Foto del docente

Angelo Carbone

Professore associato

Dipartimento di Fisica e Astronomia

Settore scientifico disciplinare: FIS/01 FISICA SPERIMENTALE

Temi di ricerca

Fisica delle particelle elementari agli acelleratori: La fisica delle particelle elementari ha come scopo quello di studiare le forze fondamentali della natura e rispondere ad alcune domande ancora aperte sull'origine dell'universo e sulla sua composizione. In particolare oggi sappiamo che l’Universo è costituito prevalentemente da materia ignota, chiamata oscura. Evidenze sperimentali dimostrano che solo una piccola parte dell’Universo (meno del 5%) è costituito da particelle ad oggi osservabili. Uno degli scopi principali delle ricerche speriementali condotte agli acelleratori è quello di cercare nuove particelle non previste dal Modello Standard che potrebbero spiegare l'origine della materia oscura. Oggi questa ricerca è prevalentemente condotta nel laboratorio europeo CERN, dove grazie all'alto numero di collisioni di protoni prodotte dal Large Hadron Collider (LHC), esperimenti come ATLAS e CMS cercano di osservare direttamente nuove particelle, mentre l'esperimento LHCb cerca indirettamente la prova dell'esistenza di nuove particelle, misurando differenze tra misure sperimentali dei parametri del Modello Standard delle particelle elmentari e le relative previsioni teoriche.

Il prof. Carbone svolge la sua attività di ricerca analizzando i dati raccolti dall'esperimento LHCb e mediante misura di altissima precisione del Modello Standard cerca la prova indiretta dell'esistenza di nuove particelle.