Foto del docente

Giovanna Farruggia

Ricercatrice confermata

Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie

Settore scientifico disciplinare: BIO/10 BIOCHIMICA

Curriculum vitae

Carriera scolastica

MaturitÃÆ'  Classica conseguita nel 1976 presso il Liceo Classico G.D. Romagnosi, Parma,

Laurea in Scienze Biologiche presso l'UniversitÃÆ'  di Parma, conseguita nel 1980, con 110 su 110 e lode.

Specializzazione in Biochimica e Chimica Clinica, FacoltÃÆ'  di Medicina, UniversitÃÆ'  di Parma, conseguita nel 1984 con lode.

Dottorato di Ricerca in Biologia e Patologia Molecolare, conseguito nel 1990.

 

Borse di studio

1983 E' titolare di una borsa di perfezionamento postuniversitario dell'Accademia dei Lincei di Roma sulla caratterizzazione biochimica e biofisica di polipeptidi attivi, estratti dalle pelli di anfibio, appartenenti alla famiglia delle bombesine (responsabili della ricerca: Prof. Pietro Melchiorri e Prof. Vittorio Erspamer dell'Istituto di Farmacologia Medica dell'UniversitÃÆ'  "La Sapienza" di Roma).

1988 Si reca presso la Division of Biological Sciences, National Research Council, Ottawa, Canada, per approfondire l'applicazione delle tecniche citofluorimetriche nella biologia cellulare.

 

Posizioni accademiche

Dal 1990 Ricercatore della FacoltÃÆ'  di Farmacia, UniversitÃÆ'  di Bologna.

 

SocietÃÆ'  Scientifiche di appartenenza:

SocietÃÆ'  Internazionale per lo Sviluppo della Ricerca sul Magnesio (SDRM)

 

AttivitÃÆ'  di Ricerca

1981-1982

Istituto di Ecologia, UniversitÃÆ'  di Parma: ricerca sulla fitodepurazione di acque reflue parzialmente trattate provenienti da allevamenti di bestiame.

1983-1990

Istituto di Biochimica, UniversitÃÆ'  di Parma: applicazioni di tecniche spettroscopiche a biomolecole e biosistemi, in particolare alla struttura e alla funzione delle membrane:

i) studio della dinamica molecolare e della caratterizzazione strutturale delle membrane plasmatiche e acrosomiali di spermatozoi di mammifero e della correlazione tra la loro crioconservazione e la suscettibilitÃÆ'  alla lipoperossidazione.

ii) Determinazione dell'attivitÃÆ'  biologica di alcuni ormoni peptidici e della loro interazione con membrane modello, sotto la supervisione del Prof. Vittorio Erspamer, dell'Istituto di Farmacologia dell'UniversitÃÆ'  della Sapienza di Roma. Questo studio ha riguardato i dosaggi biologici e la determinazione della struttura secondaria e terziaria di alcuni peptidi attivi estratti da pelle di anfibio, principalmente della famiglia delle bombesine, e loro derivati sintetici; inoltre si sono studiati i cambiamenti conformazionali indotti in questi peptidi dall'interazione con membrane naturali e artificiali.

In particolare sono state usate la spettroscopia di fluorescenza statica e dinamica per valutare la flessibilitÃÆ'  conformazionale di questi ormoni peptidici e la loro interazione con i lipidi, per capire come l'ambiente fosfolipidico sia in grado di modulare la conformazione delle proteine, influenzando il riconoscimento e il legame tra ormone e recettore.

Dal 1990

Dipartimento di Biochimica "G.Moruzzi", UniversitÃÆ'  di Bologna.

i) Studio degli effetti antiproliferativi di prodotti del metabolismo lipoperossidativo, in particolare degli acidi idrossistearici, e di nuovi potenziali farmaci antitumorali derivati dall'indolo e dal guanilidrazone. In questo ambito ha partecipato alla caratterizzazione fotofisica di derivati degli acidi 9- e 10-idrossistearici coniugati con fluorescina, e alla valutazione delle loro applicazioni in citofluorimetria e microscopia confocale.

ii) Dal 2003 ha iniziato ad interessarsi dei metodi analitici per la determinazione del magnesio intracellulare in linee cellulari normali e trasformate ed in linfociti di soggetti sani e in pazienti affetti da malattie a carico dell'apparato digestivo, focalizzando il suo interesse sulla caratterizzazione e sulle applicazioni biologiche di nuovi biosensori per i cationi, in particolare quelli per il magnesio e per lo zinco.

Dal 2013

Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie

1) Studio dell'omeostasi cellulare del magnesio e del ruolo di questo ione in diversi aspetti della biologia cellulare, in particolare nella progressione nel ciclo cellulare di cellule normali e trasformate, nell'apoptosi e nella resistenza multipla ai chemioterapici (MDR).

2) Valutazione degli effetti antiproliferativi ed eventualmente revertanti la MDR di potenziali farmaci antitumorali.