Foto del docente

Alessandro Martelli

Professore associato

Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia

Settore scientifico disciplinare: SPS/07 SOCIOLOGIA GENERALE

Coordinatore del Corso di Laurea in Sociologia

Temi di ricerca

Parole chiave: trasformazione dei sistemi di welfare cambiamento socio-economico e degli stili di vita transizione alla vita adulta giovani, cittadinanza e partecipazione regolazione locale del welfare lotta alla povertà

La produzione scientifica di Alessandro Martelli riguarda prevalentemente la trasformazione dei sistemi di welfare e l'organizzazione locale delle politiche di protezione sociale in relazione ai bisogni emergenti, nonché il rapporto fra giovani, cittadinanza e mutamento sociale. Entro la prima linea di ricerca l'attività si orienta allo studio delle trasformazioni del welfare osservato come istituzione sociale, in particolare analizzando meccanismi e processi di regolazione ed implementazione delle politiche di protezione sociale tra livello centrale e livello locale. Entro la seconda l'attività si orienta allo studio del rapporto fra atteggiamenti e comportamenti giovanili e società di appartenenza, lungo le dimensioni dell'identità sociale, della partecipazione politica, della transizione alla vita adulta.

1.  Welfare - Le pressioni al cambiamento che insistono sui sistemi di welfare di stampo lib-lab da almeno una trentina d'anni trovano una resistenza che discende dalla difficoltà sia di rintracciare adeguate soluzioni, sia di vincere la rigidità delle routine istituzionali consolidatesi nel funzionamento del welfare e nei processi di legittimazione sociale su cui esso si è costruito e sostenuto. Nel contesto italiano,  la "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" (328/2000) ha cercato di stilare un ‘manifesto' del welfare del terzo millennio, al cui interno emergono altre difficoltà e problematiche, ma che certamente riconosce spazi e ruoli maggiori ai territori, alla programmazione locale e al rapporto pubblico-privato. L'attività di ricerca si concentra sui processi di regolazione che caratterizzano la scena attuale del welfare, caratterizzata dal tentativo di recuperare razionalità, efficacia e legittimità. Nell'ambito di una trasformazione socio-economica e culturale (stili di vita) che pone ai sistemi di welfare nuove sfide, di una perdurante scarsità di risorse finanziarie e di un più accentuato protagonismo degli enti locali, l'organizzazione locale dei servizi alla persona deve misurarsi con la pluralizzazione dei soggetti erogatori (pubblici e privati) che vede una forte esternalizzazione di interventi e prestazioni, con la ridefinizione degli assetti intra ed inter-istituzionali sul territorio per quanto riguarda il sistema dell'offerta di politiche sociali, nonché con la comparsa e sperimentazione di nuove modalità programmatorie e gestionali: l'attività di ricerca, svolta in costante riferimento alla letteratura teorica ed empirica nazionale ed internazionale, si dedica all'osservazione dei processi organizzativi e ri-organizzativi in atto, con l'obiettivo di ricondurli alle dinamiche discorsive e di riforma presenti a livello meso e macro.

2. Condizione giovanile - L'attività di ricerca, svolta in costante riferimento alla letteratura teorica ed empirica nazionale ed internazionale, punta ad osservare l'emergere dei prevalenti profili giovanili con particolare riferimento a temi quali cittadinanza, valori, identità sociale, partecipazione sociale e politica, anche al fine di offrire elementi conoscitivi e spunti di riflessione utili al consolidamento e all'innovazione delle politiche locali. La dimensione locale, nella sua relazione contraddittoria, ma non solamente ancillare e secondaria rispetto alle dinamiche globali, viene considerata di grande rilevanza poiché appare in grado di influenzare i grandi mutamenti della vita sociale contemporanea, costituendo una delle variabili che più intervengono a differenziare e caratterizzare le pratiche e i riferimenti simbolici giovanili.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.