Foto del docente

Luca Ciotti

Professor

Department of Physics and Astronomy

Academic discipline: FIS/05 Astronomy and Astrophysics

News

LETTERE DI PRESENTAZIONE PER PhD APPLICATIONS

Il numero sempre crescente di richieste di lettere di presentazione (~ 20/anno) per l'ammissione al Dottorato (sia in Italia che all'estero), mi induce a chiarire alcuni punti e fissare alcune regole, che possono essere utili e far risparmiare tempo.  

1) La partecipazione ad un Dottorato NON e' un "Gratta e Vinci": in genere i posti di dottorato NON vengono assegnati con estrazioni a sorte, pertanto NON e' vero che più' domande si fanno meglio e' (specialmente se la lettera di presentazione non e' molto forte).  

2) Il vecchio detto "tanto male non può fare" NON si applica alla ricerca di un posto di Dottorato. In generale, applicare con una lettera debole, non essere ammessi, e riapplicare l'anno successivo nel solito posto (magari con una lettera più forte, perché nel frattempo si e' fatta più esperienza, si e’ conseguita la laurea, etc.), NON e' la stessa cosa che applicare  una sola volta con una lettera forte.  

3) Una lettera di presentazione scritta da un persona che ti conosce appena NON può essere una lettera forte, specialmente nel contesto internazionale, dove la competizione per i posti "buoni" e' molto forte ed in genere frasi generiche sono controproducenti.  

Pertanto CONDIZIONE NECESSARIA per avere una mia lettera di presentazione per il Dottorato e'  

a) Che io sia stato RELATORE/CO-RELATORE/CONTRORELATORE della Tesi di Laurea MAGISTRALE.  

b) In casi particolari posso scrivere una lettera ANCHE se la Tesi non e' stata ancora discussa o terminata, a condizione di essere RELATORE/CO-RELATORE, e che la Tesi sia comuqnue ad un buon punto della scrittura.  

Se queste condizioni sono soddisfatte fatemi avere i voti che avete avuto nei miei esami, e in che anno accademico li avete sostenuti.   Infine  

c) Per ogni candidato/a (a parte situazioni molto particolari), non scrivo PIU' di una lettera per un dato posto. In concreto, se scrivo per la persona X che applica al posto Y nell'anno Z, e l'applicazione va male, di norma NON scrivo di nuovo per X a Y nell'anno Z+1.  

Published on: November 09 2011