Foto del docente

Daniele Pini

Professore a contratto

Dipartimento di Scienze Aziendali

Curriculum vitae

Scarica Curriculum Vitae (.doc 274KB )

 Curriculum Vitae (sintesi)

Nato a Venezia il 5 ottobre 1944 dove ha vissuto e operato fino al 1998. Attualmente vive ed opera a Ferrara. Sposato, con un figlio.

Si laurea in Architettura presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV), il 2 agosto 1969, con voti 110/110 e lode con una tesi su "Struttura del territorio e ambiente fisico nella laguna nord di Venezia", relatore il prof. Giancarlo De Carlo.

Supera l'esame di stato per l'abilitazione alla professione di architetto nel dicembre 1969 e si iscrive all’Ordine degli Architetti della Provincia di Venezia nel 1975 (n. 716). Dal 31.3.1999 è iscritto all'Ordine degli Architetti di Ferrara (n.266).

Membro di Commissioni giudicatrici di concorsi nazionali e internazionali per la progettazione di interventi urbanistici a Cesenatico, Ferrara, Venezia e Siena.

Membro dei Comitati Scientifici del Consorzio Interuniversitario europeo AlBan, con sede a Porto (Portogallo) dal 2005 al 2008, di OIKOS – Centro Studi di Bologna, dal 2005 al 2008; del “Planning Center” istituito dalla Regione Emilia Romagna, Assessorato Programmazione Territoriale, con sede a Bologna, per la documentazione dei piani urbanistici, dal 2006 al 2008.

Membro del comitato di esperti del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO per la preparazione di una raccomandazione su i “Paesaggi Storici Urbani” (2007-2010).

Membro del Comitato Scientifico tematico « Les suds aujourd’hui II » dell’Agence Nationale de la Recherche francese (2010).

Membro del Comitato Scientifico per la selezione dei progetti di ricerca nell’amito del programma “Labex – Laboratoires d’Excellence” dell’Agence Nationale de la Recherche francese (2011).

Consigliere della Segreteria Regionale Emilia-Romagna del FAI per i problemi di tutela del paesaggio (dal 2012)

Membro del Comitato Scientifico del progetto “Cities” promossso dall’UNESCO – World Heritage Centre per l’applicazione della raccomandazione sulla salvaguardia degli “Historic Urban Landscapes” (dal 2013).

Membro del Comité de Pilotage del programma “Sauvegarde du patrimoine des modernités architecturales et urbaines du monde arabe» dell’UNESCO (dal 2013).

Membro del « Think Tank » dell’Agha Khan Trust for Culture (2016).

Possiede un’ottima conoscenza dell’inglese e del francese (parlato e scritto).

Attività Accademica (sintesi)

Dal 1974 svolge attività didattica e di ricerca presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (fino al 1993) e la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara (dal 1991) come borsista e assistente incaricato di Urbanistica (fino al 1975), professore incaricato di Pianificazione Territoriale Urbanistica (1974-1976) e di Igiene Edilizia (1977-1981) e, infine, come professore associato di Urbanistica 1 (dal 1982). Dal 1989 al 1993 è docente di Progettazione del Territorio presso la Scuola di Specializzazione in Pianificazione Territoriale e Urbanistica per i Paesi in via di Sviluppo presso l’IUAV. Nel 1991 è stato chiamato a ricoprire il posto di professore associato di Urbanistica 1 alla Facoltà di Architettura di Ferrara di nuova istituzione; ha diretto un Laboratorio di “sintesi finale” in “Progettazione Urbanistica” ed è attualmente responsabile di un Laboratorio di Urbanistica. Nel 2005 risulta idoneo al concorso per Professore Ordinario di “Tecnica e Pianificazione Urbanistica” (SSD ICAR 20) ed è chiamato a ricoprire la cattedra di “Progettazione Urbanistica” presso la Facoltà di Architettura di Ferrara. Viene confermato Professore Ordinario nel settore scientifico-disciplinare ICAR 20 – Tecnica e Pianificazione Urbanistica a decorrere dal 1.7.2008. Ha svolto attività di docenza e coordinamento in numerosi di programmi di formazione Post Laurea sulle problematiche riguardanti gli interventi complessi di riqualificazione urbana e la valorizzazione del patrimonio storico. Svolge numerosi incarichi di gestione didattica e scientifica, in particolare il coordinamento della mobilità studentesca nell’ambito dei programmi ERASMUS e Atlante. Nel 2012 è stato nominato Vice Direttore del neo-costituito Dipartimento di Architettura, carica che ha mantenuto sino al pensionamento per limiti di età (novembre 2014). Su indicazione del Dipartimento di Architettura, nel 2016 è stato nominato Eminente Studioso dal Rettore dell’Università.

