Foto del docente

Silvia Evangelisti

Professoressa a contratto

Dipartimento delle Arti

Curriculum vitae

Curriculum vitae di Silvia Evangelisti

Silvia Evangelisti, nata a Bologna il 23 maggio 1950, è laureata in Lettere moderne con tesi in Storia dell'arte contemporanea e nel 1986 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia dell'arte.

 1) Attività didattica e di formazione superiore

Dal 1983 al 1990 ha collaborato alla cattedra di Storia dell'arte Contemporanea del Dipartimento delle Arti Visive dell'Università di Bologna, e nel 1988 vi ha insegnato come professore a contratto.

Dal 1986 insegna Storia dell'arte contemporanea e Storia e metodologia della critica d'arte all'Accademia di Belle Arti di Bologna, insegnamento questo ultimo che ricopre in ruolo dal 1992.

Dal 2000 al 2005 è stata Consigliere del CNAM (Consiglio Nazionale per l'Alta Formazione Artistica e Musicale), organo consultivo e di rappresentanza del Ministro dell'Università e Ricerca Scientifica per il settore dell'Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica. Dal gennaio 2001 è membro del Gruppo di lavoro misto CUN – CNAM, per nomina del Ministro competente.

 Dal 2004 al 2010 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione dell'Accademia di Belle Arti di Bologna.

 Nell'ambito della sperimentazione per l'attuazione della Legge 508 di riforma universitaria delle Accademie di Belle Arti italiane, nel 2000, istituisce e dirige il nuovo Corso di Laurea Comunicazione e Didattica dell'arte presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna

Il Corso è dedicato alla formazione di operatori specializzati nel campo sia della comunicazione di eventi legati al mondo dell'arte che, in particolare, alla formazione di esperti in didattica dell'arte, progettazione e attivazione di laboratori didattici e direzione e conduzione degli stessi.

Dall'esperienza del Corso di Comunicazione e didattica dell'arte nasce, nel 2003 Didart, progetto europeo dedicato alla didattica dell'arte contemporanea,

Realizzato con il contributo dell'Unione Europea, Settore Cultura, Didart è il frutto della collaborazione tra i più prestigiosi enti e musei europei: insieme alla Accademia di Belle Arti di Bologna (soggetto rappresentante Prof. Silvia Evangelisti) e Galleria d'Arte Moderna di Bologna, i due capofila del progetto, sono il Louisiana Museum of Modern Art di Copenaghen, la Facoltà di Belle Arti di Barcellona, la Neue Nationalgalerie di Berlino, la Fundaciò La Caixa di Barcellona, Comune di Reggio Emilia – musei civici – biblioteca Panizzi, Cooperativa libraria Giannino Stoppani di Bologna,

Il progetto Didart (www.didart.net), che ha ottenuto riconoscimenti dalla Comunità europea (nel 2004 è stato selezionato tra i migliori 15 progetti finanziati dalla Comunità in ogni campo della cultura) realizza una rete plurilingue transnazionale sulla didattica dell'arte contemporanea, dove possano incontrarsi ed interagire tra loro le esperienze più significative a livello europeo in questo ambito, nel pieno rispetto di specificità e tradizioni differenti.

Protagonisti sono i musei con le loro sezioni didattiche, ma anche biblioteche, case editrici, scuole e università. Didart si propone di promuovere e diffondere la didattica dell'arte contemporanea come strumento per avvicinare il pubblico, con particolare attenzione ai giovani e giovanissimi, all'arte contemporanea ed ai suoi luoghi.

 Nel 2000 è invitata a tenere un ciclo di lezioni presso la Facoltà di Belle Arti dell'Università di Bilbao e nel 2008 ha svolto una ricerca e un seminario presso la Brown University di Providence (RI, USA), su invito della Brown University.

 Nel 2012 è chiamata come professore a contratto presso l'Alma Mater Studiorum Università di Bologna.


 2) Incarichi professionali

Nel 1988 inizia la collaborazione con Arte Fiera di Bologna, la più importante manifestazione fieristica d'arte contemporanea italiana.

Nel 2003 è nominata Direttore artistico della fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea Arte Fiera Art First di Bologna, incarico che svolge sino al 2012.

L'impegno svolto in questi anni ha portato Arte Fiera ad emergere nel panorama internazionale, divenendo una dei più importanti appuntamenti del mondo nell'ambito specifico.

