Foto del docente

Gian Piero Siroli

Ricercatore confermato

Dipartimento di Fisica e Astronomia "Augusto Righi"

Settore scientifico disciplinare: FIS/01 FISICA SPERIMENTALE

Avvisi

Indicazioni per gli esami telematici del corso di Esperimentazioni di Fisica II (CdS Astronomia). Linee guida da leggere prima dell'esame orale.

Data la situazione attuale purtroppo per i prossimi appelli si dovrà utilizzare la modalità telematica (via Teams, salvo imprevisti, o eventualmente Zoom https://zoom.us/ SOLAMENTE SE esplicitamente comunicato), quindi qui di seguito sono riassunte delle linee guida per cercare di semplificarne lo svolgimento.


-> Allo scopo di svolgere la prova è condizione necessaria per lo studente avere una webcam funzionante che dovrà rimanere accesa per tutta la durata della prova.
-> Almaesami ha una speciale procedura per il riconoscimento dello studente che avverrà ad inizio prova; per ogni eventualità tenere a disposizione il tesserino UNIBO o un qualsiasi documento di identificazione.
-> All’inizio verrà chiesto allo studente di condividere il proprio schermo per verificare che non siano presenti appunti o altro materiale didattico. Si richiede comunque la massima serietà e ci riserviamo di interrompere immediatamente l’esame se dovessimo riscontrare irregolarità.
-> In caso di problemi di connessione si cercherà di ripristinare la comunicazione nel più breve tempo possibile oppure eventualmente si passerà al candidato successivo, posticipando in un secondo momento la ripresa dell’esame interrotto, ciò allo scopo di evitare un blocco completo della sessione.
-> Se avete a disposizione una piccola lavagna portatile su cui scrivere con pennarelli (leggibili) da mostrare con la webcam (sperabilmente con risoluzione sufficiente), tavoletta grafica, tablet con pennino o strumenti simili, useremo quelli. Applicazioni alternative che permettano la condivisione di un file su cui potete scrivere graficamente saranno naturalmente prese in considerazione (ad esempio la Whiteboard di Teams, One Note ecc), purché non implichino una complessità non gestibile. In generale, crediamo che possa andare bene qualsiasi altro meccanismo abbiate a disposizione (es.telecamera portatile) che ci permetta di vedere quello che voi state scrivendo. In mancanza di strumenti del genere, tenete a disposizione dei fogli bianchi (senza quadretti) ed un pennarello nero (spesso), che una volta scritti porrete davanti alla webcam.


L’esame si svolgerà in due parti separate e parallele con Myriam Gitti e Gian Piero Siroli che successivamente si consulteranno per decidere il voto finale.

Si ricorda che NON è in alcun modo permesso registrare le prove (solo da un eventuale sorvegliante nel caso delle prove scritte). L’uso del video è esclusivamente privato e si rischia di violare la attuale legislazione sulla privacy.

Probabilmente sarà inevitabile un periodo di adeguamento a questa situazione inedita (che tutti speriamo duri meno tempo possibile), sia da parte vostra che da parte nostra, ma con un minimo sforzo di adattamento da parte di tutti si risolveranno sicuramente gli eventuali problemi che dovessero sorgere.

 

Per finire, vorremmo richiamare gli studenti all'ovvio rispetto del codice etico di comportamento, e a questo fine riportiamo quanto scritto dal Prorettore alla didattica.

Di fronte a un grave momento per il Paese, l'Ateneo si è impegnato a condurre l'attività didattica a favore degli studenti con garanzia di completamento della formazione e percorso di studio, con strumenti e sforzi straordinari. Le modalità di esame da remoto pongono l'Ateneo e i suoi docenti di fronte a sfide nuove e a problemi diversi rispetto al passato anche in tema di garanzie di regolarità.

Su questo aspetto l'Ateneo intende prima di tutto appellarsi al senso deontologico degli studenti. Agli studenti chiediamo di prepararsi al meglio, sostenere le prove previste in modo autonomo e senza ricorso a mezzi illeciti e ottenere le valutazioni secondo il merito dimostrato.

Ai docenti chiediamo sforzi straordinari per una valutazione del merito, oltre che una decisa azione di controllo e censura delle azioni non corrette. Ora più che mai il Paese ha bisogno di competenze e l'Università è il luogo deputato a formare, ottenere e dimostrare il raggiungimento di tali competenze. Formare e valutare è compito dell'Ateneo. Dimostrare è compito dello studente. Ci appelliamo a tutti gli studenti affinchè dimostrino che la fiducia in loro è bene riposta“.
Gian Piero Siroli e Myriam Gitti

Pubblicato il: 04 giugno 2020