Foto del docente

Franco Merni

Professore a contratto a titolo gratuito

Vicepresidenza della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie - Bologna

Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita

Temi di ricerca

1.Analisi longitudinale dello sviluppo motorio in soggetti in età scolare: Rilevazioni longitudinali su bambini delle scuole elementari e medie per mezzo di test standardizzati riguardanti capacità motorie come forza, rapidità, flessibilità e coordinazione (PRIN 2009).

Profili di sviluppo motorio e percentili nella popolazione emiliana eed Abruzzese (Progetti in colaborazione con il CONI). Sviluppo motorio in giovani praticanti Rugby

2.Valutazione dei parametri biomeccanici in relazione alle prestazioni di forza nella corsa veloce e di quelli metabolici nella corsa di resistenza.

Valutazione biomeccanica dei movimenti rotatori nella ginnastica artistica e pattinaggio artistico.

Valuazione biomeccanica del servizio e dei principali colpi nel tennis.

Valuatazione biomeccanica dei gesti tecnici e degli esercizi speciali della Pallavolo del Karate e nel Rugby.

Studio della prestazione in sitiazione di gara (Match Analisi) e allenamento nei giochi sportivi.



1.L'analisi longitudinale dello sviluppo motorio in soggetti in età prepuberale e puberale, si propone di studiare le relazioni tra sviluppo fisico, pratica di attività motoria e sportiva e prestazione di forza, flessibilità e quella coordinativa. Lo scopo è quello di definire le norme di riferimento dello sviluppo motorio di giovani emiliani praticanti sport o sedentari in collaborazione con diverse scuole e le strutture del CONI Regionale Emiliano ed Abruzzese. Si stanno definendo rapporti di collaborazione con altre strutture regionali del CONI  per poter avere un campione di riferimento nazionale in modo da poter confrontare i dati con quelli nazionali degli anni 80'. L'obiettivo finale sarà quello di determinare gli effetti della pratica sportiva e motoria o anche la carenza di attività motoria programmata. Quindi sviluppare profili che descrivano i normali modelli di accrescimento, maturazione e prestazione motoria.

2.Lo studio sulla valutazione dei parametri biomeccanici con metodi optoelettronici (cinematica lineare ed angolare, studio dei rapporti tra posizione del baricentro e appoggi ecc.) in relazione alle prestazioni di forza nella corsa veloce si propone di definire le caratteristiche biomeccaniche degli esercizi generali e speciali utilizzati dai velocisti nell'allenamento. Lo scopo finale è quello di migliorare la prestazione perfezionando il gesto tecnico e gli esercizi di allenamento prevenendo gli infortuni. Nello studio della corsa di resistenza i parametri biomeccanici sono messi in relazione con quelli metabolici per definire il costo energetico e migliorare l'economia dei gesti con minore rischio di tipo biomeccanico. La valutazione cinematica in 3D dei movimenti rotatori nella ginnastica artisticae pattinaggio artistico rilevati in allenamento e gara con strumenti optoelettronici ha lo scopo di mettere a punto i metodi di studio di movimenti complessi con rotazione attorno ad assi diversi del corpo in modo da fornire ad atleti, tecnici, e giudici maggiori informazioni obiettive su questi movimenti, migliorare la prestazione e la sicurezza.

 La valutazione biomeccanica del servizio e dei principali colpi nel tennis ha lo scopo di studiare i movimenti in atleti evoluti e principianti in moda da individuare obiettivamente i principali errori ed i rischi connessi.

La pallavolo è uno sport caratterizzato da un elevato numero di salti (di muro e d'attacco soprattutto, ma anche in battuta e per l'alzata). E' stata individuata nelle ricadute dai salti una delle cause dei più frequenti infortuni: la distorsione di caviglia (trauma acuto) e il ginocchio del saltatore (infortunio da sovraccarico). Le ricadute dai salti sono state oggetto di ricerche di carattere qualitativo, hanno evidenziato l'alta incidenza di ricadute monopodaliche. L'analisi qualitativa e quantitativa sarà applicata anche ad altri sport di squadra quali ad esempio il calcio e il rugby. I dati biomeccanici in 3D forniranno la base per uno studio obiettivo della prestazione e la prevenzione per mezzo di gesti più corretti.

.Nel Karate per mezzo di studi optoelettronici sincronizzati con l'elettromiografia è stata determinata la cinematica dei diversi segmenti corporei e delle articolazioni come pure il timing dell'intervento dei diversi gruppi muscolari coinvolti nei calci. Lo scopo e quello di studiare atleti evoluti e non, in modo da perfezionare il gesto tecnico con un feedback obiettivo per atleti ed allenatori ed individuare tecniche scorrette a rischio.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.