Foto del docente

Maria Speranza

Professoressa ordinaria

Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari

Settore scientifico disciplinare: BIO/03 BOTANICA AMBIENTALE E APPLICATA

Curriculum vitae

DATI ANAGRAFICI

Nata a Torino il 4 gennaio 1949.


FORMAZIONE
1971-1967 – Corso di Laurea in Scienze Naturali presso l'Università degli Studi di Bologna. Laurea conseguita il 3/12/1971, con voti 110/110 e lode.


CARRIERA ACCADEMICA

Oggi - 1 ottobre 2004 - Professore ordinario di Botanica Ambientale e Applicata presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Bologna, con afferenza presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali della medesima università.

30 settembre 2004 - 1 ottobre 2001 - Professore straordinario di Botanica Ambientale e Applicata presso le medesime istituzioni.

30 settembre 2001 – 29 febbraio 1988 - Professore associato di Botanica sistematica presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Bologna. Opera presso il Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Sperimentale dell'Università degli Studi di Bologna.

28 febbraio 1988 – 1 agosto 1980 - Ricercatore per il gruppo disciplinare n. 73 Botanica, presso la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell'Università degli Studi di Bologna.

31 luglio 1980 – 1 settembre 1975 – Contrattista per il gruppo Sistematico, Ecologico, Biogeografico, presso la facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell'Università degli Studi di Bologna.
31 agosto 1975 – 1 gennaio 1974 – Borsista Ministero della Pubblica Istruzione presso la II Cattedra di Botanica, Università degli Studi di Bologna.

 

ATTIVITÀ DIDATTICA

Oggi - 29 febbraio 1988 - Docente di Botanica Ambientale e Applicata, Ecologia del Paesaggio, Geobotanica Agraria e Forestale, Botanica Sistematica Agraria presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Bologna.

Oggi – 1 gennaio 2006 – membro del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Scienze Agroambientali.
31 dicembre 2005 – 1 gennaio 1989 - Membro del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Biosistematica ed Ecologia Vegetale, Università degli Studi di Firenze.

A.A. 2001-2002 - Docente nel corso di perfezionamento post-lauream di Strumenti e Metodi per lo Studio del Territorio e dell'Ambiente, organizzato dall'Università degli Studi di Bologna, per il modulo di “Rilevamento e cartografia vegetazionale”.


ATTIVITÀ SCIENTIFICA

L'attività scientifica, documentata da pubblicazioni su sedi nazionali ed internazionali, è dedicata ai seguenti argomenti:

1. Studio delle comunità vegetali

1.1 Descrizione su base quantitativa dei tipi vegetazionali;

1.2 Studi territoriali e rappresentazione cartografica della vegetazione;

1.3 Caratterizzazione ecologica delle comunità vegetali;

1.4 Dinamismo delle comunità vegetali di origine post-colturale e delle popolazioni di specie colonizzatrici nelle successioni secondarie;

1.5 Studio di comunità di infestanti delle colture.

2. Studio biosistematico di taxa critici - Questo settore di ricerca e' stato sviluppato con approfondimenti rivolti all'applicazione di informazioni cariologiche, dell'analisi sierologica ed elettroforetica di proteine, nonchè dell'applicazione di tecniche RAPD e AFLP a problemi di tipo sistematico-tassonomico.
3. Conservazione della biodiversità vegetale - Sono stati affrontati temi di ricerca riguardanti il censimento di habitat tutelati dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE, il problema della messa a punto di procedure per una valutazione quantitativa del loro stato di conservazione e di linee di gestione appropriate per il loro mantenimento. L'attività di ricerca che ha comportato tra l'altro la realizzazione di database informatizzati gestiti tramite GIS, è stata svolta prevalentemente nel territorio emiliano.

4. Ecologia vegetale applicata

4.1 - Analisi territoriali, supportate dall'utilizzo di GIS, riguardanti le dinamiche di trasformazione del paesaggio, a partire dagli anni ‘50 sino ad oggi, e considerate anche in funzione degli input socio-economici che le hanno determinate.

4.2 – Analisi delle modificazioni di caratteri funzionali di specie prative nello studio delle dinamiche naturali, a seguito di abbandono, di formazioni prative oligotrofiche, ai fini di una loro gestione conservativa.

4.3 – Vegetalizzazione di sistemi dunosi degradati.


ATTIVITÀ ORGANIZZATIVA IN AMBITO SCIENTIFICO

Ottobre 2009 – Ottobre 2008 – Responsabile scientifico di convenzione tra Università degli Studi di Bologna e  Regione Emilia Romagna, Servizio Difesa del Suolo, della Costa e Bonifica per il “Monitoraggio della vegetazione nell'intervento di riqualificazione funzionale del tratto costiero in corrispondenza della foce del fiume Bevano”.