Presso l’IUAV e la FAF, ha coordinato numerose ricerche di interesse locale e di interesse nazionale sui temi dell’urbanizzazione e della residenza nei Paesi in Via di Sviluppo, la riqualificazione urbana, le infrastrutture di trasporto e l’assetto del territorio, la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio storico urbano. In particolare, ha coordinato gruppi IUAV in ricerche di interesse nazionale (MIUR, ex-40%) sull’urbanizzazione nell’Africa Sub-Sahariana e sullo spazio domestico nell’architettura popolare dell’area mediterranea. Ha coordinato un gruppo FAF in una ricerca di interesse nazionale (MIUR, Cofin) sull’assetto infrastrutturale il paesaggio nell’area metropolitana bolognese, e in una ricerca europea (EUROMED II) sugli strumenti decisionali per la tutela e valorizzazione del patrimonio urbano condiviso nei paesi del Mediterraneo. Ha inoltre coordinato le attività di formazione del programma EUROMED IV volto alla documentazione e divulgazione del “Patrimonio condiviso”, architettonico e urbano, in Marocco, Tunisia e Palestina.

Come docente dell’IUAV prima e della Facoltà di Architettura di Ferrara, coordina programmi di cooperazione interuniversitaria finanziati dalla CEE (programmi ERASMUS dal 1986). Ha inoltre organizzato e coordinato wokshop di analisi e progettazione urbana con la partecipazione di università europee ed extraeuropee in Grecia (Cefalonia, Rodi, Mitilini), Marocco (Salé, Fés, Essaouira), Etiopia (Dire Dawa) e Siria (Aleppo). Dal 1992 al 1997, partecipa come docente ai workshops di progettazione urbana e ambientale organizzati annualmente in diverse città italiane dall’Università di Ferrara, dalla University of California-Berkeley e dall’Università Waseda di Tokio. Dal 1999 al 2001 è stato impegnato in programmi di cooperazione per la ricostruzione in Bosnia (Bosansko Grahovo, Sarajevo e Bihac). Nel 2005 è docente ad un workshop sulla riqualificazione urbana del centro storico di Oaxaca (Messico), organizzato dalla FAF con la University of California-Berkeley, l’Università Waseda di Tokio e l’UNAM di Ciudad del Mexico.

Oltre ai suoi compiti istituzionali presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara, dal 2003 al 2009 è docente a contratto nel Master in “Urban Development and Reconstruction”), presso l’Università IUAV di Venezia, Dipartimento di Pianificazione. Dal 2006 è guest lecturer nel Master in “Conservation of Monuments and Sites”, presso il Raymond Lemaire International Centre for Conservation (RLICC), Katholieke Universiteit Leuven. Dal 2007 ricopre per affidamento l’incarico del corso “Urban Planning and Development: the conservation of the historic cities” presso la Facoltà di Economia, CdL Magistrale in Gestione e Innovazione delle Organizzazioni Culturali e Artistiche (GIOCA) dell’Università di Bologna. Nel 2015-16 è stato titolare di una “Chaire internationale” presso l’Université Libre de Bruxelles – Ecole d’Architecture de La Cambre.

