Foto del docente

Gabriele Giovannini

Professore ordinario

Dipartimento di Fisica e Astronomia "Augusto Righi"

Settore scientifico disciplinare: FIS/05 ASTRONOMIA E ASTROFISICA

Temi di ricerca

Parole chiave: Nuclei Galattici Attiivi ammassi di galassie: emissione non termica radioastronomia radio galassie campi magnetici estesi astrofisica

1) Studio ad altissima risoluzione angolare (0.001 arcsec) con tecniche VLBI di campioni completi di sorgenti radio di bassa potenza identificate con galassie ed oggetti di tipo BL-Lacs. Lo scopo e' di analizzare la fisica dei Nuclei Galattici Attivi per comprendere l'origine ed evoluzione della attivita' radio.
2) Proprieta' non termiche di ammassi di galassie: esistenza di campi magnetici su grande scala e loro importanza su scala cosmologica; origine ed evoluzione di particelle relativistiche.


1) Le proprieta' nucleari delle radio galassie di bassa potenza non sono ancora completamente compresi in particolare non e' chiaro l'origine dei getti relativistici e le loro proprieta' fisdiche. Tramite osservazioni in banda radio ad altissima risoluzione angolare (VLBI) si vuole studiare la fisica dei getti relativistici a poca distanza (qualche parsec) del nucleo attivo. In particolare si vuole investigare se le strutture in velocita' presenti all'interno di questi getti sono dovute al meccanismo di formazione e collimazione di questi getti oppure se si creano a causa della interazione con il mezzo esterno. Infatti la capacita' del getto di interagire con il mezzo circostante potrebbe essere l'elemento chiave che porta allo sviluppo di radio sorgenti di bassa o alta potenza. Per tale studio e' stato selezionato un vasto campione completo di radio galassie, che verra' osservato a diverse frequenze e risoluzioni angolari. Grazie alla possibilita' di ottenere immagini ad alta frequenza (86 GHz) e' ora possibili ottenere mappe di Nuclei Attivi con la risoluzione lineare del decimo di parsec.
2) Lo studio di emissione radio estesa in ammassi di galassie ha dimostrato l'esistenza di campi magnetici su grande scala nel mezzo intergalattico e la presenza di particelle altamente relativistiche di cui non e' ancora chiara l'origine. Un confronto comparato delle proprieta' degli ammassi di galassie in banda X e Radio ha dimostrato che fenomeni tipo merger tra ammassi puo' essere la fonte dell'energia necessaria per l'accelerazione delle particelle relativistiche e l'amplificazione dei campi magnetici. Si vuole ora studiare l'andamento radiale del campo magnetico e le proprieta' spettrali delle particelle relativistiche per comprendere la fisica legata ai fenomeni di merger. Inoltre tramite lo studio di ammassi di galassie a redshift fino a 0.5, si vuole investigare se le proprieta' del campo magnetico intergalattico cambia con il tempo cosmico.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.