Foto del docente

Federico Picerni

Ricercatore in Tenure Track L. 79/2022

Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne

Settore scientifico disciplinare: L-OR/21 LINGUE E LETTERATURE DELLA CINA E DELL'ASIA SUD-ORIENTALE

Nota biografica

Federico Picerni è ricercatore in tenure track di letteratura cinese all'Università di Bologna. Sempre presso l'Alma Mater ha completato gli studi triennali e magistrali, per poi conseguire il dottorato di ricerca in studi sull'Asia presso l'Università Ca' Foscari Venezia, in un programma di double degree con l'Università di Heidelberg. Ha altresì svolto soggiorni di ricerca e perfezionamento della lingua cinese all'Università Jiaotong di Xi'an e all'Università di Pechino. I suoi interessi di ricerca si orientano principalmente sul rapporto tra produzione culturale e società, argomento sul quale presenta una densa attività di pubblicazione e convegnistica. Nello specifico, si occupa di letteratura operaia in Cina, rapporto tra realismo e irrealismo nella narrativa contemporanea cinese, studi (trans)culturali.

Vai al Curriculum

Contatti

E-mail:
federico.picerni2@unibo.it

Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne
Via Cartoleria 5, Bologna - Vai alla mappa

Risorse in rete

Orario di ricevimento

Il ricevimento si svolge il mercoledì alle 15:00 presso lo studio 98, in via Cartoleria 5. È necessario prenotarsi via mail almeno 24 ore prima, specificando se si preferisce la modalità online o in presenza.

Per le studentesse e gli studenti che intendono conseguire la tesi di laurea triennale in studi cinesi è presente un vademecum per l'area Cina che è necessario consultare prima di prendere contatto con il docente.

Le studentesse e gli studenti interessari a chiedere la tesi di laurea magistrale devono prima prendere visione del vademecum, soprattutto per quanto riguarda le tempistiche. Le scadenze per richiedere la tesi magistrale: ottobre per il I appello (luglio), dicembre per il II appello anticipato (settembre), gennaio per il II appello (ottobre), giugno per il III appello (marzo).