Foto del docente

Roberto Patuelli

Associate Professor

Department of Economics

Academic discipline: SECS-P/02 Economic Policy

Director of First Cycle Degree of Economics of Tourism

Useful contents

Promemoria per la richiesta e preparazione di tesi di laurea triennale in economia del turismo

1. Richiesta di supervisione per tesi di laurea

Il docente é disponibile a seguire studenti nella preparazione della tesi di laurea triennale in economia del turismo. Lo studente è però invitato a considerare i seguenti punti prima di discutere la richiesta con il docente:

• Se si desidera, per qualsiasi motivo, portare a termine la tesi (laurearsi) ‘in fretta’, si consideri che il docente non garantisce in alcun modo l’approvazione della tesi entro i termini eventualmente richiesti dallo studente. La tesi di laurea richiede un certo ammontare di lavoro, ed il tempo richiesto per la sua predisposizione dipende da vari fattori. L’approvazione della tesi dipende ovviamente dallo stato di avanzamento del manoscritto (e quindi sia dal livello di commitment dello studente che dal livello di soddisfazione al riguardo da parte del docente). Inoltre, la bozza di tesi (completa) dev’essere resa disponibile al docente almeno una settimana prima della scadenza per l’approvazione, a meno di istruzioni specifiche da parte del docente.
• Condizione necessaria per la compilazione della tesi in economia del turismo è che la stessa tratti temi coerenti con il corso di riferimento. In particolare, è necessario sviluppare, nella tesi, una domanda di ricerca di chiara connotazione economica.
• Il docente non approva tesi di laurea già predisposte (già scritte) senza la sua supervisione.
• Nel valutare la possibilità di richiedere la tesi di laurea, lo studente consideri che il docente richiede spesso la consultazione di fonti bibliografiche in lingua inglese. Anche lavoro empirico – su dati reali – è gradito, ma non sempre necessario.
• Per gli studenti indecisi sull’argomento di tesi, il docente ha presisposto un elenco di fonti bibliografiche (articoli scientifici, per la maggior parte in lingua inglese; https://www.unibo.it/sitoweb/roberto.patuelli/contenuti-utili/66bb5354), che vengono proposte come aiuto al possible tesista nell’individuare un tema ed una domanda di ricerca. Lo studente può trovare utile partire dalla lettura di uno di questi articoli come base per la propria tesi. Lo studente è invitato, alternativamente, a cercare autonomamente un articolo più vicino al tema che vorrebbe affrontare. Si suggerisce di usare Google Scholar (http://scholar.google.com) per la ricerca. L’uso di keywords in inglese facilita significativamente la ricerca.


2. Preparazione della tesi di laurea

Nella preparazione della tesi di laurea, lo studente deve seguire le seguenti direttive. Il docente non approva manoscritti per la presentazione fin quando queste condizioni non sono tutte rispettate:

• Una volta individuato il tema di tesi e la specifica domanda di ricerca, e avendo consultato le necessarie fonti preliminary, lo studente è invitato a sviluppare un indice preliminare di tesi, in tre o pi‏ù punti (capitoli), e possibilmente a pensare ai possibili sottopunti. Questo esercizio aiuta a fissare le idee e a a pensare ad una sequenza logica attorno alla quale costruire la tesi.
• L’introduzione della tesi deve specificare: (i) perché il tema trattato è interessante; (ii) la rilevanza della domanda di ricerca scelta; (iii) come il tema e la domanda di ricerca vengono svolti nei vari capitoli della tesi. La suddetta sequenza logica deve quindi emergere già in questa fase.
• Ogni capitolo della tesi deve essere logicamente collegato a quello precedente e a quello successivo.
• Ogni tabella o figura inserita nella tesi deve essere funzionale alla discussione, cioé non dev’essere ‘ornamentale’, ma dev’essere commentata nel testo. Se la tabella o figura non è preparata dallo studente, la fonte esatta dev’essere riportata sotto di essa.
• Tutte le informazioni riportate nella tesi devono essere riportate correttamente alle loro fonti (bibliografiche, Internet, etc.). Lo studente dovrà quindi sempre citare nel testo la fonte. Esempi: (i) ‘Questo aspetto di quel fenomeno è rilevante per l’economia del turismo (Rossi, 1980)’; (ii) ‘Come suggerito da Rossi e Russo (2010), questo aspetto di quel fenomeno è rilevante per l’economia del turismo’.
• Non è in nessun modo accettabile copiare frasi letterali da altre fonti, a meno che non si tratti di una esplicita citazione (esempio: ‘come suggerisce Rossi (2010, p. 24), “è evidente come questo aspetto sia rilevante per l’economia del turismo”’). Uno degli obiettivi fondamentali della tesi di laurea è proprio imparare a rielaborare le informazioni raccolte da varie fonti.
• Il docente controlla sempre per la presenza di copia-e-incolla nella tesi. Nessuna tesi verrà approvata finché verranno trovati tali episodi.
• Inoltre, tutte le fonti citate nel manoscritto – e solo queste – devono essere riportate a fine tesi nella sezione ‘Riferimenti Bibliografici’ con la loro collocazione estesa. Esempi: (i) ‘Rossi, G. (1980), ‘Articolo utile per l’economia del turismo’, Rivista Generica di Economia del Turismo 10, 15–35’; (ii) Rossi, G., Russo, M. (2010), Libro Generico di Economia del Turismo. Editore, Cittàdipubblicazione.
• Nelle conclusioni, lo studente deve riassumere ciò che è stato trattato nella tesi ed i principali risultati della tesi, ricollegandosi all’introduzione.
• Lo studente è tenuto a rileggere sempre almeno una volta ciò che ha scritto prima di inviarlo al docente.