Foto del docente

Cristina Demaria

Professoressa associata

Dipartimento di Filosofia e Comunicazione

Settore scientifico disciplinare: M-FIL/05 FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI

Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Semiotica

Curriculum vitae

Attuale posizione lavorativa

Da dicembre 2011 è professoressa associata nel settore M-FIL 05 presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, Scuola di Lettere e Beni Culturali, Università di Bologna

Interessi di ricerca

Semiotica della cultura

Semiotica dei media e dei linguaggi audiovisivi

Studi di genere e femminismo

Memory Studies e Trauma Studies

Lingue

Ottima conoscenza dell'inglese scritto e parlato.

Buona conoscenza dello spagnolo e del francese scritti e parlati.

Formazione

1987: consegue a pieni voti (42/42) il Baccalaureato Internazionale presso lo United World College of the Adriatic (Duino, Trieste).

1992: si laurea (110 e lode) presso il corso di laurea D.A.M.S. dell’Università di Bologna con una tesi dal titolo Situazioni di crisi nei processi comunicativi: problemi di credibilità e di fiducia.

Supera il concorso di ammissione al Dottorato di Ricerca in Semiotica coordinato dal prof. Umberto Eco presso l'Università degli Studi di Bologna.

1995: consegue una borsa di studio erogata dalla Brown University (Providence, R.I., U.S.A.) per svolgere attività di ricerca (da gennaio a maggio 1996) presso il dipartimento di Modern Culture and Media.

1996: consegue in data 29/11/1996, presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna, il titolo di Dottore di Ricerca in Semiotica (VIII ciclo).

Carriera accademica

1996/1997: consegue una borsa di studio attinente all'area socio-comunicazionale stanziata dalla Banca Regionale Europea S. p. A., per svolgere attività di ricerca presso l'"Osservatorio sui problemi economici e socio-comunicazionali dell'informazione" dello I.U.L.M. di Milano.

1997/1999: consegue una borsa di studio di Post-Dottorato in Scienze Umanistiche, indirizzo filosofico, valida per l’A.A. 1996/1997 e rinnovata nell’A.A. 1997/1998, per compiere attività di ricerca presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università degli Studi di Bologna.

È titolare di una borsa di studio per attività didattica e di ricerca presso la cattedra di Semiotica della Libera Università di Lingue e Comunicazione I.U.L.M. di Milano.

2000/2003: è Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna ove collabora al progetto “Corpo e semiotica: problemi di testualità e di efficacia simbolica”, coordinato dal prof. Umberto Eco.

2004/2011 è Ricercatrice (confermata nel 2007) di Semiotica con afferenza presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna.

2010: consegue l'idoneità nella procedura di valutazione comparativa per il reclutamento di n.1 professore universitario di ruolo – fascia degli associati – nel settore scientifico-disciplinare M-FIL/05.

Attività didattica

1997/1998: è titolare di un contratto integrativo di docenza per il corso di Semiotica presso lo I.U.L.M. di Milano.

1998/1999: ottiene un contratto di docenza per l’A.A. 1998/1999 di “Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa” nell’ambito del Diploma per Operatori del costume e della moda dell’Università degli Studi di Bologna con sede a Rimini (Rimini);

È titolare di un modulo di docenza del corso di Economia e organizzazione delle imprese editoriali tenuto dal prof. Umberto Eco nell’ambito del corso di laurea di Scienze della Comunicazione dell’Università di Bologna.

Negli anni accademici 2000/2001; 2001/2202 e 2002/2003 ottiene un contratto di docenza per il corso di Semiotica (40 ore) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Ferrara.

2002: È docente della Scuola di Semiotica Narratività e media, organizzata dal Centro di Studi Semiotici e cognitivi dell’Università di San Marino, su “Le forme di narrazione della reality tv”.

2004: È docente della Scuola di Semiotica Sociosemiotica, organizzata dal Centro di Studi Semiotici e Cognitivi dell’Università di San Marino su: “Le narrazioni collettive dei genocidi di guerra. Analisi sociosemiotica di un nuovo concetto di ‘prova’ ”.

