive nel campo della conservazione dei beni culturali

La ricerca si propone di aumentare la sensibilità dei metodi di analisi e di ampliare il range di sostanze analizzabili. In particolare si stanno sviluppando le seguenti attività:

-         sviluppo di metodi alternativi di preparazione stratigrafica allo scopo di eliminare gli effetti di inquinamento della resina di inglobamento

-         sviluppo di tecniche di mapping ed imaging di sostanza organica in cross section in campioni policromi con particolare attenzione alla caratterizzazione selettiva di proteine con tecniche di immunochemiluminescenza in collaborazione con il gruppo del prof. Roda

-         sperimentazione della spettroscopia nel lontano IR come tecnica complementare alla spettroscopia RAMAN.

 

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.