Foto del docente

Francesca Tomasi

Ricercatrice confermata

Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica

Settore scientifico disciplinare: M-STO/08 ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Digital humanities and digital knowledge

Curriculum vitae

Francesca Tomasi è ricercatrice dal 2006 presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell'Università di Bologna. Si è laureata nell'a.a. 1996-97 in Conservazione dei Beni Culturali (indirizzo archivistico-librario), ha un diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica (conseguito nel 1998), una specializzazione in Informatica (conseguita nel 1999), e un dottorato in Italianistica (titolo conseguito nel 2005).

Si occupa di informatica umanistica (digital humanities) con un'attenzione speciale ai metodi della modellazione e progettazione computazionale di dati umanistici nel solco dei sistemi di organizzazione della conoscenza. Il focus della ricerca è sull'edizione digitale di testi e documenti nei sistemi di biblioteche ed archivi digitali. L'ottica privilegiata è quella della salvaguardia del cultural heritage nel circuito della valorizzazione del patrimonio culturale attraverso teorie, metodologie e tecniche informatiche.

Prima di diventare ricercatrice è stata tecnico laureato e cultore della materia in informatica per le scienze umane (2001-2006). È stata inoltre docente a contratto presso l'Università di Bolzano (Sede di Bressanone, Scuola Superiore per l'Insegnamento Secondario - SSIS) in Nuove tecnologie applicate alla didattica della lingua e della letteratura italiana (2001-2008).

È ad oggi titolare dei corsi di: Archivistica informatica (LM Italianistica, Scienze Storiche, CITEM) e Informatica umanistica (Cds L Lettere, Comunicazione, Filosofia) che tiene dal 2006.

È membro di vari comitati e consigli scientifici nazionali ed internazionali fra cui: Comitato scientifico del Centro Studi 'La permanenza del Classico' dell'Università di Bologna dal 2001; Comitato strategico del Portale Web Unibo, Comitato direttivo del Master in 'Edizione Elettronica del Testo e del Documento', Università degli Studi di Siena (sede di Arezzo) dal 2009; Comitato scientifico del Centro di Risorse per la Ricerca – Multimediale (CRR-MM) dell'Università di Bologna dal 2010; Consiglio Direttivo dell'Associazione italiana di Informatica Umanistica e Cultura Digitale (AIUCD) dal 2011; 'RESAW Network' (Research Infrastructure for the Study of Archived Web Materials), Program committee di IRCDL (Italian Research Conference on Digital Libraries), Scientific Committee della Leipzig 'School for Culture and Technology' ed 'EuropeanaTech Network' dal 2012; Advisory Board del 'Virtual Humanities Lab' (Brown University, Providence, RI-USA), del CERB (Centro di Ricerca in Bibliografia Unibo), e di ARUB (Archivio Umanistico Rinascimentale Bolognese) dal 2013; Consiglio del Dottorato in 'Culture letterarie e filologiche' di Unibo dal 2016.

Ha avuto vari incarichi in organi istituzionali d'Ateneo. Dal 2014 è Presidente della BDU (Biblioteca di Discipline Umanistiche) dell'Università di Bologna, membro della Giunta del Dipartimento, sherpa di 'Euper' Unibo per la tematica 'Culture and Creativity', membro del consiglio scientifico del gruppo di lavoro 'Imperial', coordinatore del gruppo di lavoro Informatica e Web del Dipartimento, e rappresentante di Unibo per il Coimbra Group, Task Force 'Culture, Arts and Humanities'.

È responsabile della sezione di informatica delle riviste «Griseldaonline», «Schede Umanistiche» e «Bibliothecae.it» ed infine è visiting researcher al DDH (Department of Digital Humanities) del King's college di Londra (dal 2009).

Fra le ultime attività ha organizzato: nel 2013 il workshop internazionale DH-CASE 2013 “Collaborative Annotations in Shared Environment: metadata, vocabularies and techniques in the Digital Humanities” (Co-located with DocEng ‘13); nel 2014 il 3° convegno annuale dell'Associazione per l'informatica Umanistica e la Cultura Digitale (AIUCD2014) “La metodologia della ricerca umanistica nell'ecosistema digitale”.

Fra i progetti correnti è membro del gruppo: “Authorship, variants, style: textual analysis between philology, linguistics, mathematics and computer science” (grant agreement FARB 2013).

Ha partecipato a numerosi convegni di digital humanities a livello internazionale sia come relatore che come membro del comitato scientifico (fra quelli internazionali: TEI, DH, DocEng, TPDL, IRCDL) e ha pubblicato vari contributi in materia su rivista e in volume. È autrice di cinque monografie e curatrice di numerosi volumi, nonché responsabile dell'edizione digitale delle Lettere di Vespasiano da Bisticci (http://vespasianodabisticciletters.unibo.it).

Profilo accademico breve

A.A.1996-1997: Laurea in Conservazione dei Beni Culturali, conseguita presso l'Università di Bologna, sede di Ravenna, con votazione 110/110 e lode e dignità di stampa.Tesi dal titolo: Usi dell'elaboratore nella critica e nell'analisi del testo. Applicazioni alle Novelle Porretane di Giovanni Sabadino degli Arienti. Relatore Prof. G.M. Anselmi, correlatore Prof. D. Buzzetti.

A.A. 1997-1998: Diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica, conseguito presso la Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell'Archivio di Stato di Modena.

A.A. 1998-1999: Perfezionamento post-laurea in Informatica conseguito presso la Facoltà di Scienze dell'Informazione, sede di Cesena, Università di Bologna.

A.A. 1999-2003: Dottorato di Ricerca in Italianistica (XV ciclo), Università di Bologna: progetto per l'edizione digitale (codifica XML-TEI) del corpus di lettere di Vespasiano da Bisticci (tutor Prof. G.M. Anselmi).

2001-2006: Tecnico laureato presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica, Università di Bologna.

Dal 2006: Ricercatore in Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (ING-INF/05), Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica, Università di Bologna.

Dal 2015: Ricercatore in Archivistica, Bibliografia e Biblioteconomia (M-STO/08), Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica, Università di Bologna.