Per Arte Fiera ha ideato e realizzato numerose iniziative culturali, quali convegni, lettures di artisti e critici internazionali e mostre.

Tre le molte iniziative si segnala Bologna Art First, progetto nato dalla collaborazione tra la città di Bologna e Arte Fiera, che propone un itinerario esclusivo nei luoghi storici della Città di Bologna attraverso opere d'arte contemporanea.

L'iniziativa presenta una serie di installazioni side specific di artisti italiani e stranieri, concepito come un'unica grande mostra collettiva per creare un dialogo tra l'arte contemporanea e location inusuali del centro storico della città e dei suoi dintorni.

 Ha fatto parte del Comitato Scientifico di selezione della fiera internazionale d'arte contemporanea di Shanghai ShContemporary dal 2008 al 2011,

Dal 2008 al 2011, per nomina del Sindaco, ha  parte del Consiglio di Amministrazione dell'Istituzione Musei Civici di Bologna. Su nomina del Sindaco, dal 2006 al 2011 fa parte del Consiglio d'Amministrazione dell'Istituzione Casalecchio delle Culture di Casalecchio di Reno (Bo)

Dal 2003 al 2007 è membro della Commissione Scientifica UniCredit&Art.

Nel 2008 è membro della Giuria di selezione del Premio Terna 01, in collaborazione con il Ministero per i Beni Culturali e il patrocinio della Presidenza della Repubblica Italiana.

 Da gennaio 2012 è chiamata come consulente artistica e coordinatrice degli eventi culturali relativi al progetto di Renzo Piano per l'Ex Aree Falck di Sesto San Giovanni, Milano.

3) Titoli scientifici

Dopo essersi occupata di arte antica (ha pubblicato saggi ed interventi sulla pittura del Settecento), ha curato mostre e cataloghi per musei ed enti pubblici e ha pubblicato numerosi saggi e volumi dedicati ad artisti del XX secolo tra i quali Luigi Colombo Fillia, Giorgio Morandi, Sepo, Mario e Concetto Pozzati, Alberto Sartoris, Gino Severini, Enrico Castellani, Gilberto Zorio.

Nel 1981 è cocuratrice della mostra Romolo Romani (Santa Giulia di Brescia e Permanente di Milano); nel 1983 è autore delle schede scientifiche del catalogo dell'antologica dedicata a Gino Severini (Palazzo Pitti, Firenze); nel 1985 è cocuatrice della mostra Morandi e il suo tempo (Galleria d'Arte Moderna, Bologna);  1986 pubblica il volume Fillia e l'avanguardia futurista negli anni del fascismo (Ed. Arnoldo Mondadori/Daverio); nel 1988 è cocuratore della mostra Figure del Novecento (Nuova Alfa Bologna 1988), nel 1992 pubblica un lungo saggio sugli artisti italiani residenti a Parigi nel periodo tra le due guerre, da Modigliani a De Pisis (Gli italiani di Parigi in La pittura in Italia - Il Novecento I, Electa, Milano); nel 1995 ha collaborato alla mostra "Occultismo e avanguardia 1900-1915" allo Schirn Museum di Francoforte curando una sala dell'esposizione e pubblicando un testo in catalogo, nel 2001 è cocuratrice della mostra e ampio catalogo (con saggio introduttivo) della mostra Castellani (Bergamo 2001) e nel 2002 pubblica un saggio nel catalogo della mostra dedicata a Roberto Longhi critico d'arte moderna (Ravenna 2002).

Accanto al lavoro su artisti "storici", si occupa sempre attivamente di arte contemporanea, curando mostre, organizzando premi e pubblicando numerosi interventi su artisti e movimenti delle ultime generazioni. Collabora a quotidiani e riviste specializzate; dal 1983 al 2004 è corrispondente de "Il Giornale dell'arte" (Umberto Allemandi Editore, Torino)

Oltre a curare esposizioni di artisti contemporanei, svolge una costante attività di lezioni e conferenze sui temi dell'arte moderna e contemporanea presso istituzioni pubbliche e private, tra cui l'Università di Bologna, l'Alma Mater Graduate dell'Università di Bologna, l'Università Bocconi di Milano, l'Università di Urbino, la Fondazione Roberto Longhi di Firenze, il FAI, il Mart di Rovereto, il MamBo di Bologna, La Triennale di Milano, il Festival dell'arte Contemporanea di Faenza.