Foto del docente

Giovanni De Leva

Tutor didattico

Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica

Curriculum vitae

Formazione

2009 Dottorato di Ricerca in “Comparatistica: Letteratura, Teatro, Cinema” all’Università di Siena con votazione eccellente; relatore: prof. Roberto Bigazzi; titolo della tesi: “Dalla trama al personaggio. Rubè di G.A. Borgese e il romanzo modernista”.

2006-2009 Partecipazione alla European School for Comparative Studies “Synapsis” (www.unisi.it/synapsis).

2005 Ammissione alla Scuola di Dottorato “Logos e Rappresentazione” dell’Università di Siena e alla “Scuola Superiore Santa Chiara” di Siena (www3.unisi.it/santachiara/).

2004 Laurea in Lettere Moderne all’Università “Federico II” di Napoli con votazione 110 e lode; titolo della tesi: “Etica ed Estetica del sé in Michel de Montaigne”; relatore: prof. Giancarlo Borrelli.

Attività didattica

2014, 2012 Visiting Professor di Letteratura Italiana alla Münster Universität “Westfälische Wilhelms”.

2014, 2012 e 2010 Tutor del seminario di Letteratura Italiana alla European School for Comparative Studies “Synapsis”.

2010-2012 Collaborazione all’attività didattica della Scuola di Dottorato “Logos e Rappresentazione” dell’Università di Siena.

Partecipazione a gruppi di ricerca

2010-2014 Membro del Comitato Esecutivo della European School for Comparative Studies “Synapsis”.

Partecipazione a convegni e conferenze

2017 Conferenza per la giornata di studi “Caporetto raccontata, cento anni dopo”, Università “Federico II” di Napoli, 24 ottobre, su invito, con un intervento dal titolo Il racconto di Caporetto e la tradizione della disfatta.

2015 Conferenza per il Ciclo “L'essayisme des écrivains: engagement, fiction et vérité”, Université de Liège, 15 dicembre, su invito, con un intervento dal titolo “Il saggismo di Emilio Lussu” (pubblicato negli Atti).

Colloque international “Les italiens et la Grande Guerre 1915-1918”, Université d’Aix-Marseille, Aix-en-Provence, 12, 13, 14 novembre, con un intervento dal titolo “Pirandello allo scoppio del conflitto”.

Convegno “La narrativa sarda degli ultimi quarant’anni”, Sassari, 10-11 settembre, su invito, con un intervento dal titolo “Paese d’ombre e Il giorno del giudizio. Giuseppe Dessì e Salvatore Satta a confronto” (in corso di pubblicazione per gli Atti).

Convegno Internazionale “G.A. Borgese e la diaspora europea negli USA durante il nazi-fascismo”, Université de Liège, 7-8 maggio, su invito, con un intervento dal titolo “Prime impressioni del nuovo mondo. L’Atlante americano di G.A. Borgese” (pubblicato negli Atti).

2013 Opificio di Letteratura Reale “Le attese”, Università di Napoli “Federico II”, aprile-maggio, su invito, con un intervento dal titolo “Le attese della Grande Guerra” (pubblicato negli Atti).

2012 Convegno Internazionale “The Great War in Italy. Representation and Interpretation”, Oxford, 20-21 aprile, con un intervento dal titolo “Ufficiali narratori e soldati personaggi. Per una lettura della narrativa italiana della Grande Guerra” (pubblicato negli Atti).

2011 XIII Convegno Internazionale di Studi MOD “Memoria della modernità. Archivi ideali e archivi reali”, Napoli 7-10 giugno, con un intervento dal titolo “La Grande Guerra degli illetterati. La rappresentazione del conflitto nell'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano” (pubblicato negli Atti).

Convegno di Studi “Rubè e la crisi dell'intellettuale del Novecento”, Palermo-Polizzi Generosa, 27-29 maggio, su invito, con un intervento dal titolo “Rubè e la letteratura della Grande Guerra” (pubblicato negli Atti).

Premi e borse di studio

2014 WWU (Westfälische Wilhelms Universität) Post-doc Fellowship (Wintersemester)

2012 WWU Post-doc Fellowship (Sommersemester)

2010-2012 Assegno di ricerca in Letteratura Italiana (L-Fil-Let/10) presso l’Università di Siena; titolo del progetto: “Il racconto italiano della Grande Guerra”.