Come strutturata dell’Università di Bologna, ha svolto i seguenti corsi:

A.A. 2003/2004: Titolare del corso di Semiotica della cultura (30 ore), fondamentale del Corso di Laurea specialistica in Discipline Semiotiche.

Docente del Laboratorio formativo di Analisi del testo in una prospettiva di genere (20 ore), del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

Docente del Laboratorio formativo sull’immagine dell’altro: l’interculturalismo in televisione del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

A.A. 2004-2005: Titolare del corso di Teoria del testo (42 ore), per il Master di II livello in Editoria Cartacea e Multimediale della Scuola Superiore di Studi Umanistici della Facoltà di Lettere.

Titolare del corso di Analisi dei testi pubblicitari (30 ore), opzionale del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

Titolare del corso Media and conflict (corso tenuto in inglese - 20 ore) per il Master di I livello MIREES – Interdisciplinary Studies in Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna - Polo didattico di Forlì.

Docente del Laboratorio formativo sull’immagine dell’altro: l’interculturalismo in televisione (20 ore), del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

A.A. 2005-2006: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, nuovo ordinamento.

Titolare del corso Media and conflict (20 ore) per il Master di I livello MIREES – Interdisciplinary Studies in Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Polo didattico di Forlì.

A.A. 2006-2007: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, nuovo ordinamento.

Titolare del corso Media and conflict (20 ore) per il Master di I livello MIREES – Interdisciplinary Studies in Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Polo didattico di Forlì.

A.A. 2007-2008: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, nuovo ordinamento.

Titolare del corso Media and conflict (20 ore) per il Master di I livello MIREES – Interdisciplinary Studies in Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Polo didattico di Forlì.

A.A. 2008-2009: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, nuovo ordinamento.

Titolare del corso di Sociosemiotica (30 ore) della Laurea Specialistica in Discipline semiotiche della Facoltà di Lettere e Filosofia.

Titolare del corso Media and conflict (20 ore) per il Master di I livello MIREES – Interdisciplinary Studies in Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Polo didattico di Forlì.

A.A. 2009-2010: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

Titolare del corso di Semiotica e studi culturali (30 ore), della Laurea Magistrale in Semiotica della Facoltà di Lettere e Filosofia.

Titolare del modulo Russian and Soviet Cinema, del corso di Politics and Literature, della Laurea Magistrale MIREES Interdisciplinary Research and Studies on Eastern Europe della Facoltà di Scienze Politiche – Polo didattico di Forlì.

A.A. 2010-2011: Titolare del corso di Semiotica I (60 ore), fondamentale del I anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

Titolare del corso di Semiotica e studi culturali (30 ore), della Laurea Magistrale in Semiotica della Facoltà di Lettere e Filosofia.

Titolare del modulo (20 ore) Conflict, Violence and Reconciliation in South Eastern Europe, del corso Balkan Contemporary Studies della Laurea Magistrale MIREES.

A.A. 2011-2012: Titolare, e docente di un modulo di 30 ore, del corso di Semiotica II (60 ore), fondamentale del II anno del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione.

Titolare del corso di Semiotica e studi culturali (30 ore), della Laurea Magistrale in Semiotica e della Laurea Magistrale in Comunicazione sociale e politica.

Titolare del modulo Media and Soviet Cinema, del corso Memories and Media Representations in Eastern Europe della Laurea Magistrale MIREES

A:A: 2012/2013: Titolare del corso Semiotica, percezione, cognizione (30 ore) della Laurea Magistrale in Semiotica

Titolare del corso di Gender Studies (30 ore) della Laurea Magistrale in Semiotica e della Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica e sociale.

Titolare del corso di Analisi dei linguaggi televisivi (60 ore), del Corso di Laurea triennale in Scienze della Comunicazione

Titolare del modulo Media and Soviet Cinema, del corso Memories and Media Representation in Eastern Europe della Laurea Magistrale MIREES.

A.A. 2013/2014 e A.A. 2014/2015: Titolare del corso di Gender Studies (30 ore) della Laurea Magistrale in Semiotica e della Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica e sociale.

