Foto del docente

Monica Bartolini

Professoressa associata

Dipartimento di Scienze Aziendali

Settore scientifico disciplinare: SECS-P/07 ECONOMIA AZIENDALE

Temi di ricerca

Parole chiave: Lean Accounting Digital Accounting Business Performance Analytics Gestione strategica dei costi Sistemi di controllo e piccole medie imprese Controllo strategico Principi contabili italiani e internazionali

Digital Accounting e Business Performance Analytics (BPA)

Gestione Strategica dei Costi (GSC): la GSC si propone di utilizzare le informazioni di costo per sviluppare strategie di consolidamento o innalzamento del vantaggio competitivo attraverso la leva dei costi.

Gestione dei costi e Lean Management (LM): la crescente diffusione del LM rende necessaria un'analisi critica e un'integrazione del Management Accounting, soffermandosi sulle caratteristiche adatte ad aziende snelle.

Controllo strategico: questa linea di ricerca ha come obiettivi fondamentali, vale a dire verificare la capacità dei sistemi di controllo strategico di supportare la gestione e valutarne le ricadute sulla performance.

Principi contabili internazionali per le grandi e le piccole-medie imprese (PMI): questa linea di ricerca valuta l'impatto che l'applicazione dei principi contabili internazionali avrà sui bilanci delle imprese, con particolare riferimento all'impatto degli stessi sul rating delle imprese secondo Basilea 2 e con particolare riferimento alle PMI.

Sistemi di controllo e PMI: questa linea di ricerca valuta l'attuale di sviluppo dei sistemi di controllo nelle PMI per proporre percorsi virtuosi.



GESTIONE STRATEGICA DEI COSTI - L'analisi strategica dei costi si propone di utilizzare le informazioni di costo per sviluppare appropriate strategie di consolidamento o innalzamento del vantaggio competitivo. Gli studi di gestione strategica dei costi affrontano in modo sistematico le questioni attinenti la dinamica della formazione del valore lungo la filiera, l'analisi delle attività e delle connesse determinanti di costo, che condizionano l'efficacia e l'efficienza, sia di breve sia di medio-lungo periodo, di un'azienda. L'adozione di un approccio strategico all'analisi e alla gestione dei costi può consentire, così, di produrre informazioni di costo strategicamente rilevanti, che aiutano a valutare sia la coerenza tra strutture di costo, attività presidiate e attività percepite come “a valore” dal cliente, sia il livello di efficienza nello svolgimento delle attività e dei processi, a livello aziendale e inter-aziendale.

GESTIONE DEI COSTI E LEAN MANAGEMENT - La crescente diffusione anche nel mondo occidentale della filosofia del Lean Management rende necessaria un'analisi critica e un'integrazione del ruolo e degli approcci del Management Accounting. Così, alla luce dei principi alla base del Lean Management, questa linea di ricerca si sofferma sulle caratteristiche di processo e di contenuto di un supporto informativo adatto ad aziende snelle, sia per quanto riguarda gli strumenti di analisi e gestione dei costi, sia relativamente ai sistemi di misurazione della performance in senso lato (con riferimento, in particolare, alla misurazione integrata della dimensione cliente, di quella economico-finanziaria e dei processi).

CONTROLLO STRATEGICO - Il decennio appena trascorso ha introdotto concetti e modelli di controllo qualificabili come epocali per numerosità, varietà e portata del cambiamento. Le ragioni di questa vera e propria rivoluzione sono riconducibili a un crescente mutamento del contesto competitivo e organizzativo dell'impresa e una conseguente perdita di rilevanza di quei sistemi di controllo tradizionalmente. Poiché si controlla ciò che si misura, quando le dinamiche sottostanti la creazione di valore non sono ben comprese o monitorate, il rischio di non cogliere le opportunità, o di non sfruttarle in modo adeguato potrebbe risultare assai elevato. Questa linea di ricerca ha quindi come obiettivi fondamentali: (1) misurare il grado di consapevolezza delle aziende italiane circa la necessità di sistemi di controllo strategico; (2) rilevare il loro concreto comportamento in relazione a tali necessità; (3) mettere a confronto la realtà italiana con la prassi internazionale; (4) verificare la capacità degli strumenti di controllo strategico di supportare gli approcci gestionali; (5) verificare l'aderenza tra comportamenti riscontrati sul campo e modelli teorici; (6) valutare le ricadute di tali interventi sulla performance economico-finanziaria.

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - Questa linea di ricerca si colloca in un progetto biennale PRIN 2005 “Prospettive di armonizzazione del bilancio delle piccole e medie imprese tra Basilea 2 e i principi contabili internazionali” (responsabile scientifico nazionale prof.ssa L.F. Mariniello). Il progetto si pone due principali obiettivi: (1) valutare l'impatto che l'applicazione dei principi contabili internazionali (IAS/IFRS) avrà sui bilanci delle imprese, con particolare riferimento alla valutazione degli equilibri economici, patrimoniali e finanziari derivanti dall'analisi per indici e per flussi; (2) esaminare l'impatto dei principi contabili internazionali sul rating delle imprese, in base ai requisiti richiesti dal nuovo accordo sul capitale, noto come “Basilea 2”, che dovrà essere implementato dalle banche entro la fine del 2006.

SISTEMI DI CONTROLLO E PMI - La crescita dimensionale e la successione imprenditoriale rappresentano due passaggi particolarmente critici per le piccole-medie imprese, durante i quali il ruolo dei sistemi di controllo si rafforza, poiché numerosi fattori mettono in discussione la sostenibilità del modello di business dell'impresa e la capacità di quest'ultima di difendere o creare valore economico. Tra le minacce/sfide più ricorrenti vale la pena ricordare: la presenza di mercati globali e instabili, l'abbattimento di numerose barriere all'entrata, la presenza di clienti sempre più consapevoli, cicli di vita di prodotto assai brevi, disponibilità di tecnologie a buon mercato e crescente saturazione dei mercati. Questa linea di ricerca si propone di: (1) valutare il livello attuale di sviluppo dei sistemi di controllo nelle PMI, (2) approfondire la conoscenza dei sistemi organizzativi e dei sistemi di governo, (3) individuare eventuali relazioni tra livello di sviluppo dei sistemi di controllo e performance aziendale, (4) proporre percorsi virtuosi per i sistemi di controllo e di governo, per supportare adeguatamente processi di crescita, di successione imprenditoriale, di innovazione e di internazionalizzazione.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.