Foto del docente

Piergiorgio Degli Esposti

Professore associato

Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia

Settore scientifico disciplinare: SPS/08 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI

Temi di ricerca

Parole chiave: Mcdonaldizzazioe tribù di consumo consumo prosumer globalizzazione comunità di marca globalizzazione responsabilità sociale d'impresa esperienza consumi

Gli ambiti di ricerca di cui mi occupo sono principalmente legati al marketing, al consumo ed alla comunicazione. In particolare mi occupo di analizzare il rapporto che gli individui instaurano con il cibo, le relazioni sociali che emergono dalla condivisione dei pasti e del significato che gli alimenti veicolano all'interno delle varie culture. In questo quadro di riferimento assume particolare importanza il rapporto tra globlalizzazione e localismo, sia come variabile culturale che di mercato. Particolare interesse viene riservato al fenomeno della globalizzazione di stampo comunicativo ed all'analisi di come le marche commerciali siano in grado di costruire e di conseguenza comunicare realtà, universi esperienziali, che costituiscono il vissuto del cittadino consumatore. All'interno di questo inquadramento teorico acquisisce un nuovo significato la figura del prosumer (convergenza di produttore e consumatore) nelle logiche della produzione e del consumo




a)            il fenomeno del consumo con particolare riferimento ai consumi alimentari;

b)            il fenomeno dei consumi con particolare riferimento alle tecnologie digitali; 

c)            marketing e la comunicazione.

a)            Relativamente alla prima area, nel più ampio panorama della sociologia dei consumi ho cercato di approfondire il consumo alimentare come una particolare chiave di lettura delle trasformazioni in atto a livello sociale. L'analisi del rapporto che gli individui instaurano con il cibo in generale, e con il proprio sistema alimentare in particolare è il presupposto teorico di partenza delle mie ricerche in questo settore. Questo tipo di analisi non può prescindere dall'effettuare considerazioni sulla globalizzazione osservando come si integrino logiche globali e locali nella creazione di significati condivisi dell'interpretazione degli alimenti. Il consumo alimentare costituisce un agire sociale dotato di senso, sempre meno schiavo di logiche utilitaristiche e sempre più carico di significati simbolici. Da questa attività di ricerca è scaturita la pubblicazione di un volume monografico: Il cibo dalla modernità alla postmodernità (2004), e la partecipazione  a convegni come: “Cosa mangeremo tra venti anni. L'alimentazione tra cultura e salute” 2004, “Sorveglianza nutrizionale” 2002 .

b)            Parallelamente, ho approfondito l'analisi di un altro aspetto del consumo, quello legato alle tecnologie digitali, per comprendere quali siano gli effetti che l'innovazione tecnologica ha avuto e sta avendo sulla nostra società, in particolare per quanto riguarda il consumo e la fruizione di prodotti. Attraverso l'analisi della rete e la conseguente  dematerializzazione del consumo cerco di studiare se e come  siano cambiate le modalità di fruizione e di acquisto di prodotti.

Il percorso di studio e di riflessione avviato nel corso del periodo di studi del Dottorato di ricerca e tuttora al centro dei miei interessi scientifici, è partito da una analisi del sistema dei media che ha visto la pubblicazione di ricerche e saggi, come: Una “mappa” delle professioni della comunicazione (2005), Per un'analisi dell'offerta formativa in Italia (2005), L'informatica, le telecomunicazioni e la comunicazione mobile (2004). Nonché la partecipazione a ricerche come: Radiografia del sistema dei media in Emilia Romagna, televisione, radio ed internet.

c)            Un terzo campo di studio e ricerca intrapreso in questi anni dallo scrivente è quello relativo al marketing ed alla comunicazione. Particolare attenzione è stata prestata non solo ad un approccio tradizionale alle discipline ma anche ad un approccio di tipo sistemico, che privilegia nuove modalità di approccio al mercato. All'interno di tale contesto riveste un ruolo cruciale il marketing tribale e lo studio delle neo  tribù di consumatori, il marketing esperienziale e l'analisi delle strategie aziendali, sia nei confronti dei consumatori, sia a livello comunicativo che di approccio al mercato. In questa area di studio particolare interesse viene riservato al fenomeno della globalizzazione di stampo comunicativo ed all'analisi di come le marche commerciali siano in grado di costruire e di conseguenza comunicare realtà, universi esperienziali, che costituiscono il vissuto del cittadino consumatore. Questo percorso di riflessione teorica e di sperimentazione sul campo, per il momento ha prodotto la pubblicazione di due saggi: Il Meeting Point: uno scenario per le analisi delle tendenze di mercato (2001), Dal prodotto all'esperienza: nuove strategie dell'impresa (2007) e la traduzione di due saggi di autori di fama internazionale: I concetti di nothing e something nella disperata ricerca di significato nei marchi e nelle comunità di marca, G. Ritzer e il consumatore artigianale: cultura, artigianato e consumo nella società postmoderna, C. Campbell (2006) entrambi pubblicati in Cumsumo. Prospettive ed analisi del consumo nella società globale.