Ha svolto inoltre un’intensa attività didattica presso numerose istituzioni universitarie e di ricerca italiane e straniere. In Italia, ha tenuto corsi e seminari presso le facoltà di Architettura dell’IUAV (dopo il 1993), del Politecnico di Milano, dell’Università di Firenze, del Politecnico di Bari e dell’Università di Trieste, la facoltà di Ingegneria dell’Università La Sapienza di Roma, la Facoltà di Lettere dell’Università di Catania, la Facoltà di Economia dell’Università di Bologna, la Facoltà di Architettura Federico II di Napoli. All’estero, oltre all’attività didattica svolta nell’ambito dei programmi di cooperazione, ha svolto docenze come visiting professor presso le università di Dublino (Irlanda), Darmstadt (Germania), Salonicco (Grecia), Malta, New Dehli (India), Aix-en-Provence, Clermond Ferrand, Bordeaux (Francia), Leuven e Bruxelles-La Cambre (Belgio), Berkeley (University of California), Stoccolma e Goetheborg (Svezia), Bezalel Academy (Gerusalemme), Bir Zeit (Palestina), Zagabria, Oradea (Romania), Tirana, Sarajevo, Istanbul (Bilgi University), Tblisi. Ha coordinato inoltre corsi di formazione per tecnici e quadri dell’amministrazione nel settore urbanistico per conto della Banca Mondiale (Thimpu, Buthan 2001), dell’ICCROM (Rabat - Roma 1999), dell’UNESCO (Fés 2003, in Marocco, Sana’a 2010 in Yemen), della Cooperazione Italiana (Beirut-Saida, Libano 2012), della Cooperazione Belga (Progetto “Regeneration of Historic Centres”, in Palestina 2016). È stato docente in numerosi corsi residenziali organizzati in Italia e all’estero da università e associazioni culturali straniere (International Laboratory of Architecture and Urban Design – ILAUD), Southbank Polytechnic of London, University of Miami, University of California - Berkeley, Massachussets Institut of Technology, IRCICA - Istanbul).

Attività professionale e di consulenza (sintesi)

Dal 1970 al 1972, compie il servizio civile sostitutivo lavorando come architetto-urbanista presso il COMEDOR di Algeri, alle dipendenze della Presidenza del Consiglio della Repubblica Algerina, dove partecipa a studi, ricerche e progetti urbanistici per l’area metropolitana di Algeri.

Dal 1973 svolge attività professionale di architetto e urbanista in Italia e all'estero come libero professionista e consulente di amministrazioni pubbliche, società e gruppi di progettazione, operando prevalentemente nei campi della pianificazione territoriale e urbanistica, della pianificazione dei trasporti e della progettazione urbana. Oltre all’attività professionale esercitata in forma autonoma, è stato membro dello studio associato STUDI TERRITORIALI (ST) di Venezia (fino al 1993), con gli ingegneri Nico Ventura e Maurizio Monego, e dello studio associato PFMAA a Ferrara, con gli architetti Romeo Farinella e Francesco Montagnana (fino al 2000). Tra i lavori di maggiore impegno, ha condotto studi di pianificazione territoriale sulla Laguna di Venezia per il Comune di Venezia e la Comunità Europea, per i comprensori del Primiero e dell’Alta Valsugana in Provincia di Trento, la Provincia di Venezia e la Provincia di Nuoro; piani urbanistici generali per i comuni di S.Giustina (Belluno), Crevalcore (Bologna), Comacchio (Ferrara), Iglesias (Cagliari); piani urbanistici esecutivi e progetti urbani per le città di Siena (S.Miniato), Venezia (Mazzorbo), Ravenna, Mantova, Ferrara; ricerche e progetti sui sistemi infrastrutturali e di trasporto per Vicenza e Dolo (Venezia), le aree ferroviarie delle medie stazioni nella Regione Emilia Romagna, la stazione centrale di Bologna, l’idrovia ferrarese (comune e Provincia di Ferrara), la “città delle vacanze” della riviera romagnola nel comune di Bellaria (Regione Emilia Romagna), la Via Emilia nel circondario imolese (BO); il programma di recupero di una vasta area ex-ospedaliera nel centro storico di Ferrara.

Ha svolto inoltre attività di consulenza nell’ambito di programmi di cooperazione allo sviluppo. Dal 1977 al 1992, come esperto della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri (DGCS-MAE), compie missioni di valutazione e programmazione in Algeria, Tunisia e Senegal nel quadro di programmi di formazione universitaria e di assistenza tecnica.

