Foto del docente

Niccolò Moggi

Professore a contratto

Dipartimento di Ingegneria Industriale

Curriculum vitae

Nel 1995 si e' laureato in Fisica presso l'Università di Bologna.
Nel 1999, lavorando presso il Fermi National Accelerator Laboratory (Fnal) di Chicago, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Fisica delle Alte Energie (Università di Pavia).
In seguito ha lavorato presso l'Istituto di Tecnologie e Studio delle Radiazioni Extraterrestri, presso l'Università di Bologna con un assegno di ricerca, e come ricercatore presso l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Successivamente e' stato ricercatore del Dipartimento di Qualità della Vita della Università di Bologna (campus di Rimini). Attualmente lavora presso il Dipartimento di Fisica dell'Universita' di Bologna.


Attivita' Scientifica


Lavora nel campo della fisica sperimentale delle particelle elementari occupandosi di misure delle interazioni protone-antiprotone di alta energia e dello studio dei neutrini in associazione con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Dal 1996 e' membro della collaborazione CDF presso il Tevatron Collider di Fnal. Il Tevatron e' un acceleratore di particelle nel quale i fasci di protoni collidono alla energia di 2 TeV nel centro di massa. Partecipa alle attivita' di ricerca del gruppo di QuantoCromoDinamica della collaborazione ed e' focalizzato sullo studio di modelli fenomenologici che descrivono la componente non perturbativa delle interazioni adroniche e sulla transizione verso interazioni ad alto momento trasferito.
In particolare analizza le interazioni soffici misurando gli stati finali di  eventi di minimum-bias, l'Underlying Event e le interazioni multiple tra i partoni (costituenti dei protoni, noti anche come "quark" quando hanno massa).
Tra i lavori conclusi di recente, un insieme sistematico di misure inclusive che hanno contribuito alla messa a punto dei modelli MonteCarlo per LHC ed hanno fornito la prima valutazione accurata dei fondi di QCD nelle misure di altro impulso trasverso.
Ha lavorato anche a misure esclusive (pp->p+X+p) in cui lo stato finale e' caratterizzato da "rapidity gaps" ed alla produzione di mesoni K0, Lambda0 e D0 in interazioni a basso momento trasferito.
E' stato responsabile del progetto e della realizzazione del trigger di alta molteplicita' dell'esperimento.
Dal 2010 al 2013 ha contribuito alla ricerca del bosone di Higgs nel canale di produzione con due quark top (pp->ttH+X) e decadimento totalmente adronico.

Dal 2009 è membro della collaborazione "Cuore", un progetto di ricerca di segnali del doppio decadimento beta senza emissione di neutrini. L'esperimento consiste di un bolometro situato nei laboratori INFN del Gran Sasso.
Ha contribuito all'allestimento della "Permanent Storage Area" decontaminata in cui sono conservati i componenti radiopuri ed è stato responsabile del relativo database di cui ha curato la creazione, lo sviluppo e la gestione.
Attualmente e' responsabile del gruppo di Bologna e si occupa del sistema di slow-control dell'esperimento.

Dal 2017 partecipa al programma sui neutrini a Fnal con gli esperimenti DUNE ed SBN.


E' autore o coautore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali ad alto "impact factor" (Phys. Rev. Lett. e Phys. Rev. D), di cui 48 con oltre 100 citazioni. Un elenco esaustivo e' reperibile on line sul sito inSpire:
http://inspirehep.net/search?ln=en&p=find+a+n.+moggi+and+date+%3E+1994