Titolare del corso di Analisi dei linguaggi televisivi (60 ore), del Corso di Laurea triennale in Scienze della Comunicazione

Titolare del corso di Semiotica dei media della Laurea Magistrale in Semiotica.

Titolare del modulo Media and Soviet Cinema, del corso Memories and Media Representation in Eastern Europe della Laurea Magistrale MIREES.

Dall’ AA 2015/2016 ad oggi: Titolare del corso di Analisi dei linguaggi televisivi (60 ore), del Corso di Laurea triennale in Scienze della Comunicazione .

Titolare del corso in inglese Semiotics of conflict della Laurea Magistrale in Semiotica.

Titolare del corso di Semiotica dei media della Laurea Magistrale in Semiotica.

Attività scientifica e di ricerca:

Ha partecipato a numerosi programmi di ricerca nazionali ed internazionali, tra cui:

1989: partecipa in qualità di analista alla ricerca “AD report '90”, diretta dai professori Roberto Grandi e Marino Livolsi e promossa da Rusconi Editore, su “Le modalità semiotiche di rappresentazione dei sentimenti in pubblicità”.

1991: partecipa in qualità di analista alla "Ricerca socio-semiotica sui significati valoriali trasmessi dalla pubblicità televisiva per le bevande alcoliche", per conto della SIPRA.

1992: Realizza in qualità di ricercatrice la ricerca "Video Music giornale: quale strategia comunicativa?" per conto dell'editore di questa stessa testata.

1993: Collabora a una ricerca sull'immagine stampa della FIAT coordinata dal prof. Roberto Grandi e commissionata dalla FIAT stessa all'istituto di Discipline della Comunicazione dell'Università degli Studi di Bologna.

1994: collabora con recensioni e lezioni seminariali all'attività didattica della Fondazione San Carlo di Modena.

1996: partecipa a “Newsgroup”, un'analisi qualitativa dei telegiornali nazionali nel corso della campagna elettorale, diretta dal prof. Roberto Grandi

1996/1997: è consulente presso il Centro di Documentazione sulla Salute dell'USL di Bologna e Ravenna, sul tema della "Comunicazione del rischio". Nell'ambito di questa consulenza, svolge alcune lezioni di formazione sulla “Comunicazione del rischio per la salute di origine ambientale”.

È tutor del I Master per Comunicatori Pubblici promosso dall'Università degli Studi di Bologna e dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, sede di Bologna.

1997/1998: partecipa in qualità di docente al Training Course for Mediterranean Women Journalists organizzato dall’UNESCO, svolgendo conferenze al Cairo (dicembre 1997) e a Rabat (aprile 1998).

Partecipa in qualità di analista a una ricerca su “I programmi di culto televisivi” commissionata da Mediaset e coordinata dal prof. Ugo Volli presso la Libera Università di Comunicazione e Spettacolo I.U.L.M.

Partecipa in qualità di analista a una ricerca su “La divinazione”, coordinata dal prof. Ugo Volli e svolta presso l’istituto di Comunicazione della Libera Università di Comunicazione e Spettacolo I.U.L.M.

È componente dell’unità operativa locale del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna per la ricerca fondi 40% dal titolo “Identità, senso comune e rappresentazioni sociali: la costruzione sociale del paradigma giovanile”, coordinata dal prof. Franco Crespi dell’Università di Perugia.

Collabora alla sezione dedicata alla Comunicazione, redigendo le voci Editoria, Frame, Gender, Lettura, Paratesto, Semiosfera, dell'enciclopedia multimediale Encarta della Microsoft (edizione 1999).

1999/2000: è componente dell’equipe di ricerca su “L’analisi dell’immagine femminile e della distribuzione dei ruoli di genere nella programmazione RAI”, coordinata dal dott. Francesco Marsciani presso la Libera Università di Comunicazione e Spettacolo I.U.L.M. e commissionata dalla RAI.

È componente dell’unità operativa locale del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna per il progetto finanziato dalla Comunità Europea (European TSE Project PL 987028), e coordinato dall’OMS, dal titolo Public perceptions of BSE and CJD risk in Europe, their interplay with media, policy initiatives ans surveillance issues. Drawing the lessons for information policy.

