Foto del docente

Bianca Maria Piraccini

Professoressa associata

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale

Settore scientifico disciplinare: MED/35 MALATTIE CUTANEE E VENEREE

Direttrice Scuola di Specializzazione Dermatologia e Venereologia (DI 68/2015)

Temi di ricerca

Parole chiave: bambini alopecia unghie miceti tumori melanoma droghe capelli onicomicosi

  1. Malattie delle unghie.Le malattie delle unghie colpiscono più del 50% della popolazione ed includono patologie traumatiche, infiammatorie e neoplastiche. Presso l'Ambulatorio di malattie degli Annessi Cutanei della Dermatologia vengono annualmente visitati circa 1500 paziente con malattie delle unghie. E' quindi possibili valutare la prevalenza delle diverse malattie, studiarne gli aspetti clinici, e la risposta ai trattamenti
  2. Le Onicomicosi (infezione fungine delle unghie) colpiscono il 30% della popolazione generale: l' identificazione degli agenti patogeni responsabili è fondamentale per istituire il corretto trattamento. L'aumento dei fenomeni immigratori ha portato alla comparsa in Italia di nuove specie micotiche la cui identificazione permette di valutare i cambiamenti epidemiologici legati al fenomeno migratorio.
  3. Il trattamento delle malattie infiammatorie delle unghie, quali psoriasi e lichen planus, è spesso infruttuoso, o costellato da recidive dopo la terapia. L'uso di farmaci diversi, anche in via sperimentale, incluso i farmaci biologici, può permettere di identificare il trattamento piu utile in questi pazienti.
  4. Numerose terapie croniche, quali chemioterapie o terapie con antivirali, producono effetti collaterali cutanei ed ungueali che riducono la qualità di vita dei pazienti e che sono di difficile gestione in quanto la terapia che li causa non può essere sospesa. La ricerca è volta all' identificazione degli effetti collaterali ed allo studio della loro patogenesi nonché alla identificazione del trattamento. Verranno ‘catalogati' dal punto di vista clinico gli effetti collaterali dei diversi farmaci. Sara' effettuato, in collaborazione con centri europei e statunitensi (con l'egida delle accociazioni scientifiche ENS-European Nail Society e CND- Council for Nail Disorders), uno studio istologico ed immunoistochimico su unghie ammalate e su unghie sane per valutare l'espressione di recettori di fattori di crescita epiteliali e vascolari nei tessuti ungueali. Studio clinico, dermatoscopico, istopatologico ed imminoistochimico di tumori ungueali, incluso il melanoma.
  5. La comparsa di una pigmentazione in banda marrone-nera dell'unghia (melanonichia striata) può essere dovuta ad una semplice attivazione dei melanociti della matrice dell'ughie, ad un nevo, o anche ad un melanoma dell'unghia. Nei bambini di 0-3 anni non è rara la comparsa di una melanonichia striata, solitamente riconducibile ad un nevo. la diagnosi di certezza si ha solo dopo asportazione chirurgica ed esame istologico della banda, non facile in bambini. In collaborazione con i colleghi esperti di unghie del Gruppo Internazionale di Studio sulla Melanonichia (International Melanonychia Group) stiamo valutando se esistono criteri clinici e dermatoscopici che posano evitare la chirurgia dell'unghia nei bambini con melanonichia striata pur permettendo una diasgnosi di certezza.
  6. La chirurgia delle unghie non è facile e necessita di una buona conoscenza dell'anatomie dell'unghia. le tecniche chirurgiche avanzate, come la chirurgia di Mohs o la biopsia tangenziale della matrice, permettono di effettuare interventi di asportazione di patologie neoplastiche delle unghie con minino esito cicatriziale. la fenolizzazione dei corni laterali della matrice ungueale nel trattamento dell'unghia incarnita è la cura con la maggiore percentuale di successo e la minima morbidità. la tecnica è relativamente recente e aumentando la casistica di pazienti è possibile vedere quali procedure possono essere migliorate per un maggiore successo.
  7. Vissuto psicologico dei pazienti sottoposti a chirurgia ungueale e importanza del rapporto medico-paziente nella percezione del dolore e dell’ansia preoperatoria. Con i colleghi psicologi del DIMES, in colaborazione con altri 3 centri europei, stiamo studiando come migliorare il vissuto psicologico dei pazienti sottoposti a trattamenti chirurgici per neoplasia dell’apparato ungueale.
  8. Identificazione microscopica e colturale dei più importanti miceti che possono parassitare i capelli, le unghie e la cute.
  9. Clinica ed epidemiologia delle più frequenti malattie dei capelli: nell'Ambulatorio di Malattie degli Annessi Cutanei della Dermatologia vengono visitati circa 2000 pazienti l'anno con malattie dei capelli e del cuoio capelluto. I pazienti vengono studiati dal punto di vista clinico e con metodiche invasive (biopsia per esame istologico) e non (pull test, videodermatoscopia). Stiamo definendo i limiti e le possibilità dell'uso delle metodiche non invasive per la diagnosi ed il monitoraggio nel tempo delle malattie dei capelli.
  10. Vissuto dei pazienti con problemi di capelli. In collaborazione con gli psicologi del DIMES stiamo studiando cosa impatta di più sulla psiche dei pazienti con problemi di capelli, per permettere al medico di aiutare anche dal punto di vista psicologico il paziente durante la terapia.
  11. Trattamento delle alopecie cicatriziali. Un lavoro di gruppo dei maggiori esperti mondiali sulle malattie dei capelli sta cercando di ottimizzare i metodi di valutazione della risposta alla terapia delle alopecie cicatriziali per poter scrivere delle linee guida terapeutiche internazionali.
  12. Studio delle malattie delle unghie e dei capelli con dermatoscopia computer-assistita e valutazione della validità della tecnica nella diagnosi delle patologie di questi annessi
  13. Studio clinico ed istopatologico dell'effetto di nuovi farmaci sulla crescita dei capelli.
  14. Studio della prevalenza della dermatite allergica da contatto nei paziente portatori di ulcere cutenee croniche: tutti i pazienti che afferiscono alla dermatologia con ulcere croniche degli arti vengono sottoposti a test epicutanei con gli allergeni più frequentemente causa di allergia da contatto e con gli allergeni che piu frequentemente danno allergie ai pazienti con ulcere: stiamo valutando la prevalenza della dermatite da contatto in questa categoria di pazienti, ed il potenziale allergenico dei diversi preparati per uso locale.
  15. Identificazione degli allergeni che comunemente provocano dermatiti da contatto professionali.
  16. La cute degli arti trapiantati: modificazioni della cute, dei peli e delle unghie degli arti dopo trapianto eterologo. In collaborazione con la chirurgia Plastica di Monza, con neurologi e immunologi della nostra univeristà abbiamo stilato un protocollo di studio per valutare l'evoluzione di vari parametri cutanei, neurologici, genetici ed immunologici nel tessuto eterologo trapiantato.