Dal 1982 svolge attività di consulenza per società nazionali e internazionali, ONG e organismi internazionali (Iccrom-Icomos, UN-Habitat, UNDP, UNESCO, Banca Mondiale, BID, GTZ), nel quadro di programmi di assistenza tecnica e di progetti di sviluppo e risanamento urbano in Algeria, Marocco, Egitto, Malta, Libano, Giordania, Siria, Israele, Yemen, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Iran, India, Sri Lanka, Bhutan, Vietnam, Cina, Etiopia, Eritrea, Gibuti, Namibia, Ecuador, Georgia, occupandosi in particolare della salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale delle città storiche. Tra queste, di particolare impegno, gli studi e i progetti per la Casbah di Algeri, la Cittadella del Cairo, il risanamento di quartieri popolari ad Addis Abeba e Dire Dawa (Etiopia), il sistema dei centri storici nelle isole maltesi, le medine di Fés, Salé e Meknes (Marocco); le città storiche di Baalbeck e Tiro (Libano), Madaba e Ajloun (Giordania), Al Ain (Emirati Arabi), Manama e Muharraq (Bahrein), Sana’a e Zabid (Yemen), Chongqing e Shaoxing (Cina), il Centro Città di Gibuti, le città storiche di Gerusalemme e Damasco (Siria).

Recentemente, come esperto dell’UNESCO – Centro per il Patrimonio Mondiale (Parigi) è stato impegnato nella preparazione del piano di salvaguardia e di gestione della città storica del Cairo (Egitto 2010-14) e in numerosi programmi di assistenza tecnica riguardanti l’attuazione della Raccomandazione sui “Paesaggi Storici Urbani” a Napoli (Piano di Gestione, 2010-11), in Bahrein e Marocco. Dal 2015, è consulente per la redazione del Master Plan di Mtskheta (Georgia), Patrimonio Mondiale in Pericolo,

Negli ultimi anni ha inoltre partecipato, come consulente, alla definizione dei programmi di “upgrading” della Banca Mondiale per le città storiche di Kandy e Galle (Sri Lanka 2013-2015) e, su incarico dei governi locali, alla redazione del Piano di Gestione di Eyup (Istanbul, 2015), del Piano di Salvaguardia e valorizzazione del Patrimonio Urbano e Architettonico di Casablanca (2015-16), delle “Urban Design Guidelines” per le “Buffer Zones” delle oasi e siti culturali Patrimonio Mondiale di Al Ain (Emirati Arabi Uniti, in corso dal 2015) e, come esperto per conto della società Hydea (Firenze), al programma “Regeneration of Historic Centres”, per conto della agenzia della Cooperazione Belga (BTC) e del Ministry of Local Governements della Palestina (2015-2016) . Nel 2019, su indicazione del Centro Patrimonio Mondiale, è stato nominato consulente del Municipal Development Fund della Georgia per la Redazione degli strumenti urbanistici della città di Mtskheta Patrimonio Mondiale.

Pubblicazioni (sintesi)

E’ co-autore o curatore dei seguenti libri: "Le trasformazioni territoriali nell'area nord-occidentale della laguna di Venezia" (Padova-Venezia, 1975); "La città tra colonialismo e nuova dipendenza. Il caso del Maghreb" (Milano 1981); "Présent et avénir des medinas (de Marrakesch à Alep)" (Tours 1982); "Guida d'Italia. Venezia" (Touring Club Italiano, Milano 1985); "La città degli altri. La riqualificazione urbana nei Paesi in Via di Sviluppo" (Venezia, 1989); "Architecture et Urbanisme au Maghreb. Patrimoine, Tradition et Modernité" (Paris, 1991); "Medina de Fés" (Milano 1992); "Medina di Salé" (Milano 1993); "Dall'emergenza alla ricostruzione. Un intervento urbano in Bosnia Erzegovina" (2000); “La riqualificazione come strumento per la promozione della sicurezza urbana” (2003), “Stazioni ferroviarie e riqualificazione urbana” (Vincitore del premio “Trasporti e Cultura” istituito dall’omonima rivista, 2004), “Ville historique et developpement durable dans le Maghreb contemporain” (2004), “The inventory of the historic city of Sana’a. A tool for urban conservation”, UNESCO Press, Paris 2008, “Planning and management of urban and landscape heritage” (with Laura Verdelli), Bononia University Press, Bologna 2012.

Dal 1975 al 1982 è stato redattore della rivista internazionale di architettura e urbanistica “Spazio & Società”, diretta da Giancarlo De Carlo. Ha pubblicato inoltre numerosi saggi e articoli su diverse problematiche della pianificazione e della progettazione urbanistica nelle riviste: Urbanistica, Casabella, Spazio & Società, Parametro, Rassegna, Paesaggio Urbano, Inforum, Nexus, Contesti. Suoi lavori di ricerca, pianificazione e progettazione sono stati pubblicati o commentati su numerose riviste di architettura e di urbanistica in Italia e all'estero.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.