2000/2002: è componente dell’unità del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna per la ricerca fondi 40% dal titolo “Le relazioni di opposizione tra storia e teoria”, diretta dal prof. Umberto Eco.

2003: È componente dell’unità del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna nell’ambito del progetto europeo “Portico”, Iniziativa Comunitaria EQUAL su “Tecnologie Informazione/Comunicazione per l’Occupazione”, per cui compie una ricerca sul rapporto tra donne e nuove tecnologie, e sulla rappresentazione del lavoro femminile nella televisione generalista italiana.

2004/2006: È membro del gruppo di ricerca del Dipartimento di Discipline della comunicazione su La rappresentazione del mediterraneo, fra memoria e progetto. Stereotipi, nuove politiche identitarie, costruzioni semiotiche. Il progetto è stato finanziato dall’Università di Bologna nell’ambito dei "finanziamenti alle strutture per progetti pluriennali di ricerca di particolare interesse nazionale ed internazionale".

È componente dell’unità del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna per la ricerca fondi 40% dal titolo “Le passioni nei conflitti interculturali”.

2006/2008: È componente dell’unità del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna per la ricerca fondi 40% dal titolo “Memoria, scrittura, testimonianza”.

È membro dell’unità di ricerca interdisciplinare del Centre for the Study of Post-conflict Cultures dell’Università di Nottingham per un progetto, finanziato dalla British Academy for Arts, su “Diaspora and cultural transfer”.

2011: collabora con CES (Centro de Estudos Sociais), un centro di ricerca interdisciplinare dell’Università di Coimbra (Portogallo), dove partecipa al workshop internazionale di ricerca su Colonial Wars: collective traumas, European memories, finanziato dalla European Science Foundation e tenutosi a Coimbra il 3 e il 4 di ottobre.

È componente dell’unità di ricerca del Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna, partner del progetto europeo EINS, Network of Excellence in Internet Science, finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del 7th Framework Programme.

2013-2015 : è componente del gruppo di ricerca del Progetto Farb (Finanziamento di Ateneo alla Ricerca di Base) Call 19.1.2012/31.1.2013 su ““Smart cities, socio-cultural capital and cultural heritage”.

2014-2017: Progetto FP7-PEOPLE-2013-IRSES , “A Lesson for Europe: Memory, Trauma and Reconciliation in Chile and Argentina”, in collaborazione con l’Argentina (Universidad Nacional de Cordoba), il Cile (Pontificia Universidad Catolica de Chile) e l’Università di Nottingham (UK). Nell’ambito di questo progetto, ha svolto un mese di ricerca in Argentina (giugno 2015) e in Cile (agosto 2016).

Dal 2010 a oggi è membro di TraMe, centro di ricerca intradipartimentale su memorie e traumi culturali, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, Università di Bologna.

Titoli

2001: Nell’ambito della convenzione tra l’Università di Bologna e l’Università di Monréal (Québec, Canada svolge un periodo di ricerca (settembre 2001) come Visiting Researcher Fellow presso il Départément de Littérature Comparée,

2003. Ottiene una Leverhulme Research Fellowship presso l’Università di Nottingham (UK), (School of Modern Languages) con un progetto su “Post-conflict cultures”. Durante i sei mesi di durata della borsa trascorsi in Inghilterra, ha partecipato come relatrice a seminari di ricerca, lezioni di master e di dottorato, e ha contribuito all’organizzazione di un convegno internazionale.

2010: è Visiting Research Fellow (aprile 2010) presso l'Università Cattolica del Cile (Santiago), Dipartimento di Studi teatrali, dove partecipa al progetto “El teatro téstimonial”, tenendo inoltre lezioni e seminari per docenti e giovani ricercatori.

2012: è Visiting Research Fellow presso L’Institute of Advanced Studies dell’Università di Londra, presso cui soggiorna tra febbraio e marzo del 2012.

