Foto del docente

Davide Dainese

Ricercatore a tempo determinato tipo b) (senior)

Dipartimento di Storia Culture Civiltà

Settore scientifico disciplinare: M-STO/07 STORIA DEL CRISTIANESIMO E DELLE CHIESE

Temi di ricerca

Parole chiave: Tradizione alessandrina, gnosticismo, Clemente di Alessandria, Origene, Eusebio di Cesarea, teologia politica, storia conciliare, guerre di religione, Federico Borromeo, Giacomo Lercaro, Giuseppe Dossetti, papa Francesco

La ricerca di Davide Dainese si attesta attorno a tre macro-aree tematiche (mistica, teologia politica, storia conciliare) e a tre aree cronologiche (Tarda Antichità, Età Moderna, Età Contemporanea). I suoi interessi scientifici coprono tuttavia anche il Medioevo latino e greco. 

Davide Dainese è anche membro del Collegio dei Docenti del dottorato in Studi Ebraici dell'Università di Bologna.

 

Il cristianesimo antico e tardo-antico

La ricerca di Dainese relativa al cristianesimo antico e tardo-antico concerne la Tradizione Alessandrina, sotto tre profili: la mistica (giudaismo alessandrino, gnosticismo, Clemente di Alessandria e Origene), la "teologia politica" e le sue radici di lungo periodo (Eusebio di Cesarea), la storia conciliare (il concilio di Nicea e la conciliarità/sinodalità del primo Millennio).

 

Il cristianesimo nella Prima Età Moderna

Per quanto concerne la Prima Età Moderna, la ricerca di Dainese si è concentrata sull'epoca del post-concilio tridentino e sulle guerre di religione tra XVI e XVII secolo, inizialmente con un interesse per le questioni relative alla "recezione" dei Padri della Chiesa, successivamente per la storia del diritto e del pensiero politico.

 

Il cristianesimo in Età Contemporanea

Sotto questa prospettiva Dainese ha studiato due temi: il pontificato di papa Bergoglio e il rapporto tra il cardinale Giacomo Lercaro e Giuseppe Dossetti in merito alla liturgia tra pre- e post-concilio Vaticano II.

 

Come editore della serie Conciliorum Oecumenicorum Generaliumque Decreta del "Corpus Christianorum", infine, Dainese ha curato anche l'edizione critica dei decreti delle chiese cattolica e ortodosse dal Medioevo alla Contemporaneità.