Foto del docente

Carla Cuomo

Professoressa associata

Dipartimento delle Arti

Settore scientifico disciplinare: L-ART/07 MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA

Curriculum vitae

Musicologa e pianista, con alle spalle un’intensa attività concertistica, dal 2006 è ricercatore nell’Università di Bologna. La duplice formazione, musicale e musicologica, frutto di una personale esigenza di guardare la musica a tutto tondo, l’ha portata a privilegiare ricerche sugli aspetti sia esecutivi e interpretativi della musica, in prospettiva storica e con attenzione alla critica musicale, sia pedagogici e didattici musicali, con accento sulla valorizzazione della musica d'arte.

La sua produzione scientifica si sviluppa in tre àmbiti:

(1) la storia della critica musicale italiana del Novecento;

(2) la pedagogia e la didattica della musica nei rapporti con la musicologia e con le scienze dell’educazione;

(3) i “cultural studies” con attenzione all’ecologia sonora.

In tutti gli studi l’attenzione si focalizza sui modi di elaborazione e di trasmissione del sapere musicale, indagati nei rapporti tra specialismo storico-critico musicale, divulgazione e formazione.

Formazione

Dopo i primi studi musicali in Conservatorio e il diploma di Pianoforte conseguito nel 1988, ha svolto un’intensa attività quale pianista concertista - intrapresa sin da giovanissima - in Italia, Europa, Stati Uniti e Asia, e si è perfezionata nell’Accademia Pianistica Internazionale «Incontri col Maestro» di Imola. Laureata in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo nel 1997 nella Scuola di Lettere e Beni Culturali dell'Università di Bologna (ex Facoltà di Lettere e Filosofia), ha conseguito nel 2004 e nello stesso Ateneo il Dottorato di ricerca in Musicologia.

Carriera accademica

E' stata docente a contratto (dal 2002 al 2013) nell’Università di Bologna, nell’Università di Modena‑Reggio Emilia e nell'Università di Urbino. Nel 2006 diviene Ricercatore nell'Università di Bologna nel settore disciplinare L-ART/07 Musicologia e Storia della musica, con afferenza al Dipartimento di Musica e Spettacolo, attuale Dipartimento delle Arti Visive Performative Mediali, e alla Scuola di Lettere e Beni Culturali.

Nel 2020 ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale per il ruolo di professore associato nel settore L-ART/07 Musicologia e Storia della musica e nel 2021 ha ottenuto il posto di professoressa associata nel Dipartimento delle Arti.

Attività didattica

Dal 2004 svolge con continuità attività di docenza quale titolare di vari insegnamenti per Corsi di Laurea e Laurea Magistrale della Scuola di Lettere e Beni Culturali. Ha insegnato Storia della musica III (‘800) nel corso di laurea DAMS dell’Università di Bologna e ha insegnato Pedagogia musicale anche nel TFA – Tirocinio Formativo Attivo, per l’abilitazione all’insegnamento scolastico di Musica, nel medesimo Ateneo.

Attualmente è docente di Pedagogia musicale per il Corso di Laurea DAMS e dell'omonimo insegnamento per il Corso di Laurea magistrale in Musica e Teatro, nell'Università di Bologna. Coordina seminari di approfondimento sulle proprie discipline anche in vari corsi di formazione per gli insegnanti.

Attività scientifica

Ha pubblicato studi nei seguenti àmbiti:

  • sulla critica musicale italiana e la sua storia, con particolare attenzione al XX secolo - su Fedele d'Amico: Cronaca delle cronache (1931-1967), in Trent'anni dopo. Quel che dobbiamo a Fedele d'Amico, a cura di Annalisa Bini e Jacopo Pellegrini, Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia (“L’Arte Armonica”. Serie III, Studi e Testi, 17), 2021, pp. 95-131; su Massimo Mila:Le métier d’intellectuel: Massimo Mila et la critique musicale dans la période 1928-1950, in La critique musicale au XXesiècle, sous la direction de Timothée Picard, Presses universitaires de Rennes, 2020, pp. 907-916; La “Breve storia della musica” di Massimo Mila, in Note. Lo stile della saggistica critica sulle arti II, «Polifemo», n. 19, 2020, pp. 53-74; Le matrici intellettuali di Massimo Mila, in «Musica/Realtà», n. 119 (luglio 2019), pp. 105-146; Massimo Mila e l’impegno: interazioni tra critica militante e musicologia dal dopoguerra agli anni Settanta, in Music Criticism 1950-2000, ed. by Roberto Illiano and Massimiliano Locanto, Turnhout, Brepols, pp. 95-122; Massimo Mila, The Prismatic Intellectual: An Archivial Case Study, «Fontes Artis Musicae», vol. 64/3, July‑Sept. 2017, pp. 276‑298; La pianta uomo. Letture verdiane di Massimo Mila, in Verdi. L’invenzione del vero, Roma, Treccani, 2013;
  • sulla pedagogia e la didattica della musica: Formazione culturale ed educazione musicale nella prima infanzia (0-6 anni), in «RELAdEI», n.10/1, 2021, pp. 29-43; Apprendere la Musica insieme alla Matematica: Doremat© tra sperimentazione, ricerca e didattica, in «Musica Docta», n. 9, pp. 173-201; Dall'ascolto all'esecuzione. Orientamenti per la Pedagogia e la Didattica della musica, Milano, FrancoAngeli, 2018; Music Education and Competences for Democratic Education, in Music, Fine Arts and Theatre in the Art Education of Children and Young Adults, The Karol Lipinsky Academy of Music in Wroclaw, Wroclaw, 2016, pp. 9‑23; L’Educazione musicale per formare alla cittadinanza, in Do Re Mat. La musica della matematica. Imparare la Matematica con la Musica, di A. Bianchi - C. Cuomo - G. Curti - D. Lentini – N. Magnani – R. Vagni, Modena, Digital Docet, 2015; Listening to and performing music with competence, in The transposition of musical knowledge in intellectual education, «Musica Docta. Rivista digitale di Pedagogia e Didattica della musica», special issue “Transmission of musical knowledge: Constructing a European Citizenship,” 2014, pp. 17-29;
  • sull’ecologia acustica: Musica Urbana. Il problema dell’inquinamento musicale, Bologna, CLUEB, 2004.

    È stata invitata nei seguenti recenti convegni internazionali, con gli interventi qui citati:

  • 2021, relazione su The formation of the critic's competence, International Conference on Music Criticism (30 novembre, 1-2 dicembre), Università IULM, Milano (relazione il 30 novembre).
  • 2019, relazione su Music Pedagogy in relations to Musicology and Educational Sciences: Three Areas of Intervention, International Conference Contemporary Themes in Education - CTE, University of Zagreb, Faculty of Teacher Education, Zagabria, 15-17 novembre, sessione The Perspectives of Contemporary Music Education (relazione il 16 novembre).
  • 2019, relazione su Music Education and Democratic Education, First International Conference Education and Post-democracy, Scuola Democratica, Cagliari, 6-8 giugno, sessione Post-Democracy and the Field of Arts and Music Education (relazione il 7 giugno).
  • 2018, relazione su DoReMat©: un nuovo progetto formativo per insegnare la matematica attraverso la musica, con Denise Lentini, International Congress Music as Cultural Education: Building New Bridges between Pre-College Schools and Universities, organizzato dal Dipartimento delle Arti in collaborazione con il Centro La Soffitta e  l'Associazione culturale "Il Saggiatore musicale", nell'àmbito dello Study Group "Transmission of Knowledge as a Primary Aim in Music Education" dell'IMS - International Musicological Society, Bologna, 22-23 giugno (relazione il 23 giugno);
  • 2017, relazione su Massimo Mila tra critica musicale e musicologia negli “anni dell’impegno” (1965-1975), International Conference Music Criticism 1950-2000, organizzato dall’Institut d’Estudis Catalans e dal Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini, Barcelona, 9-11 Ottobre (relazione l’11 ottobre);
  • 2016, relazione su Music Education and Competences for Democratic Education, in the International Scientific Conference Music, Fine Arts and Theatre in Education of Children and Youth, organized by The Karol Lipiński Academy of Music, Wroclaw, 4-5 November (relazione il 5 Novembre)
  • 2016, relazione su Archive Research in Musicology: The Case of “Massimo Mila Collection”, in the IAML ‑ Congress, organizzzato dall’International Association of Music Libraries, Archives and Documentation Centres (IAML), con la collaborazione dell’Accademia di Santa Cecilia, Rome 3-8 Luglio, nella sessione Music research: Problems and methods, 7 Luglio;
  • 2015, relazione su Le métier d’intellectuel: Massimo Mila et la critique musicale dans la période 1928-1950, Journéé d’études internationale La critique musicale en Italie au XXe siècle et son public. Formes d'écriture et politiques de la réception, Paris, 5 Juin; organizzato dal CELLAM – EA 3206 Université Rennes 2 – L’aixe histoire de l’EA 1573 Scènes du monde, Création, Savoirs critiques Université Paris 8, con il sostegno dell’Institut Universitaire de France, della Maison de l’Italie-Cité internationale universitaire, e del Laboratoire d’études Romanes – EA 4385 Université Paris 8.