Nell'ambito degli accordi quadro tra l'Universitа di Bologna e l'Universidad de Buenos Aires (UBA- Argentina), è Visiting Professor presso la Facultad de Ciencias Sociales, dove tiene un corso su “Memoria, giustizia e testimonianza” (20 ottobre-2 novembre 2012).

Attività istituzionali e incarichi accademici

2000-2014: è segretaria scientifica della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna, presso la quale ha partecipato all’organizzazione e alla coordinazione di diciannove cicli di Lezioni Magistrali, tenute da studiosi italiani e stranieri di chiara fame, e di numerosi seminari interdottorali.

2004: Nell’ambito del progetto “Portico”, Iniziativa Comunitaria EQUAL su “Tecnologie Informazione/Comunicazione per l’Occupazione” ha partecipato all’organizzazione del seminario transnazionale Donne nella società della rete – Tecnologie dell’Inofrmazione e della Comunicazione, che si è svolto presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione il 15 e 16 maggio 2004.

2004-2014: è membro del Comitato Direttivo del Centre for the Study of Post-conflict Cultures dell’Università di Nottingham (UK), presso cui ha organizzato due convegni internazionali (Post-conflict Cultures: Rituals of Representations, giugno 2004, e The Genres of Post-conflict Testimonies, maggio 2008).

2005: ha organizzato il convegno internazionale patrocinato dal Dipartimento di Discipline della Comunicazione, Unibocultura e dalla Scuola Superiore di Giornalismo su “Media e conflitti: comunicazione, rappresentazione e marketing delle guerre”, tenutosi a Bologna (10-11 marzo)

2008: su incarico del Rettore, ha organizzato e coordinato la Summer School internazionale sulla Cultural Diversity, tenutasi a Bologna dal 23 al 28 giugno sotto il patrocinio del Forum Internazionale delle Università Pubbliche (FIUP), di cui l’Università di Bologna è parte.

2015- 2017: è responsabile, insieme a Tomas Albaladejo (Università Autonoma di Madrid) dell’area dedicata alla ricerca dell’International Consortium for the Study of Post-conflict Societies con sede presso l’Università di Coimbra (Portogallo).

2014-2017: su incarico del Rettore, è componente del panel di valutazione dei prodotti della ricerca dell’Università di Bologna per l’area 11, che fa capo alla Commissione per la valutazione della ricerca di Ateneo (VRA).

2015: è componente del gruppo di lavoro sul progetto "Indicazioni per la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'Università di Bologna", promosso dal Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni nel lavoro – CUG.

Dal 2015 è membro del Collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca Philosophy, Science, Cognition and Semiotics del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione.

Da novembre 2015 è Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Semiotica del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione (Scuola di Lettere e Beni Culturali)

Appartenenza a comitati scientifici e editoriali; direzione di riviste

Dal 2005 è membro del Comitato Editoriale della rivista trimestrale Studi Culturali pubblicata da il Mulino (Bologna). Ha co-diretto questa rivista insieme a Roberta Sassatelli dal 2012 al 2015.

Dal 2008 è membro della Redazione di Versus. Quaderni di studi semiotici, rivista semestrale prima pubblicata da Bompiani (Milano), e ora membro del comitato editoriale di questa stessa rivista, ora pubblicata da il Mulino.

Riconoscimenti

1999: insieme a Lucio Spaziante, vince il concorso bandito dalla RAI, sezione Verifica Qualitativa Programmi Trasmessi, per un progetto originale di ricerca su “La reality tv”.

2005-2013: è stata prima Special Professor e, da agosto del 2011 fino ad agosto 2013, Honorary Professor,della School of Modern Languages and Cultures dell’Università di Nottingham (UK), dove è stata titolare (negli A.A. 2006-2007; 2007-2008; 2008-2009 e 2009-2010) del modulo Gender and War (10 ore) del corso Communication and conflict del Master su Post-conflict Cultures.

Partecipazione a convegni e seminari nazionali e internazionali (selezione)

1992: relazione al Seminario Internazionale di Semiotica e Marketing, presso la Scuola Estiva di Semiotica dell’Università di Urbino, su “Situazioni di crisi nei processi comunicativi: il caso Honeywell-Bull”.

