Foto del docente

Laura Sartori

Professoressa associata

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

Settore scientifico disciplinare: SPS/07 SOCIOLOGIA GENERALE

Temi di ricerca

Parole chiave: monete complementari divario digitale capitale sociale partecipazione politica open government piattaforme elettroniche di partecipazione smart cities deliberazione e consultazione online open data disuguaglianze digitali competenze digitali innovazione sociale alleanze parlamentari implicazioni politiche e sociali internet disuguaglianze di genere network analysis significato sociale del denaro

1. Monete e denaro. Le monete complementari non sono certo una novità, ma ognuna presenta caratteristiche e meccanismi di funzionamento peculiari. Lo studio del circuito di mutuo credito sardo 'Sardex' rappresenta un caso originale di costruzione sociale di un mercato che risponde a un preciso progetto culturale e politico. Lo studio della fiducia e dei network di relazioni tra imprese (PMI) è centrale per capire il fenomeno 'Sardex'. Inoltre, è importante studiare i significati sociali del denaro, cioè analizzare i processi di attribuzione di senso a uno strumento, solitamente considerato puramente economico e neutrale.

2. Sociologia dei disastri. L'analisi sociologica dei disastri è un approccio innovativo nello studio delle conseguenze di eventi naturali distruttivi come terremoti, uragani e alluvioni. L'impatto non è dato solo dall'entità dell'agente fisico, ma anche dal modo in cui il tessuto sociale e politico reagisce. Il progetto in corso si concentra sul caso del terremoto del 2012 in Emilia.

3. La società dell'informazione. Studiare il divario digitale e le disuguaglianze digitali continua essere un elemento importante della ricerca sulla società dell'informazione, in cui si riproducono le classiche linee di disuguaglianza, reinterpretate alla luce degli usi di Internet.

4. Agenda digitale, E-Inclusion, Città digitali: gli obiettivi europei dettati dall'Agenda digitale per il 2020 spingono la ricerca verso le forme di partecipazione politica 2.0, le nuove politiche di inclusione digitale (ad esempio attraverso gli Open data), le politiche urbane delle città e la ridefinizione del concetto di cittadinanza digitale nell'ambito delle smart cities.

Il dibattito sullo sviluppo dell'Agenda digitale  in Italia è prevalentemente declinato in termini di digitalizzazione dell'esistente quando invece dovrebbe riguardare i processi e gli strumenti per l'innovazione sociale ed economica. Questa linea di ricerca indaga il ritardo tanto nelle pubbliche amministrazioni quanto nelle imprese nell'adozione di nuovi stili di azione.

5. Partecipazione politica: la disponibilità delle Ict sostiene nuovi forme di partecipazione politica le cui implicazioni in termini di efficacia e di efficienza sono ancora da chiarire. In particolare, sono da valutare le ipotesi di mobilitazione di nuovi soggetti o di rinforzo di chi è già politicamente attivo con un'attenzione specifica alle differenze di genere. Nuove piattaforme tecnologiche (sviluppate per esempio con Liquidfeedback) offrono casi interessanti di analisi di nuove forme di partecipazione.

Il tema dell'Open Government è centrale nell'ambito delle nuove forme di partecipazione, sia dal punto di vista del cittadino (come strumento di empowerment dell'attore sociale) sia dal punto di vista della Pubblica Amministrazione (nel nome della Trasparenza).

Una dimensione di analisi trasversale a questi temi riguarda l'innovazione sociale e i contesti istituzionali che la possono favorire o bloccare. I sistemi di mutuo credito, per esempio, rappresentano un caso di innovazione sociale nel settore della finanza e degli investimenti.

Non si dimenticano le forme più tradizionali di partecipazione politica, dove rispetto ad altri paesi resiste in Italia in modo decisamente più marcato il divario di genere. Questa linea di ricerca si concentra sullo studio delle determinanti culturali e strutturali di percorsi di genere nella partecipazione politica (online e offline).

6. Network analysis e alleanze parlamentari. Analisi delle proposte di legge nel parlamento italiano utilizzando la tecnica di network analysis. Dopo un primo lavoro esplorativo sulla VI legislatura, la ricerca in corso si concentra sul periodo 1994-2008.

7. Capitale sociale. Il capitale sociale ci offre importanti spunti per studiare le reti di relazioni individuali, nonchè i meccanismi con cui nasce e si consolida la fiducia. L'uso analitico di questo concetto risulta efficace nello studio di temi diversi tra loro: i nuovi network sociali che si creano online, lo sviluppo economico a livello locale, il senso di insicurezza. Il capitale sociale risulta molto utile anche in relazione allo studio dei circuiti di mutuo credito e delle monete complementari, nonché nello studio dei disastri. La fiducia risulta rilevante anche nell'indagine di soluzioni tecnologiche emergenti come Internet of Things o Blockchain.

8. Internet of Things (IoT). Internet of Things è definita come la prossima ‘big thing’, ma è già una realtà in aree quali la mobilità e la salute. L’attenzione è prevalentemente dedicata agli aspetti tecnologici, mentre si sottostimano le implicazioni sociali e politiche. Ad esempio, in un contesto urbano pensare alla mobilità come un servizio ha importanti implicazioni sociali per la gestione di una smart city.


Progetti in corso

- Emergence and Institutionalization of Complementary Currencies in Italy. With Paolo Dini, LSE, (London School of Economics, London).

After the Sardinian complementary commercial network’s success (Sardex), 7 Italian regions are adopting and experimenting complementary currencies as integrative circuits of commerce. Research focuses on entrepreneurs who started the circuit and members investigating their motivations and strategies to adhere and compete within the regional complementary currency market.

- IoT, Urban Mobility and Social Behaviors. With Marco Prandini (Dept of Information and Computer Science) and Franco Callegati (Dept of Engineering), University of Bologna.

Internet of Things (IoT) promises to be the big next thing in IT applied to mobility. If we think about mobility as a service (MaaS), the link to the urban context and social challenges is straightforward. Research will address both technological and sociological implications of mobility as a Service for the governance of smart and innovative cities.

- Social Roots of Political Inequality: Gender and Political Participation in Italy. With Rossella Ghigi and Dario Tuorto, Dept of Education - University of Bologna.

Women could be interested and participate into politics less than men because of structural or cultural constraints. Research focuses on the impact of structural (domestic work, family, partner and kids) and cultural (political socialization, interest for politics) factors in sustaining a less participative style into conventional and non-conventional forms of politics for women.

- Parliamentary alliances and legislative process in Italy 1994-2008. With Paolo Parigi, Dept of Sociology - Stanford University.

How do MP’s in different legislatures come to agree and co-sponsor bills across political parties? We perform a Social Network Analysis (SNA) over the 1994-2008 time period in order to detect structures of action that could reflect traditional political cleavages and electoral programs in a post-democracy.

 

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.