Foto del docente

Diego Marazza

Ricercatore a tempo determinato tipo a) (junior)

Dipartimento di Fisica e Astronomia

Settore scientifico disciplinare: FIS/07 FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)

Contenuti utili

Termofer Scarti Zero

Sono impegnato nel progetto

Integrazione di processi termochimici e reforming su biomasse di scarto e valorizzazione dei prodotti con un'approccio a rifiuti zero.

finanziato attraverso POR-FESR Emilia-Romagna 2014-2020

Iniziato: aprile 2016

Termina: maggio 2018

Il progetto e' finalizzato a sviluppare due processi innovativi di trattamento di scarti di potatura, vinacce e bucce di pomodoro, scarti agroenergetici come il digestato e scarti verdi e la frazione organica FORSU dei rifiuti urbani.

Questo avviene attraverso lo sviluppo di due processi e la costruzione di due relativi prototipi.

ll primo processo prevede lo sviluppo di un pirogassificatore updraft (75 KW) integrato con il processo catalitico di tar cracking e reforming con l'obiettivo di migliorare la qualita' e la quantita' di gas grazie alla trasformazione dei tar e dei vapori durante il processo catalitico. Cio' permette di alimentare al motore una miscela pulita migliorando l'efficienza e l'impatto ambientale della combustione.

Il secondo prototipo mira, attraverso un trattamento termochimico e reforming catalitico, a ottenere un gas ad alto contenuto di idrogeno, un solido tipo biochar e, per condensazione dei vapori, un liquido ad alto potere calorifico grazie alla spontanea smiscelazione dell'acqua.

I due prototipi in comune hanno l'obiettivo di ottenere un biochar a elevate prestazioni e sicurezza da utilizzare come ammendante le cui proprieta' saranno analizzate in uno studio dettagliato e una fase gas costituita da gas di sintesi e idrocarburi leggeri trasformabile in gas naturale sintetico (Bio-SNG) del tutto equivalente al biometano.

Il mio impegno è rivolto all'organizzazione dello sviluppo del II prototipo, alla sua collocazione in un ambiente industriale rilevante, alla sperimentazione di scarti di potatura, di vinacce e altri residui provenienti dalla lavorazione dell'uva in distilleria. Infine ho la responsabilità per la valutazione di sostenibilita' economica e ambientale in un'ottica di chiusura dei cicli e di impatto sulla filiera.