1994: relazione al III Convegno Internazionale delle Città Educative Ri-conoscersi: per una nuova geografia delle identità, svoltosi a Bologna, su “Identità ed evento: gli spettri della teoria”.

1996: discussant al Convegno Internazionale Sex and Gender: tha State of Critical Theory, organizzato a Bologna dall’Università di Bologna e dall’Università della California.

1997: relazione al convegno annuale dell’A.I.S.S. (Associazione Italiana di Studi Semiotici) su “Le teorie semiotiche del testo nel post-strutturalismo americano contemporaneo”.

Relazione al convegno La comunicazione politica, organizzato dall’Istituto di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna, su “I rituali politici della Lega e del PDS”.

1998: relazione al convegno annuale dell’Associazione di Semiotica visiva, svoltosi a Siena, su “Manipolare la superficie: l’opera di Cindy Sherman”.

1999: comunicazione al convegno annuale dell’A.I.S.S su “Identità e confini tra semiotica e Cultural Studies”.

2000: comunicazione al seminario svoltosi a Bologna Spazialità: forme e valori, organizzato dall’Università di Roma e dall’Università di Bologna, su “Narratività e spazi: alcuni esempi fra semiotica e Cultural Studies”.

Relazione al convegno Teoria e prassi della traduzione letteraria su “Problemi di genere e di etnia”, svoltosi presso l’Università di Cassino.

Relazione al convegno annuale dell’A.I.S.S., svoltosi a Castiglioncello, su “La seduta divinatoria come testo efficace”.

Relazione alla 4th European Feminist Research Conference, tenutasi a Bologna, su “Little Women Grow up: Lara Croft and her Sisters”.

Relazione alla 4th European Feminist Research Conference, tenutasi a Bologna, su “Gender and Representation in the News”.

2001: Relazione al convegno internazionale Fashion Studies, tenutosi a Stoccolma, organizzato dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Bologna e dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccoloma, su “From the Catwalk to Barbie: the body of the mannequin”.

2002: Relazione al convegno internazionale Comunicacion y conflicto intercultural: fronteras y traducciones, organizzato dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Universidad Rey Juan Carlos di Madrid, su “Teoria, metodi e politica: un confronto fra semiotica e Cultural Studies”.

2003: Relazione al convegno internazionale Art and Fashion Conference, tenutosi a Los Angeles e organizzato dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Bologna e dall’ Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, su “Undressed to kill: revealing/reveiling the body”.

Relazione al convegno internazionale Il senso degli altri:generi, culture, rappresentazioni, organizzato dal “Centro Internazionale di Studi Semiotici e Cognitivi dell’Università di San Marino”, su “Ibridità e traduzione: metafore e aporie dei nuovi studi culturali”.

Relazione al convegno internazionale Cultural Studies and Kulturwissenshaften: comparing methodologies, organizzato dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Palermo, su “I Cultural Studies oggi”.

Relazione al convegno Streghe, Madonne e sante postmoderne organizzato da Orlando – Centro di Documentazione delle Donne e Biblioteca Italiana delle Donne e Cassero di Bologna, su “I body genres nella televisione italiana”

2004: Relazione al seminario transnazionale organizzato nell’ambito del progetto Portico, Iniziativa Comunitaria Equal su Donne nella società della rete – Tecnologie dell’Inofrmazione e della Comunicazione su “Tecnologie, rappresentazioni e corpi femminili nella riflessione femminista e nella televisione generalista”.

Relazione al convegno internazionale Post-conflict Cultures: Rituals of Representation, organizzato dall’Università di Nottingham, su “Woman and war”.

Relazione al seminario internazionale su Remake-rework: sociosemiotica delle pratiche di replicabilità, organizzato dal Centro Internazionale di semiotica e linguistica dell’Università di Urbino, su “Kill Bill 1 tra remake e citazioni”.

