Foto del docente

Niva Lorenzini

Professoressa a contratto a titolo gratuito

Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica

Curriculum vitae

Niva Lorenzini è dall'1/10/2003 professore ordinario presso il Dipartimento di Italianistica dell'Università di Bologna. Insegna Letteratura italiana contemporanea presso il DAMS (laurea triennale) e Poesia italiana del ‘900 per la laurea Magistrale in Italianistica, Culture letterarie europee, Scienze linguistiche. E' stata presidente del Corso di laurea DAMS nel triennio 2004-2007, ed è stata direttore del Dipartimento di Italianistica, con decorrenza dal 1 novembre 2008 all'aprile 2011. Ha tenuto lezioni e conferenze presso Università statunitensi (Brown, Yale, Harvard), presso il Trinity College di Dublin, a Glasgow, London, Oxford, Paris III, Pécs, Bruxelles, Dubrovnik, Edinburgh, Gand, Lyon,Lausanne, Ascona. E' nel comitato direttivo dell'Istituto Gramsci di Bologna. Fa parte della redazione di numerose riviste, tra cui “il verri”. E' stata membro del Comitato di Valutazione Anvur, sub-GEV 10.

I suoi interessi scientifici riguardano fondamentalmente due aree di ricerca, tra loro interferenti: in primo luogo problemi di teoria e storia della letteratura, con particolare attenzione al trasformarsi delle categorie letterarie e delle metodologie di ricerca relative al linguaggio poetico tra Otto e Novecento, nel suo rapportarsi alla storia delle idee espressa dalla cultura e dalla civiltà europea; in secondo luogo l'analisi testuale e intertestuale, condotta sia in ambito poetico che narrativo. Al primo aspetto si riconducono i lavori scientifici prodotti dalla fine degli anni Settanta a oggi, dai saggi sulla critica formale in Italia, sulle modalità dell'ironia in letteratura, sul problema della percezione (cui è dedicato in particolare un numero del “Verri” curato nel 1990), allo studio sulla poesia dei Novissimi (Il laboratorio della poesia, Roma, 1978), alle ricerche sul trasformarsi dell'orizzonte culturale tra estetismo di fine Ottocento e avanguardie primo-novecentesche (Il frammento infinito, Milano 1988), ai lavori sulla poesia italiana del Novecento (Il presente della poesia, Bologna 1991, La poesia italiana del Novecento, ivi 1999, 2005), Le parole esposte, Milano 2002; La poesia: tecniche di ascolto (Ungaretti, Rosselli, Sereni, Porta, Zanzotto, Sanguineti), Lecce 2003; Corpo e poesia nel Novecento italiano, Bruno Mondadori, Milano 2009); Sanguineti e il teatro della scrittura (la pratica del travestimento da Dante a Durer), Milano, 2011; Giuseppe Ungaretti, Milano 2012 (in collaborazione con S. Colangelo); Dire il silenzio: la poesia di Andrea Zanzotto, Carocci 2014. Un approfondimento particolare è riservato alla figura e all'opera di d'Annunzio, visualizzata in un orizzonte europeo: in questa direzione si collocano le monografie Il segno del corpo, Roma 1984 e D'Annunzio, Palermo 1993 (accompagnata da tre DVD illustrativi di tutto il percorso del poeta), e soprattutto la cura dei volumi dei “Meridiani” Mondadori Versi d'amore e di gloria, I, 1982 e Prose di romanzi, II, 1989.

Al secondo nucleo vanno ricondotte soprattutto le relazioni presentate a Convegni internazionali e ora comprese in volumi miscellanei (tra queste le relazioni per i Convegni D'Annunzio a Yale del 1988 e The Mouth of Poetry: in Italian in America sempre a Yale del 1998; Italian Poetry since 1956 a Oxford nel 1993; A cosmic poet and his testament: the bicentenary of Giacomo Leopardi' birth a Dublin nel 1998; Poetry in Italy in the 1960s and 1970s a London nel 2001; Secondo Novecento: Italian Poetry (1945-2000) a Glasgow nel 2002).

All'attività accademica si affianca l'attività di critico militante, con la promozione di incontri e dibattiti, e con la cura di volumi riguardanti la poesia contemporanea: tra questi i volumi dedicati all'opera di Edoardo Sanguineti poeta e traduttore (Faust. Un travestimento, Carocci 2003; Commedia dell'Inferno. Un travestimento dantesco, ivi 2005), a Amelia Rosselli (Sonno-Sleep, Genova 2003); a Antonio Porta (Poesie 1956-1988, Milano 1987; Yellow, ivi 2002; Tutte le poesie, Milano, Garzanti, 2008); a A. Zanzotto (dirti "Zanzotto", Varese, 2013, in collaborazione con F. Carbognin). Un saggio sul rapporto poesia-silenzio nell'opera di Andrea Zanzotto è stato pubblicato nel 2006 in contemporanea su “Quaderns de Filologia. Estudis Literaris”, Universitat de Valéncia, e sulla rivista “Po&sie” in traduzione francese. Ha curato, di Edoardo Sanguineti, Lettere dagli anni Cinquanta, De Ferrari, Genova 2009, e Ritratto del Novecento, Manni, Lecce 2009.

Alla poesia italiana del Novecento sono dedicati l'antologia in due volumi Poesia del Novecento italiano, Roma, 2002 (e successive ristampe) e il volume collettaneo (curato in collaborazione con S. Colangelo) Poesia e Storia, Milano, 2013.