2011 Premio Tarquinia-Cardarelli per l’opera prima di critica letteraria alla monografia Dalla trama al personaggio. Rubè di G.A. Borgese e il romanzo modernista. Napoli: Liguori, 2010.

2009 Finanziamento della Fondazione “G.A. Borgese” di Polizzi Generosa (Palermo) e del Dipartimento di Letterature Moderne e Scienze dei Linguaggi dell’Università di Siena per la pubblicazione della tesi di dottorato.

2005 Borsa di studio triennale dell’Università di Siena per la scuola di Dottorato “Logos e Rappresentazione”.

Attività di ricerca

La mia tesi di dottorato, intitolata “Dalla trama al personaggio. Rubè di G.A. Borgese e il romanzo modernista” (pubblicata nel 2010 presso Liguori di Napoli e nel 2011 Premio Tarquinia-Cardarelli), si è mossa tra gli ambiti della Letteratura Italiana e delle Letterature Comparate, con l’intento di porre Rubè di G.A. Borgese a confronto con il contesto letterario internazionale passato e coevo, da una parte cioè con i classici del Bildungsroman ottocentesco, e dall’altra con i romanzi modernisti di primo Novecento.

Sulla base della tesi di dottorato, che dedicava un capitolo alle esperienze letterarie della prima guerra mondiale, ho successivamente intrapreso uno studio della rappresentazione italiana della Grande Guerra tra il 1915 e il 1945, beneficiando dal 2010 al 2012 di un assegno di ricerca in Letteratura Italiana dell’Università di Siena. Dalla letteratura, gli ambiti della mia ricerca si sono progressivamente estesi al giornalismo, alla saggistica e alla diaristica popolare — per la quale ho frequentato l'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano—, quindi all’ipotesi di una loro comparazione con i media artistici e cinematografici, come proposto per il Progetto “La Grande Guerra nella cultura italiana. Rappresentazione, racconto e memoria” presentato per il Programma “Futuro in Ricerca 2013”. Sull’argomento, ho tenuto lezioni seminariali presso l’Università di Siena, la Seconda Università degli Studi di Napoli, la Humboldt Universität di Berlino e l’Istituto Italiano di Studi Germanici di Roma. Ne è risultata la monografia “La guerra sulla carta. Il racconto del primo conflitto mondiale” (2017), che ho appena pubblicato per Carocci di Roma.

Oltre all’esperienza letteraria della Grande Guerra — che ho affrontato di recente nel saggio Il romanzo della Grande Guerra, in corso di pubblicazione nella Storia del Romanzo in Italia, curata da G. Alfano e F. de Cristofaro per Carocci —, mi sono occupato tra l’altro della narrativa dell’Ottocento (Achille Bizzoni giornalista, scrittore e soldato, in corso di stampa per Morlacchi), della rappresentazione della città (Il quartiere, Le ragazze di San Frediano and Metello. Pratolini’s Quarter as Utopia, 2014; Come San Gimignano: la New York di Soldati, Borgese e Cecchi, 2010), della narrativa sarda (Giuseppe Dessì. L'intellettuale nel Paese d’ombre, 2009; Paese d’ombre e Il giorno del giudizio. Giuseppe Dessì e Salvatore Satta a confronto, in corso di stampa per Ilisso) e del cinema italiano degli anni Cinquanta, in particolare di Luchino Visconti (Gramsci e la Resistenza in Senso di Luchino Visconti, Kaplan 2014) e di Mario Monicelli (Mario Monicelli: La Grande Guerra/ Mann nannte es den grossen Krieg. Italienische Filme des 20. Jahrhunderts in Einzeldarstellungen, 2015). Ho pubblicato infine due volumi divulgativi d’introduzione allo studio della Letteratura Italiana con la casa editrice Edises di Napoli: Le trame della narrativa italiana (2014) e Letteratura italiana 3. Dalla Scapigliatura al Neorealismo (2014). Attualmente, sto lavorando all’edizione critica del romanzo L’onorevole (1895) di Achille Bizzoni per la casa editrice Clichy di Firenze.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.