Relazione al convegno su Mutazioni audiovisive. Sociosemiotica, attualita' e tendenze nei linguaggi dei media, organizzato dall’Università di Genova, su “Kill Bill 2: variazioni ritmiche e dialoghi transtestuali”

2005: Relazione al convegno internazionale Media e conflitti. Comunicazione, rappresentazione e marketing delle guerre, organizzato da Unibo Cultura, Scuola Superiore di Giornalismo e Dipartimento di Discipline della Comunicazione, su “Media Representations of Tortures and Abuses: from Guantanamo to Abu Ghraib”

Discussant al convegno internazionale su Donne, Lavoro e TV organizzato da CNEL (Consiglio Nazionale per l’Economia e il Lavoro) in collaborazione con la Commissione Europea.

Relazione al convegno internazionale Happiness and Post-conflict Cultures organizzato dalla School of Modern Languages and Cultures e dal Centre for the Study of Post-Conflict Cultures dell’Università di Nottingham, su “Reconciliation and forgiving: the power of happy memory”.

2006: Relazione al convegno Blurring Landscapes. Sociosemiotica della vita quotidiana, organizzato dal Corso di Laurea specialistica in Sistemi e Comunicazione della Moda e dal Corso di Laurea specialistica in Discipline Semiotiche dell’Università di Bologna, in collaborazione con l’AISS, con una relazione dal titolo “Trance-culture”.

Comunicazione al convegno annuale dell’AISS Narrazione ed esperienza. Per una semiotica della vita quotidiana, tenutosi presso l’Università della Calabria su: “Narrare i traumi collettivi: il caso sudafricano”.

2007: Relazione al convegno Semiotica e fiction organizzato dal Centro di Studi Semiotici e Cognitivi dell’Università di San Marino su “Eccezione, eccesso, eccezionalità: 24 e la war on terror”.

2008: Relazione al seminario interdisciplinare Le strategie della paura, organizzato dal Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e dalla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna su “Oltre la paura: il racconto dell’orrore”.

Relazione al convegno internazionale The Genre of Post-Conflict Testimonies organizzato dal Centre for the Study of Post-Conflict Cultures dell’Università di Nottingham, su “ ‘Body memory cannot lie’: Perpetrators’ Testimonies in Documentaries”.

Alla summer school internazionale sulla Cultural Diversity organizzata dall’Università di Bologna tiene una relazione su “Conflict and diversities: the role of testimonies”.

2009: Relazione al Primer encuentro internacional de investigadores en información y comunicación, organizzato dalla Facultad de Ciencias de la información, Universidad Complutense de Madrid, su“Entre textos y practices: hacia una semiótica culturológica”

Relazione al convegno internazionale Diasporas and Cultural Transfer, organizzato dalla Hong Kong University, a Hong Kong, con una relazione su “Ang Lee’s Lust, Caution: filming diasporic memories”.

2010: Relazione al convegno internazionale Multidirectional Memories organizzato dall’Institute of Advanced Studies e dal Goldsmith College dell’Università di Londra su “S-21: Body’s memories cannot lie”.

Relazione al convegno internazionale The Imaginary organizzato dalla New Bulgarian University e da CIRCE (Centro Interdipartimntale di ricerca sulla Comunicazione) dell’Università di Torino, nell’ambito della Summer School internazionale di Semiotica tenuatsi a Sozopol (Bulgaria), con una relazione su “The imaginary, the imaginable and the Un-imaginable. Memory and the Archive of Traumas”.

2011: Relazione (con Patrizia Violi), alla XXIV IAMHIST (International Association of Media and History) Conference, organizzata dall’Università di Copenhagen, su Blurring Documentary and Fiction in the History of the Israeli-Palestinian Conflict.

Nell’ambito dell’ Advanced Research Symposium "The Efficacy of Rituals ‐ On the Semiotics of Worship in Religion and Beyond", organizzato dalla New Bulgarian University e da CIRCE (Centro Interdipartimntale di ricerca sulla Comunicazione dell’Università di Torino, nell’ambito della Summer School internazionale di Semiotica tenuatsi a Sozopol, ha tenuto due plenary lectures su “Liturgies of Memory. When Remembering Becomes Denunciation: the Case of Las Madres de la Plaza de Mayo”, e su “Cinema, Memory, and the Building of National Identities: a Sociosemiotic Approach”.

