Foto del docente

Luca Barra

Professore associato

Dipartimento delle Arti

Settore scientifico disciplinare: L-ART/06 CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE

Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Informazione, culture e organizzazione dei media

Curriculum vitae

Scarica Curriculum Vitae (. 082021).pdf 371KB )

Luca Barra è professore associato presso il DAR – Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna dal 5 ottobre 2019. Tiene i corsi di Televisione e media digitali per il Corso di Laurea in DAMS – Discipline delle Arti, Musica e Spettacolo, di Culture della produzione televisiva per il Corso di Laurea magistrale in INCOM – Informazione, culture e organizzazione dei media e di Forme della serialità televisiva contemporanea per il Corso di Laurea magistrale in CITEM – Cinema, Televisione e Produzione Multimediale. Nel novembre 2018 ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale (ASN) come professore di prima fascia per il settore concorsuale 10/C1 – Teatro, musica, cinema, televisione e media audiovisivi.

 

Si occupa di media, e soprattutto di televisione, dal punto di vista sia storico sia contemporaneo, con particolare attenzione agli aspetti industriali, produttivi e di ricezione e consumo. Tra i suoi interessi di ricerca prevalenti si possono indicare le culture della produzione e distribuzione televisiva, le modalità di circolazione internazionale dei contenuti mediali (e le loro mediazioni nazionali), la storia della televisione italiana, europea e statunitense, la lunga serialità di finzione, i generi comici e umoristici e le evoluzioni dello scenario mediale contemporaneo.

 

Dal 2021, è coordinatore del Corso di Laurea magistrale in INCOM – Informazione, culture e organizzazione dei media e membro del comitato scientifico del Master in Produzione e Promozione Musicale dell’Università di Bologna. Nel 2021 è stato eletto nello steering committee dell'European Network for Cinema and Media Studies (NECS) ed è membro del nucleo di valutazione dei progetti locali dell'Emilia-Romagna Film Commission. È stato parte del comitato di selezione del Collegio Superiore dell’Università di Bologna (2020) ed è membro del comitato scientifico del Collegio Universitario di Torino Renato Einaudi (2020-2022). Dal 2018, è il delegato alla comunicazione del Dipartimento delle Arti e un componente del comitato scientifico di DAMSLab. Dal 2017, dirige la summer school dottorale “Mediating Italy in Global Culture”, in collaborazione con Brown University, Dickinson College, Ohio State University, University of Michigan e Wesleyan University.

 

Dopo la laurea magistrale a pieni voti in Comunicazione multimediale e di massa presso l’Università degli Studi di Torino (luglio 2007, relatore prof. Peppino Ortoleva), ha conseguito un dottorato di ricerca in Culture della Comunicazione presso l’Università Cattolica di Milano (ciclo XXIII), discutendo una tesi dal titolo “Risate in scatola. Storia, mediazioni e percorsi distributivi della situation comedy americana in Italia” (tutor proff. Aldo Grasso e Massimo Scaglioni). Tra l’aprile 2011 e il settembre 2016 è stato assegnista di ricerca presso la Facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere dell’Università Cattolica di Milano, collaborando alle attività del locale Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo e tenendo corsi di Economia e marketing dei media, International Media Systems e Storia e critica della televisione. Ha svolto attività di ricerca presso il Ce.R.T.A. - Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi ed è stato coordinatore didattico del Master FareTv. Gestione, sviluppo, comunicazione, presso l’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica (2011-2016), dove tiene tuttora il corso di Costruzione dei palinsesti. Dal 2016 al 2019 è stato ricercatore t.d. di tipo b presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, dove ha tenuto corsi di Storia della radio e della televisione e Teoria e tecnica dei nuovi media.

 