Attualmente si dedica alle seguenti ricerche: la critica musicale italiana (Fedele d'Amico e Massimo Mila); la formazione del pubblico in Italia dal XX secolo a oggi (Progetto PRIN – Bando 2017, The Education of Art Music Audiences in Italy from the Twentieth Century until today, con le Università di Roma Tre (capofila: responsabile scientifico: L. Aversano), Torino, Catania, oltre a Bologna; la pedagogia e la didattica della musica, con attenzione alla didattica dell'ascolto (Progetto AlmaIdea 2017 La didattica dell’ascolto musicale come strumento d’inclusione sociale (responsabile scientifico prof. G. La Face fino al 2018, N. Badolato dal 2018) e al rapporto tra l'ascolto e l'esecuzione musicale, nonché al costrutto di ‘competenza’ declinato sul terreno dell’insegnamento e dell’apprendimento della musica, anche nell'àmbito dello Study Group dell’IMS – International Musicological Society “Transmission of Knowledge as a Primary Aim in Music Education” (ch. G. La Face).

Attività istituzionali e incarichi accademici

Già docente di Storia della musica III (Ottocento), attualmente è docente di Pedagogia musicale nel corso di Laurea DAMS.

Componente della Giunta del Dipartimento delle Arti.

Componente della commissione d'Ateneo di valutazione delle domande relative al Bando Erasmus Plus Mobilità per Tirocinio.

Referente per il Tirocinio di Pedagogia musicale nel Corso di Laurea DAMS.

Componente della Commissione didattica del corso di Laurea DAMS.

Componente della Commissione sulla Terza Missione nel Dipartimento delle Arti.

È stata componente del Consiglio scientifico della Biblioteca del Dipartimento delle Arti, per la Sezione musica e della Commissione per la redazione della SUA RD nel Dipartimento delle Arti.

È stata docente nel TFA – Tirocinio Formativo Attivo, per l’abilitazione all’insegnamento scolastico di Musica, nell’a.a. 2014-2015.

Appartenenza a comitati scientifici e editoriali

Dal 2020 è membro dello Steering Committee dello Study Group dell’IMS – International Musicological Society “Transmission of Knowledg as a Primary Aim in Music Education” (ch. G. La Face).

Dal 2019 è membro del Comitato scientifico della collana «Musical-mente» dell'editore Armando di Roma.

DAl 2019 è membro del Comitato scientifico della collana «Ars musicalis. Musica, Musicologia e Didattica» dell'editore LIM di Lucca.

Dal 2014 è membro del Comitato scientifico della collana «Didattica generale e disciplinare» dell’editore FrancoAngeli di Milano.

Dal 2011 è membro del Comitato scientifico di «Musica Docta. Rivista on line di Pedagogia e Didattica della musica».

Dal 2008 è membro del Comitato scientifico della “Soffitta. Centro di promozione teatrale” del Dipartimento delle Arti. Visive Performative Mediali; in tale ruolo è responsabile della sezione Musica, insieme al prof. P. Cecchi.

Premi e riconoscimenti

2014 – “Stipendium” ottenuto dalla Fondazione “Paul Sacher” di Basilea per ricerche su Massimo Mila.

Altre attività

Componente dello Steering Committee dello Study Group dell’IMS - International Musicological Society Transmission of Knowledge as a Primary Aim in Music Education (chair G. La Face), dal 1 luglio 2020, oltre che componente del medesimo Study Group sin dalla sua costituzione, nel 2012.

Componente del gruppo di ricerca Arti, Scuola e Società, dal 2019, coordinato da M. Caputo, nell’àmbito del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna.

Componente del gruppo di ricerca per il Progetto AlmaIdea 2017 La didattica dell’ascolto musicale come strumento d’inclusione sociale (responsabile scientifico: prof. G. La Face fino al 31/10/2018; dott. N. Badolato dal 1/11/2018 al 31/10/2020).

Componente del gruppo di ricerca, unità di Bologna, per il Progetto PRIN – Bando 2017, The Education of Art Music Audiences in Italy from the Twentieth Century until today, con le Università di Roma Tre (capofila: responsabile scientifico: L. Aversano), Torino, Catania (oltre a Bologna).

Componente del Consiglio direttivo dell’ADUIM-Associazione dei Docenti Universitari Italiani di Musica, da ottobre 2020.

Fa parte del Comitato direttivo del “SagGEM – Gruppo per l’Educazione Musicale” dell’Associazione culturale «Il Saggiatore musicale».

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.