Foto del docente

Federico Chicchi

Professore associato

Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia

Settore scientifico disciplinare: SPS/09 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO

Temi di ricerca

Parole chiave: postfordismo lavoro gratuito soggettività precarietà biopolitica rappresentanza e capitalismo

1. mercato del lavoro e carriere occupazionali

2. disuguaglianza e vulnerabilità sociale

3. sociologia economica

4. formazione professionale e metacompetenze nella società della conoscenza

5. rapporti tra soggettività e lavoro nel capitalismo contemporaneo

6. biopolitica, bioeconomia e processi di soggettivazione



I diversi temi di ricerca di Federico Chicchi hanno come obiettivo principale quello di studiare, a partire dalla crisi delle forme storiche delle istituzioni industriali (che nel secolo scorso avevano organizzato e disciplinato i rapporti tra economia e società), le modalità di riorganizzazione contemporanea del modello di produzione capitalistico. Il presupposto alla base della prospettiva teorica che intendiamo assumere nel nostro differenziato programma di ricerca risiede quindi nell'ipotesi che tali trasformazioni descrivano un sempre più avanzato processo di superamento di quella particolare forma di società che è stata definita come “salariale” e che ha caratterizzato la storia economica e sociale del secolo scorso. Questo superamento mette conseguentemente in crisi tutta una serie di pratiche istituzionali di protezione sociale che disciplinavano e compensavano le esternalità negative dell'economia di mercato capitalista e ripropone con modalità e dinamiche inedite il problema del crescente rischio di esclusione di alcune categorie di soggetti sociali. Seguendo alcuni rilevanti spunti interpretativi delle recenti “scuole eterodosse” dell'economia francese (come ad esempio la scuola della regolazione o l'economia delle convenzioni), più in particolare, al centro delle nostre ipotesi di lavoro vi è la constatazione dell'emergenza di nuove ed inedite modalità di gestione e di governo del rapporto tra soggettività, lavoro e produzione del valore economico. In questo senso sarà nostra intenzione approfondire l'analisi delle nuove forme di lavoro cercando di evidenziare la presenza, o meno, di inediti percorsi di autonomia e/o eteronomia e/o esclusione professionale e di analizzarne le forme emergenti in rapporto alle caratteristiche strutturali del nuovo capitalismo post-fordista e "digitale". In quest'analisi è inoltre nostra intenzione analizzare e fare ricorso alle più recenti riflessioni prodotte nella letteratura filosofica e sociologica in tema di biopolitica e quindi, più in particolare, analizzare le forme e i significati attribuiti all'esperienza lavorativa dai soggetti coinvolti nei processi sempre più pervicaci di sussunzione delle risorse private di vita all'interno delle logiche economiche. Il tema e la riflessione saranno quindi svolte anche a partire (recuperando le più significative acquisizioni interdisciplinari in merito, in particolare quelle della filosofia politica e della psicoanalisi) dalle più recenti riflessioni di stampo psico-socio-antropologico sul tema del rapporto tra soggettività, autonomia e nuove dimensioni culturali ed economiche del lavoro post-industriale. È nostra intenzione infine promuovere a) convegni e momenti di riflessione interdisciplinare in merito e b) programmi di ricerca empirica a partire dalle acquisizioni teoriche che l'indagine concettuale potrà sedimentare e definire. In particolare sarà nostra intenzione indagare sul campo le modalità di costruzione sociale delle carriere professionali e/o occupazionali maggiormente coinvolte nei processi di de-strutturazione e ristrutturazione del mercato del lavoro e delle sue, formali e informali, norme regolative. Il tema della nuove forme di rappresentanza del lavoro e della costruzione politica di potenziali azioni rivendicative saranno inoltre anch'esse al centro delle nostre intenzioni/ipotesi di ricerca.