Foto del docente

Leardo Mascanzoni

Professore associato confermato

Dipartimento di Storia Culture Civiltà

Settore scientifico disciplinare: M-STO/01 STORIA MEDIEVALE

Curriculum vitae

Leardo Mascanzoni è nato a Lugo (RA) nel 1952. Laureatosi in Lettere Moderne presso l'Università di Bologna il 10 luglio 1981 con una tesi in Storia Medievale che ottenne votazione massima, lode e menzione della dignità di stampa, è entrato, in qualità di vincitore di due classi di concorso nazionali banditi, il primo nel 1982, il secondo nel 1983, come professore di ruolo ordinario nella scuola media inferiore dal 1984 poi nella scuola secondaria superiore dal 1985. Nel 1989 ha meritato l'idoneità a ricoprire un posto di alunno -riservato ai professori di ruolo della scuola secondaria- presso la Scuola Nazionale di studi medievali annessa all'Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, con sede a Roma con il seguente giudizio : "Si dimostra autore di accurate ricerche di storia romagnola, nelle quali all'attività di editore di testi si accompagna un'attenta ricostruzione degli sviluppi politici della regione". Divenuto poi, in sèguito a vincita di concorso, ricercatore di ruolo straordinario il 1 giugno 1993 presso il Dipartimento di Paleografia e Medievistica dell'Università di Bologna (afferenza alla III Cattedra di Storia Medievale, Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di Laurea in Lettere Moderne, prof. A. Vasina) è stato confermato in ruolo il 1 giugno 1996. Dall'anno accademico 1997-98 ha svolto regolare attività didattica presso l'ateneo bolognese tenendo l'insegnamento di Storia Medievale, nell'anno accademico 1997-98 in sostituzione del prof. Augusto Vasina, in quell'anno in congedo, e dall'anno accademico 1998-99 fino all'anno accademico 2003-2004 di Storia dell'Emilia-Romagna nel Medio Evo e di Storia della Storiografia Medievale. Nel 2001 è risultato idoneo ad entrare nella fascia dei Professori Associati ed in tale ruolo di Professore Associato è stato chiamato dall'Università di Bologna dal 1 novembre 2002. Ha avuto la conferma in ruolo nel 2005. Da allora è titolare di ruolo dell'insegnamento di "Storia Medievale" presso il corso di laurea triennale prima in "Antropologia, Religioni e Civiltà Orientali"  poi in "Filosofia" e, contemporaneamente, dell'insegnamento di "Storia dell'Emilia-Romagna nel Medio Evo" (laurea specialistica; ora magistrale) nel Corso di Laurea in "Scienze Storiche e Orientalistiche". Dal 2003 al 2010 ha tenuto anche un corso annuale di "Storia Medievale" italiana per studenti stranieri. Nell'a.a. 2011-2012 ha sostituito il prof. Glauco Maria Cantarella nell'insegnamento, per la laurea magistrale in "Scienze storiche" di "Storia dell'Europa Medievale" E' stato altresì membro del collegio docenti del Dottorato di ricerca in "Storia Medievale" istituito presso il Dipartimento di Paleografia e Medievistica dell'Università di Bologna dove ha seguito come "tutor" il dott. Riccardo Pallotti addottoratosi nel 2014; ha fatto anche parte dei gruppi di ricerca ex-40% ed Ex-60% coordinati dal prof. Massimo Montanari. La sua attività scientifica è cominciata nell'anno stesso in cui ha conseguito la laurea e si è via via arricchita, nel corso del tempo, di un elevato numero di pubblicazioni (oggi 141) aventi per oggetto la storia territoriale della nostra regione (dal versante politico-istituzionale, demografico ed insediativo), le istituzioni ecclesiastiche di base, la storia urbana, le fonti narrative e normative, l'agiografia, l'onomastica, l'antroponimia e la storia militare medievale. All'interno della sua produzione si segnalano fondamentalmente alcune cose: l'edizione diplomatica della Descriptio Romandiole, fonte seriale stilata dal cardinale avignonese Anglic Grimoard de Grisac nel 1371 (1985), i due volumi di bibliografia storica su pievi e parrocchie in Italia (1988 e 1989), lo studio sulla composizione del Chronicon Faventinum del Tolosano (1996), il volume sul culto di S. Giacomo in Italia e in Europa (2000), la monografia bio-bibliografica dedicata ad Augusto Vasina (2007), l'"editio princeps", corredata da un ampio studio onomastico, di un'importante fonte fiscale imolese del 1265 (2010), l'edizione critica pubblicata a Roma presso l'Istituto Storico Italiano per il Medioevo del cronista quattrocentesco Patrizio Ravennate (2015) e la monografia sulla crociata trecentesca contro Francesco II Ordelaffi (2017). E' attualmente in preparazione (2017) la traduzione italiana del volume americano (459 pp.) di William Caferro su John Hawkwood e il mercenarismo in Italia nel Trecento. Mascanzoni è stato inoltre coordinatore generale dei due volumi della Storia di Lugo, usciti nel 1995 e 1997, ed ha coordinato, con le colleghe Tiziana Lazzari e Rossella Rinaldi, la realizzazione del volume miscellaneo uscito nel 2004 nella collana Nuovi Studi Storici dell'Istituto Storico Italiano del Medio Evo di Roma intitolato La norma e la memoria e dedicato ad Augusto Vasina in occasione del suo 75° compleanno. Ha fatto parte, nell'aprile del 2011, della commissione, composta dai proff. Salvatore Fodale e Pasquale Corsi, costituita dal Ministero per la conferma nel ruolo degli associati del prof. Giuseppe Albertoni. Ha collaborato, nel 2012 come consulente storico, con l'ente pubblico televisivo giapponese NHK, alla realizzazione di un programma televisivo incentrato su aspetti del Medioevo italiano. Collabora con le maggiori riviste di medievistica italiane e col "Dizionario Biografico degli Italiani".E' socio della Società di "Studi Romagnoli" a partire dal 1982, è membro effettivo della "Deputazione di Storia Patria per le province di Romagna" dal 2006 (dal 1990 socio corrispondente); è socio co-fondatore, dal 1999, di Romandiola; centro di studi sulla Romandiola nord-occidentale; è socio dal 2006 della "Rubiconia Accademia dei Filopatridi" di Savignano sul Rubicone e dal 2017 è socio corrispondente della "Società Torricelliana di Scienze e Lettere". Dal gennaio 2019 è responsabile scientifico della Fondazione "I Naldi. Gli Spada. La memoria storica di Brisighella", ente culturale e storiografico fondato dal cardinale Achille Silvestrini nel 2002. E' inoltre responsabile dal 2004 della sezione bibliografica regionale della "Rivista di Storia della Chiesa in Italia". Ha fatto parte del comitato scientifico de "I quaderni del M.Æ.S. Mediæ Ætatis Sodalicium. Associazione per lo studio e la diffusione della cultura medievale".