Foto del docente

Claudia Sebastiana Nobili

Full Professor

Department of Cultural Heritage

Academic discipline: L-FIL-LET/10 Italian Literature

News

Istruzioni prova scritta di Letteratura italiana online

DURANTE L'EMERGENZA COVID LA PROVA SCRITTA DI LETTERATURA ITALIANA (LAUREA IN BENI CULTURALI - RAVENNA) SI SVOLGERA' ONLINE.

ISTRUZIONI PER LA PROVA SCRITTA ONLINE

1. PRIMA DELL’ESAME. Per sostenere gli esami scritti, lo studente deve avere:

- una rete internet stabile;

- un PC fisso o portatile connesso a Internet da usare per sostenere la prova e in cui sia installata l'applicazione ZOOM (non è possibile sostenere la prova su tablet o su cellulare);

- la possibilità di utilizzare un ambiente silenzioso, chiuso, privo di altre persone e correttamente illuminato.

È fondamentale registrarsi prima dell’esame su Zoom: gli studenti devono connettersi alla pagina https://zoom.us/signin, e fare un accesso, scrivendo come e-mail address il proprio indirizzo istituzionale nome.cognome@studio.unibo.it, poi cliccando su “signin with SSO”. Nella pagina che appare a questo punto bisogna inserire, come “company domain”, la parola “unibo”. Così si è registrati e si può scaricare il programma Zoom (download), che l’Ateneo ha sottoscritto. Durante l’esame è richiesta la condivisione dello schermo del computer in cui si sostiene la prova: perché ciò sia possibile è necessario che Zoom sia installato (non basta l’uso di Zoom da browser). In questo modo si può anche testare, prima dell’esame, il funzionamento di microfono e videocamera.

2. L’ESAME. Ci si collega al Meeting di Zoom (lo studente riceve da Almaesami una mail con il link), trenta minuti prima della prova, per avere il tempo necessario alla identificazione. Appena entrati, gli studenti si trovano in una Waiting Room, e vengono invitati dalla docente a entrare nella Meeting Room, dove si procede all’identificazione (con il badge Unibo) e al controllo della stanza con il video. La videocamera e il microfono del dispositivo devono rimanere accesi per tutta la durata dell’esame; in caso di caduta della linea la prova non viene considerata valida.

Quando tutti sono entrati nella Meeting Room, agli studenti viene chiesto di collegarsi alla pagina https://eol.unibo.it/, fare il login con le proprie credenziali istituzionali, e visualizzare il testo della prova scritta; viene poi comunicata la password del compito, con la quale gli studenti possono cominciare a svolgere il test. Durante la prova la docente chiede di tenere sempre aperta la chat sulla destra (come su Teams), con la quale comunica con gli studenti per eventuali domande o incertezze (non è possibile comunicare tra studenti). La prova è come sempre un componimento: per la natura dello strumento informatico, il consueto componimento è scomposto in tre domande, a risposta aperta, alle quali lo studente risponde scrivendo un testo, come si fa per le prove in presenza: per rispondere ad ogni domanda si hanno a disposizione 40 minuti, a partire da quando si inserisce la password. Due domande sono sull'Inferno di Dante, la terza è a scelta: sul tema della parte specialistica per i frequentanti, su un autore dell'Antologia di Santagata per i non frequentanti. Ogni studente può scegliere la traccia da sviluppare per la terza domanda, a seconda delle preferenze, mentre le due domande su Dante sono obbligatorie per tutti.

Quando lo studente ha compilato tutto, invia la prova; prima di uscire dalla stanza, scrive nella chat che ha terminato la prova, aspetta la risposta del docente e successivamente esce, terminando così l’esame.

Come di consueto, dopo qualche giorno dalla prova gli studenti riceveranno su Almaesami il voto dello scritto, e potranno iscriversi a qualsivoglia appello per sostenere l’orale (il voto della prova scritta non scade).

N.B. ETICA. La prova scritta viene registrata, per tutta la sua durata. Se durante la prova vengono riconosciuti comportamenti atti a copiare testi o consultare internet, attraverso qualsiasi dispositivo mobile (altro smartphone, altro Tablet, AppleWatch, altro computer), la prova non viene considerata valida. Si ricorda in proposito il messaggio del Prorettore alla didattica agli studenti: "Le modalità di esame da remoto pongono l'Ateneo e i suoi docenti di fronte a sfide nuove e a problemi diversi rispetto al passato anche in tema di garanzie di regolarità. Su questo aspetto l'Ateneo intende prima di tutto appellarsi al senso deontologico degli studenti. Agli studenti chiediamo di prepararsi al meglio, sostenere le prove previste in modo autonomo e senza ricorso a mezzi illeciti e ottenere le valutazioni secondo il merito dimostrato. Ai docenti chiediamo sforzi straordinari per una valutazione del merito, oltre che una decisa azione di controllo e censura delle azioni non corrette. Ora più che mai il Paese ha bisogno di competenze e l'Università è il luogo deputato a formare, ottenere e dimostrare il raggiungimento di tali competenze. Formare e valutare è compito dell'Ateneo. Dimostrare è compito dello studente. Ci appelliamo a tutti gli studenti affinché dimostrino che la fiducia in loro è bene riposta".

Published on: March 02 2021