Foto del docente

Marco Franchi

Ricercatore confermato

Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita

Settore scientifico disciplinare: BIO/16 ANATOMIA UMANA

Temi di ricerca

Parole chiave: osteointegrazione implantareimpianti collagene tendini e legamenti tessuti connettivi melanoma ultrastruttura tumore mammario

Marco Franchi ha iniziato la sua attività scientifica nel 1983 e si è ben presto rivolto allo studio della matrice extracellulare e delle sue componenti, avvalendosi  delle diverse tecniche strutturali ed ultrastrutturali (Istologia, TEM, Freeze-etching, SEM, AFM).
I principali temi di ricerca riguardano l'ultrastruttura del collagene, del sistema elastico e dei proteoglicani; lo studio delle interazioni tra collagene e proteoglicani nei tessuti connettivi fibrosi; lo studio dell'organizzazione tridimensionale di tendini e legamenti, con particolare riferimento all'orientamento fibrillare; lo studio di biomateriali sostitutivi d'osso; lo studio dell'interfaccia di impianti endossei in campo odontoiatrico.
Ha svolto ricerche nell'ambito dei finanziamenti MURST e Progetto Europeo.
L'attività scientifica comprende relazioni su invito a Congressi nazionali ed internazionali ed è stata oggetto di pubblicazioni a stampa su riviste nazionali ed internazionali.

E' revisore di articoli scientifici per le seguenti Riviste Internazionali:

1)      Journal of Anatomy

2)      Tissue and Cell

3)      Histology and Histopathology

4)      Head and Face

5)      Micron

6)      Journal of Biomechanics

7)      Biomedical Materials

8)      Biomechanics and Modeling in Mechanobiology

 



Studio del collagene

Ricerche sugli aspetti morfologici ed ultrastrutturali dell'organizzazione del collagene nei tessuti connettivi in genere, in particolare tendini e legamenti: correlazioni tra struttura, diametro, distribuzione spaziale delle fibre e delle fibrille collagene e sollecitazioni funzionali cui sono sottoposti i diversi tessuti connettivi; studi sul rapporto tra proteoglicani ed organizzazione ultrastrutturale, molecolare e macromolecolare  (banding fibrillare)  delle fibrille collagene nei crimp fibrillari, in tendini e legamenti  rilassati e sottoposti a tensione meccanica “in vitro” ed “in vivo”. Indagini sulle correlazioni tra modificazioni biochimiche e modificazioni morfologiche dell'organizzazione microfibrillare del collagene: osservazioni ultrstrutturali di fibrille collagene previamente sottoposte a N-acetilazione e N-metilazione. Studi sulle modificazioni dell'organizzazione della matrice extracellulare e del metabolismo cellulare di tenociti espiantati da tendini di animali sottoposti a periodico allenamento di corsa su pedana rotante, e successivamente coltivati “in vitro”. Analisi biomeccanica delle proprietà elastiche di tendini sottoposti a stretching ciclico e del ruolo del collagene e dei proteoglicani sulle proprietà viscoelastiche tissutali.

Studio degli impianti endossei in titanio

Ricerche "in vitro" ed "in vivo" su impianti dentali endossei in titanio, con particolare attenzione ai meccanismi biologici che ne determinano la stabilizzazione meccanica e l'integrazione biologica nel breve e nel lungo periodo; studi "in vivo" sul ruolo della microtopografia e della morfologia della superficie implantare nel processo di osteointegrazione;  analisi qualitativa/quantitativa della dispersione periimplantare di particelle/detriti metallici e del rilascio ionico da impianti con diverse  superfici metalliche o rivestite di bioceramiche; studi sull' attività cellulare (adesione, proliferazione cellulare, attività ATPasica, produzione di markers fenotipici, formazione di noduli di mineralizzazione) di osteoblasti umani  coltivati  "in vitro" su diverse superfici implantari.

 

Studio dei campi elettromagnetici pulsati

Valutazione dell'effetto dei campi elettromagnetici pulsati a bassa intensità e a frequenza estremamente bassa (1-100 Hz) nei processi di osteointegrazione all'interfaccia tessuto ospite/impianto. Caratterizzazione mediante tecniche di microscopia ottica, elettronica a trasmissione ed a scansione con rilevatore per elettroni retrodiffusi, delle capacità osteoinduttive di biomateriali quali l'idrossiapatite naturale e l'idrossiapatite sintetica.