Ha scritto tre libri: La sitcom. Genere, evoluzione, prospettive (Carocci, Roma 2020); Palinsesto. Storia e tecnica della programmazione televisiva (Laterza, Roma-Bari 2015, sette ristampe); e Risate in scatola. Storia, mediazioni e percorsi distributivi della situation comedy americana in Italia (Vita e Pensiero, Milano 2012). Ha co-curato sei volumi collettanei: A European Television Fiction Renaissance. Premium Production Models and Transnational Circulation (Routledge, London 2021, con Massimo Scaglioni); SuperTele. Come guardare la televisione (minimum fax, Roma 2021, con Fabio Guarnaccia); Media-Storie. Lezioni indimenticate di Peppino Ortoleva (Viella, Roma 2020, con Giuliana C. Galvagno); Taboo Comedy. Television and Controversial Humour (con Chiara Bucaria, Palgrave, London 2016); Backstage. Studi sulla produzione dei media in Italia (con Tiziano Bonini e Sergio Splendore, Unicopli, Milano 2016); e Tutta un’altra fiction. La serialità pay in Italia e nel mondo. Il modello Sky (con Massimo Scaglioni, Carocci, Milano 2013). Ha co-curato numeri speciali di rivista sulla storia della televisione commerciale in Europa (su Comunicazioni sociali e VIEW. Journal of European TV History and Culture), sulla circolazione globale e sulle mediazioni nazionali dei programmi televisivi (sul Journal of Popular Television) e sul rapporto tra narrazioni seriali e tecnologia (su SERIES. International Journal of TV Serial Narratives). Ha collaborato con Aldo Grasso e Cecilia Penati alla Storia critica della televisione italiana (III voll., il Saggiatore, Milano 2019) e curato l’edizione italiana dell’intervista di Marshall McLuhan a Playboy (Franco Angeli, Milano 2013). Ha inoltre pubblicato numerosi saggi in volumi collettanei e riviste (tra cui Critical Studies in Television, International Journal of Cultural Studies, VIEW, SERIES, Comunicazioni sociali, Bianco e Nero, Cinergie, Cinéma&Cie, Fata Morgana, Imago, Schermi, Studi culturali, Problemi dell’informazione, Sociologia della comunicazione, Nuovi argomenti).

 

È responsabile di unità locale per il progetto di ricerca “F-ACTOR. Forme dell’attorialità mediale contemporanea. Formazione, professionalizzazione, discorsi sociali in Italia. 2000-2020” (PRIN 2017, guidato da Francesco Pitassio). È stato parte del team di ricerca dell’unità locale dell’Università di Bologna del progetto di ricerca “CInCIt – Circolazione Internazionale del Cinema Italiano” (PRIN 2015, guidato da Massimo Scaglioni). Collabora, inclusa la responsabilità di un deliberable e policy brief, con il progetto di ricerca “DETECt – Detecting Transcultural Identity in European Popular Crime Narratives”, finanziato dall’Unione Europea nel quadro di Horizon 2020 Research and Innovation Programme (grant agreement n. 770151, guidato da Monica Dall’Asta). Dal 2018 al 2020, è stato il principal investigator del progetto di ricerca “DAC – Distribuzione, adattamento, circolazione. Un modello industriale e culturale della televisione anglofona in Italia”, supportato dall’Università di Bologna con un finanziamento AlmaIdea. Ha ottenuto il finanziamento ISA Topic 2019 dell’Università di Bologna per un progetto su identità mediali, popular music, tv e populismo (con G. Manzoli, M. Santoro e M. Solaroli).

 

Per il triennio 2020-2022 è nel comitato di direzione de Il Mulino. Rivista di cultura e politica. È managing editor di SERIES. International Journal of Serial Narratives, componente dell’editorial board di VIEW. Journal of European TV History and Culture, membro dei comitati scientifici di Comunicazioni sociali/CS Journal, Simultanea. Journal of Italian Media and Pop Culture e La valle dell’Eden/East of Eden, e delle redazioni di Schermi. Storie e culture del cinema e dei media in Italia e Studi culturali. Collabora come revisore con numerose altre riviste scientifiche. Con Fabio Guarnaccia, dirige per l’editore minimum fax la collana di traduzioni italiane di testi sulla tv e sui media “SuperTele”. Inoltre, è consulente editoriale della rivista e del sito Link. Idee per la televisione.

 

Ha partecipato come relatore a numerosi convegni, nazionali e internazionali, e ha tenuto lezioni e seminari presso varie università italiane e straniere. Nel marzo 2018 è stato visiting professor presso l’Università di Roheampton, a Londra. È stato invitato presso l’Università di Lund in Svezia, l’Università di Cordoba in Argentina, l’Indiana University e la City University of New York negli Stati Uniti e l’Università della Svizzera Italiana a Lugano. Dal 2010, insegna nella summer school della George Mason University (US) presso l’Università degli Studi di Milano. Ha organizzato numerosi convegni internazionali, incluse quattro edizioni di “Media Mutations” (sui modi di produzione della serialità televisiva contemporanea, sui format televisivi, sulle culture e sulle logiche dell’intrattenimento, sullo stato attuale del broadcasting) e altri dedicati ai miti digitali, alla recitazione cinematografica e televisiva, agli archivi audiovisivi digitali, alla storia delle culture video e alla circolazione internazionale dei media. Dal 2016 è membro del conference committee di NECS. Partecipa regolarmente alle attività di network di ricerca nazionali, europei e globali tra cui CUC – Consulta Universitaria del Cinema, NECS – European Network of Cinema and Media Studies, ECREA – European Communication Research and Education Association, SCMS – Society for Cinema and Media Studies, Media Across Borders, ICA – International Communication Association, Global Internet TV Consortium.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.