Foto del docente

Caterina Fratesi

Dottoranda

Dipartimento di Storia Culture Civiltà

Settore scientifico disciplinare: M-STO/06 STORIA DELLE RELIGIONI

Curriculum vitae

Formazione

Consegue la laurea triennale in Antropologia, religioni, civiltà orientali e magistrale in Antropologia culturale ed etnologia presso l’Università di Bologna. Nell’anno accademico 2022/2023 ha frequentato il primo anno presso la Scuola di specializzazione in Beni Demoetnoantropologici (Università degli Studi di Perugia), dove è risultata vincitrice di borsa di studio finanziata dall’Università degli Studi di Perugia e dall’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale (Ministero della Cultura).

Attualmente è iscritta al corso di dottorato in Scienze Storiche e Archeologiche. Memoria, Civiltà e Patrimonio (Università di Bologna).

Attività istituzionali e incarichi accademici

Nell’anno accademico 2022/2023 ha svolto incarico di tutorato e supporto didattico per l’insegnamento di Storia delle religioni presso l’Università di Bologna, Dipartimento di Storia Culture Civiltà; nello stesso anno accademico è stata membro della commissione per attività F (seminari e tirocini) per il corso di laurea triennale di Antropologia, religioni, civiltà orientali e per il corso di laurea magistrale in Antropologia culturale ed etnologia.

Dal 2023 è affiliata all’Associazione Italiana per lo Studio della Santità dei Culti e dell'Agiografia (AISSCA).

Attività scientifica

Dal 2019 al 2023 ha condotto diverse ricerche presso l’Osservatorio sul Pluralismo Religioso (O.P.R.) del GRIS – Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa (Bologna). Nel 2022 ha condotto una ricerca archivistica presso l’Archivio Storico dell’Ospedale di Pavullo nel Frignano (MO).

Ha organizzato diverse lezioni seminariali e collaborato all’organizzazione di un convegno nazionale e uno internazionale.

Altre attività

Nel 2023 è stata responsabile sperimentatore di uno studio pilota presso la Residenza psichiatrica RFL - Recovery for Life di Limbiate (MB).

Nello stesso anno ha collaborato all’allestimento della mostra dal titolo Bologna sarà transitoria, ma io mi sento a casa: studiare, abitare, vivere all’ombra delle Due Torri presso il MEUS – Museo Europeo degli Studenti (Bologna).