Keynote speaker, con due relazioni su “Representation” e “Representing the Un-representable: Visual Studies and Trauma Culture from a Semiotic Perspective”, al 13th International Semiotic Congress dell’Associazione tedesca di Semiotica dedicato a Repräsentation, Virtuälitat, Praxis, e organizzato dall’Università di Potsdam.

2012: Relazione al convegno internazionale organizzato Dall'AISS (Associazione Italiana di Studi Semiotici) Semiotica delle soggettività , sessione plenaria, su “Soggettività ingenerate tra materia, corpi e discorsi”.

2013: partecipa (insieme a Patrizia Violi) con un intervento su “Memories of Argentina’s State Terrorism: between empty places, institutional discourses and fragmented narratives”, al convegno internazionale Memories of Conflict, Conflicts of Memories, organizzato dal Centre for Cultural Memory, Institute of Modern Language Research, School of Advanced Studies, University of London.

Relazione XIII conferenza della European Society for Traumatic Stress Studies Trauma and its clinical pathways: PTSD and beyond, nel panel "Collective traumas: how to remember, how to heal?"

È relatrice nel panel "La temporalidad de la memoria traumatica", XV Congreso de la AES (Associazione Semiotica spagnola) su Semiotica y historia, Universidad de Burgo.

Relazione al convegno internazionale Competing Memories, organizzato dall'Università di Amsterdam su Filming Trauma Sites: Two Examples from the Documentary Mediascape of Spaces of Terror.

2014: Keynote speaker al convegno internazionale 2003-2013. Cultural Studies Reloaded su “Gli studi culturali in Italia”, Università di Palermo.

Keynote speaker al convegno internazionale Tradizione, traduzione, trasformazione su “Traduzione e memoria: viaggi tra confini e forme di mediazione”, organizzato dall’Università di Bologna e dalla Tokio University, Bologna.

Comunicazione al XI convegno nazionale della Società italiana di Filosofia del Linguaggio Filosofia del linguaggio Semiotica, Filosofia della mente. A partire da C.S. Peirce nei cento anni dalla morte su “Interpretazione, azione e intra-azione. Abiti e pratiche discorsive della memoria dell’Italia post-coloniale”, Università di Bologna.

Keynote speaker al simposio internazionale “Intorno alla costruzione storica, sociale e c ulturale del corpo”, su “Corpi e semiotica” organizzato dal gruppo interdisciplinare di ricerca su razza e razzismi (Intergrace), Università di Padova.

2015: Relazione al convegno Memorias y conmemoraciones. Trauma, narrativas y construcciones identitaria su “Conmemorar los aperecidos: memoria biologica vs identidades culturales”, organizzato dal CEA (Centro de Estudios Avanzados), Universidad Nacional de Cordoba, Argentina.

Relazione al colloquio internazione Trauma and Memory: Europe and Latin America su “Transgenerational memory and identity”, organizzato dall’International Consortium for the Study of Post-Conflict Societies, Londra, Ambasciata Argentina.

2016: è relatrice e coordinatrice del seminario di studio internazionale The Wire Degrado e rigenerazione della grande città/ La serie televisiva e il caso di Baltimore (gennaio-aprile) organizzato dal Dipartimento e Dottorato di Architettura e dalla Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna, nell’ambito del quale tiene una relazione su “La città e la dimensione narrativa seriale” .

Con Patrizia Violi tiene una relazione al convegno Musei, traumi e memorie del Novecento su “Arte e memoria. Il Parque de la Memoria a Buenos Aires”, Università di Bologna.

Partecipa al Research Workshop su Ethnographic and Semiotic Perspectives on the Study of Urban Landscapes organizzato dall’Università di Haifa, Israele.

Public lecture su “Las mujer de los perros”. Genero, tortura y testimonio , Universidad Catolica, Campus Oriente (Santiago, Cile).

2017: Keynote speaker al convegno internazionale Traduire hors ligne su “La condizione postmediale: alcune riflessioni su crossmedialità, transmedialità e traduzione culturale”, Università di Paris Nanterre, Parigi.

 

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.