Aprile 2008 – Aprile 2006 – Responsabile scientifico per gli aspetti e gli interventi vegetazionali nell'ambito del sottoprogetto POSIDUNE (Posidonia Oceanica and Sand Interactions with DUne Natural Environment) del Progetto Beachmed-e INTERREG IIIC, finanziato dall'UE.
Gennaio 2008 – Gennaio 2006 – Responsabile di UR “Elementi antropici e naturali nelle trasformazioni dei paesaggi del territorio rurale” nell'ambito del progetto “Le trasformazioni dei paesaggi nel territorio rurale: le ragioni del cambiamento e possibili scenari futuri” finanziato con fondi MIUR-PRIN 2005.

Dicembre 2007 - Giugno 2007 – Responsabile scientifico di convenzione fra Università degli Studi di Bologna e Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna per il Censimento e la valutazione dello stato di conservazione di habitat di interesse comunitario, secondo la Direttiva Habitat 92/43/CEE, nel territorio emiliano del Parco.

2006-1996 – Coordinatore regionale per l'Emilia-Romagna del progetto CON.ECO.FOR. (Forest Ecosystems Control) per il monitoraggio delle foreste europee (Reg. UE 1091/94).
2005-2004 – Responsabile di UR “Datazione di eventi di debris flow mediante analisi della vegetazione” nell'ambito del progetto “Analisi integrata di casi scelti di colate detritiche nell'arco alpino” finanziato con fondi MIUR-PRIN 2003.

2003-2000 – Subcontractor nell'ambito del Progetto Pellegrino LIFE-Natura (1998-2002) per il “Censimento di habitat di interesse comunitario, secondo la Direttiva Habitat 92/43/CEE, in alcuni SIC (Siti di Importanza Comunitaria) della Provincia di Bologna”.
2003-1992 - Responsabile di progetti di ricerca finanziati su fondi MIUR 60% (Analisi ambientale di aree protette; Diversità biologica, filogenesi ed ecologia nelle Angiosperme; Variabilità intrapopolazionale in Avena sterilis; Taxa critici della Flora Italiana).
2000-1999 - Responsabile Scientifico di convenzioni fra Università degli Studi di Bologna e Servizio Sistemi Informativi Geografici della Regione Emilia-Romagna per la redazione della carta della vegetazione del Parco dell'Abbazia di Monteveglio e della carta della vegetazione del Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone.


ALTRE ATTIVITÀ

2005 – Consulente botanico per il progetto risultato vincitore nell'ambito del concorso internazionale di progettazione “Hortus Botanicus Patavinus” per il restauro e lo sviluppo dell'Orto Botanico dell'Università di Padova.

2004 – Valutatore di progetti STREP del VI Programma Quadro, chiamata FP6-2003-SSP-3, “Policy support and anticipating scientific and technological needs – Development of monitoring methods and systems of surveillance for species and habitat of Community interest”.
2004-2003 - Docente nell'ambito del corso “Nuove competenze degli Enti Locali in materia di salvaguardia della biodiversità”, organizzato dalla Provincia di Bologna.
2002 – Docente nell'ambito del Master in “Produzione, gestione e impiego delle piante ornamentali”, organizzato da IRECOOP Emilia-Romagna.

2001 – Consulente botanico-vegetazionista per la redazione del progetto, risultato vincitore, per nuovi insediamenti dell'Università degli Studi di Bologna, nell'area del Navile.
1997 - Docente nell'ambito del Corso per “Tecnico Vegetazionista: territorio e gestione della vegetazione", organizzato dalla Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Bologna, dall'University Enterprise Training Partnership Alma Mater (UETP), con il contributo della Camera di Commercio Industria e Artigianato di Bologna.


COLLABORAZIONI DI RICERCA

Laboratoire d'Ecologie, Faculté Universitaire de Sciences Agronomiques de Gembloux (Belgique);

CAER, Agriculture, Policy & Development, Università di Reading (UK)

Department of Plant Ecology, Università di Aarhus (Denmark)

EID-Méditerranée, Montpellier (France)

Centre d'Ecologie Fonctionelle et Evolutive - CNRS, Montpellier (France)

Department of Biology, Università Çukurova di Adana (Turkey)

AGROSELVITER, Facoltà di Agraria, Università di Torino (Italy)

DISAT, Facoltà di Agraria, Università di Firenze

SAPROV, Facoltà di Agraria, Università Politecnica delle Marche

DAAPV, Facoltà di Agraria, Università di Padova

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna

Corpo Forestale dello Stato, Servizio Territoriale per la Biodiversità

Regione Emilia Romagna, Servizio Difesa del Suolo, della Costa e Bonifica

Provincia di Bologna, Servizio Sistemi Paesistici e Territoriali

 

 

 

 

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.