Foto del docente

Elisabetta Carfagna

Professoressa ordinaria

Dipartimento di Scienze Statistiche "Paolo Fortunati"

Settore scientifico disciplinare: SECS-S/01 STATISTICA

Temi di ricerca

Parole chiave: campionamento sequenziale statistiche dell'uso del suolo campionamento adattivo dati telerilevati campionamento areale e da base multipla statistica spaziale

La sua ricerca ha prodotto contributi teorici e applicativi nelle seguenti aree:

·        Statistiche agricole e ambientali;

·        Progettazione di indagini e analisi delle statistiche nazionali e internazionali;

·        Metodi di campionamento, basi di campionamento areali, da lista e multiple;

·        Uso di dati amministrativi per fini statistici;

·        Statistica spaziale;

·        Uso di dati tele-rilevati, sistemi informativi geografici e GPS per la produzione, l'analisi e la diffusione di statistiche;

·        Disegno degli esperimenti e altri metodi statistici per l'innovazione continua, il controllo di qualità e la valutazione d'impatto;

·        Analisi di dati qualitativi;

·        Statistiche culturali;

·        Statistica per la ricerca bio-medica;

·        Studio di dati ambientali, paesaggistici e dell'uso del suolo;

·        Indagini sui consumi e sui bilanci delle famiglie;

·        Analisi degli andamenti dei prezzi;

 

·        Modelli statistico-deterministici.



Le principali linee di ricerca sviluppate riguardano i metodi adattivi sequenziali, il campionamento areale, le basi di campionamento incomplete e multiple, la statistica spaziale, l'uso a fini statistici di dati tele-rilevati e dati amministrativi, anche individuando legami tra i diversi ambiti.

In particolare, oggetto di ricerca è lo sviluppo di metodi adattivi sequenziali efficienti che, sotto condizioni molto generali, in un'ottica di campionamento da popolazioni finite, consentono la stima corretta dei parametri di interesse. Le applicazioni realizzate concernono il controllo di qualità e la validazione di basi di dati georiferiti, in particolare la foto-interpretazione di dati tele-rilevati e la rilevazione di dati sull'uso del suolo in presenza di errori di rilevazione.

Il collegamento tra il campionamento areale e la statistica spaziale si è incentrato sull'ottimizzazione di metodi di campionamento areale e puntuale, elaborando strategie che fanno uso dell'autocorrelazione spaziale a livello del piano di campionamento e che impiegano dati ausiliari aventi coordinate territoriali.

L'analisi di relazioni tra campionamento areale, l'uso di dati tele-rilevati e campionamento adattivo sequenziale ha dato luogo alla creazione di un modello per l'analisi delle trasformazioni territoriali.

Riflessioni metodologiche hanno riguardato l'uso dei dati tele-rilevati per la produzione di statistiche agricole e dell'uso del suolo, valutandone anche la convenienza economica e l'impiego combinato di diverse fonti informative, tra cui i dati amministrativi, per la creazione di sistemi di monitoraggio dell'agricoltura.

Ulteriori ambiti di ricerca sono stati alcune problematiche inferenziali riguardanti sia la stima di densità, sia la costruzione di modelli regressivi logistici per dati qualitativi e quantitativi, con applicazioni in ambiti territoriali e medici e lo studio del mercato librario e della lettura.