Foto del docente

Federica Provini

Ricercatrice confermata

Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie

Settore scientifico disciplinare: MED/26 NEUROLOGIA

Temi di ricerca

Parole chiave: Disturbi del movimento durante il sonno Disturbi dell'alimentazione sonno-correlati Sindrome delle gambe senza riposo Addormentamento Parasonnie dell'adulto Sonnambulismo Disturbi del sonno nelle patologie neurodegenerative

  • Caratterizzazione clinica e polisonnografica dei disturbi dell’alimentazione sonno-correlati e studiato le relazioni tra sindrome delle gambe senza riposo (Restless Legs Syndrome, RLS) sovrappeso e obesità, studiando la variabilità dei sintomi della RLS in rapporto al variare del peso corporeo in soggetti sottoposti a calo ponderale controllato, in collaborazione con il Prof. Giulio Marchesini Reggiani dell’Università di Bologna.

    I disturbi dell'alimentazione durante il sonno costituiscono un gruppo di manifestazioni eterogenee le cui caratteristiche tendono a sovrapporsi, poiché non sono ancora stati stabiliti con chiarezza i confini tra una patologia e l'altra. Per lo stesso motivo non se ne conosce nemmeno l'esatta prevalenza nella popolazione generale. La ricerca nell'ambito dei disturbi alimentari correlati al sonno è in costante evoluzione e ancora non è stata definita una ben precisa classificazione e descrizione di uno spettro di sindromi cliniche diverse ma embricate tra loro. I due poli di questo spettro sono rappresentati dalla SRED (Sleep-Related Eating Disorder) e dalla NES (Night Eating Syndrome). I pazienti affetti da Sindrome delle gambe senza riposo sembrano presentare, più frequentemente dei soggetti di controllo, disturbi di tipo compulsivo ad emergenza dal sonno, tra cui il fumo e l'alimentazione. Scopo dello studio è quello di verificare la prevalenza della NES in una popolazione di pazienti affetti da RLS, di definire le caratteristiche cliniche del disturbo alimentare notturno e le caratteristiche della personalità di questi pazienti. 

  • Studio delle manifestazioni comportamentali sonno-correlate (parasonnie e crisi epilettiche ad insorgenza dal sonno) identificando, attraverso registrazione video-polisonnografiche, elementi semeiologici e poligrafici che, integrati con le informazioni anamnestiche, possano differenziare le crisi epilettiche notturne dalle manifestazioni motorie non-epilettiche sonno-correlate. Di particolare interesse è lo studio del sonnambulismo e dei disturbi dell’arousal (AD) nell’adulto come modello di interpretazione dei meccanismi che regolano il sonno e la veglia. Attraverso l’esecuzione di videopolisonnografie ripetute, a cadenza semestrale, lo studio si propone di classificare i pattern motori degli AD e definirne la loro evoluzione nel tempo. Attraverso il confronto con registrazioni di pazienti sani e pazienti affetti da epilessia ipermotoria sonno-correlata, sarà possibile studiare la fisiologia degli eventi motori durante il sonno e definire criteri diagnostici più rigorosi per gli AD, ad oggi mancanti.

 

  • Valutazione delle caratteristiche polisonnografiche, cognitive, vegetative e olfattive e loro evoluzione in pazienti con Disturbo del Comportamento in sonno REM (RBD) idiopatico (iRBD). Lo studio si propone di caratterizzare l’iRBD nella sua globalità, in termini di caratteristiche del sonno, profilo cognitivo, regolazione vegetativa e funzionalità olfattiva, valutando la progressione temporale della compromissione nei differenti ambiti nei pazienti con diagnosi iniziale di iRBD. Obiettivo dello studio è quello di individuare eventuali fattori predittivi di malattia neurodegenerativa.
  • E' inoltre in atto uno studio per l'identificazione del disturbo comportamentale del sonno REM (Rem Sleep Behaviour Disorder, RBD) nelle Artropatie Infiammatorie, patologie croniche caratterizzate da un impatto rilevante e continuativo sulla salute del paziente in collaborazione con il Prof. Roberto Meliconi dell’IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • PROPAG-AGEING: The continuum between healthy ageing and idiopathic Parkinson Disease within a propagation perspective of inflammation and damage: the search for new diagnostic, prognostic and therapeutic targets. Lo studio fa parte del progetto finanziato dalla Comunità Economica Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 ed è volto a comprendere i meccanismi ed i fattori di rischio che fanno deviare il processo di invecchiamento normale verso quello patologico, costituendo la base delle malattie neurodegenerative. Coordinatore: Prof. Claudio Franceschi; Co-coordinatore: Dr. Federica Provini