Foto del docente

Vito Palmieri

Professore a contratto

Dipartimento delle Arti

Curriculum vitae

 

Vito Palmieri si laurea nel 2004 in Filmologia al Dams di Bologna.

Ottiene apprezzamento da critica e pubblico con Tana libera tutti (2006), finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, candidato nello stesso anno ai David di Donatello. Il cortometraggio si aggiudica oltre cinquanta riconoscimenti, tra cui il premio della giuria al Festival Arcipelago nel 2007 e un premio al festival di Novosibirsk in Russia. Seguono Se ci dobbiamo andare, andiamoci (2009), presentato al festival Human Rights Nights di Bologna ed Eclissi di fine stagione (2011), in concorso nella sezione Amnesty International del Giffoni Film Festival.

Nel 2011 approda al documentario con Il Valzer dello Zecchino - Viaggio in Italia a tre tempi, che vince il premio come miglior documentario all'Annecy Cinéma Italien, il premio speciale della giuria al Festival Internazionale Arcipelago, il primo premio al Molise Cinema Festival e una menzione speciale al Genova Film Festival.

Seguono Anna bello sguardo, un cortometraggio realizzato con l'Università di Bologna che rende omaggio a Lucio Dalla e il corto Matilde, selezionato al Festival Internazionale del Cinema di Berlino 2013 nella sezione Generation. Matilde vince numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali tra cui il premio come miglior corto al TIFF (Toronto International Film Festival) sezione Kids, il primo premio al RIFF (Rome Indipendent Film Festival) e il premio come miglior corto europeo all'HollyShorts Film Festival di Los Angeles.

Nel 2015 gira il documentario Le pareti di vetro prodotto dall'Apulia Film Commission all'interno del progetto ArtVision, trasmesso su SkyArte.

Lo stesso anno realizza il lungometraggio See you in Texas prodotto dalla Ascent film con Rai Cinema. Vince il Premio della Giuria al Festival del Cinema di Shanghai, il Premio del Pubblico al Biografilm Festival e viene selezionato nella rassegna Bimbi Belli di Nanni Moretti.

Nel 2018 è autore e regista de Il mondiale in piazza prodotto da Articolture, vincitore del Premio MigrArti e presentato lo stesso anno al Festival del Cinema di Venezia, vincitore di oltre cinquanta premi e selezioni in tutto il mondo, nonché della Cinquina dei Nastri d'Argento e ai Globi d'Oro 2019.