Foto del docente

Giovanna Cenacchi

Professoressa associata confermata

Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie

Settore scientifico disciplinare: MED/08 ANATOMIA PATOLOGICA

Temi di ricerca

Parole chiave: distrofie muscolari esosomi miRNA miopatie infiammatorie trasferimento genico distrofia dei cingoli 1F TDP43 p62 proliferazione MHC-I

Meccanismo patogenetico della Distrofia Muscolare dei Cingoli 1F/2D: caratterizzazione funzionale della Transportina 3 in modelli cellulari e animali della malattia

Il Progetto vuole definire il meccanismo patogenetico della LGMD1F/D2 e la relazione con la mutazione del gene TPNO3. L'analisi genetica ha identificato una delezione nel codone di stop di TPNO3 codificante per un'importina coinvolta nel trasporto nucleare di fattori di splicing e del metabolismo di mRNA. Non e' chiaro quale sia la relazione con le alterazioni clinico-patologiche dei pazienti con LGMD1F/D2. Una sequenza di cDNA della proteina mutata verrà trasfettata in colture di hSCs e c2C12 e iniettata in embrioni di Zebrafish per analizzare l'effetto della proteina mutata sulla miogenesi e sull'espressione delle proteine miofibrillari, i marker di autofagia e atrofia, i cargo di TPNO3 e le proteine coinvolte in questo pathway. Un modello in silico verrà valutato per l'identificazione di nuovi target di TPNO3

Miopatie infiammatorie: validazione di test diagnostici per la diagnosi differenziale tra le miopatie infiammatorie primitive (polimiosite, dermatomiosite e inclusion body myositis, IBM). Studio immunocitochimico della localizzazione del fattore maggiore di istocompatibilità, MHC-I e correlazione con le alterazioni ultrastrutturali del reticolo sarcoplasmatico della cellula muscolare coinvolto nel meccanismo patogenetico dello stress verosimilmente alla base dellaespressione di MHC-I nella patologia infiammatoria muscolare.. Studio mediante analisi di proteomica di differenti proteine stress-indotte.

Miopatie infiammatorie: studio dell'espressione di miRNA sierici veicolati da esosomi nella diagnostica differenziale delle miopatie infiammatorie con particolare riguardo alla Inclusion Body Myositis

Le miopatie infiammatorie primitive costituiscono un gruppo eterogeneo di malattie muscolari di tipo autoimmune a causa sconosciuta che comprendono le polimiositi, la dermatomiosite e la malattia da corpi inclusi o IBM. Nonostante tali malattie vengano incluse in un medesimo gruppo esse si distinguono per caratteristiche cliniche (farmacoresistenza della IBM) e patologiche. I markers patologici per la diagnosi differenziale tuttavia non sono stati ancora ben identificati. La definizione del meccanismo patogenetico ha portato alla identificazione di numerosi markers che necessitano di validazione diagnostica. Tra questi alcune proteine coivolte nel neccanismo di autofagocitosi e di degradazione proteica ( ubiquitina, p6), TDP43 (per la diagnostica di IBM considerata ormai assimilabile ad una malatia di tipo neurodegenerativo) nonche la valutazione dell'espressione del fattore maggiore di istocompatibilità. Vengono quindi condotti studi di validazione per la diagnosi differenziale tra le miopatie infiammatorie primitive (polimiosite, dermatomiosite e inclusion body myositis, IBM) mediante studio immunocitochimico della localizzazione del fattore maggiore di istocompatibilità, MHC-I, p62, ubiquitina, TDP43 e correlazione con le alterazioni ultrastrutturali dei mitocondri,nucleari e del reticolo sarcoplasmatico della cellula muscolare coinvolte nel meccanismo patogenetico dello stress verosimilmente alla base dellaespressione di MHC-I nella patologia infiammatoria muscolare. Verrà quindi eseguito un saggio di analisi proteomica di differenti proteine stress-indotte.