Foto del docente

Carlo Tamanini

Professore ordinario

Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Settore scientifico disciplinare: VET/02 FISIOLOGIA VETERINARIA

Temi di ricerca

Il Prof. Carlo Tamanini si occupa da quasi un trentennio di endocrinologia degli animali domestici, con particolare riferimento alla fisiologia della riproduzione.

Ha fatto indagini sulla produzione di sieri immuni utilizzabili nel dosaggio RIA ed ha collaborato alla messa a punto di numerosi sistemi di dosaggio di ormoni sessuali, steroidei e proteici, e di tecniche per il dosaggio di recettori ormonali; ha inoltre studiato nuove tecniche per l'induzione degli estri nelle specie ovina e caprina.

Di particolare interesse sono gli studi sugli effetti del trattamento di pecore e capre con melatonina, sia per quanto riguarda la dilatazione del  periodo riproduttivo, sia per quanto riguarda i riflessi sulla produzione della prolattina.

Ha  messo a punto delle metodiche originali per la diagnosi precoce di gravidanza nelle specie suina e caprina.

Ha studiato gli effetti degli steroidi ovarici sulla produzione e sulle caratteristiche della liberazione dell'LH; ha lavorato a progetti di ricerca sulla regolazione differenziata della secrezione delle gonadotropine ipofisarie.

Più recentemente ha condotto indagini sulla modulazione della steroidopoiesi a livello delle cellule della granulosa del follicolo ovarico; in particolare ha studiato gli effetti delle gonadotropine (LH ed FSH), degli stessi steroidi ovarici (estradiolo e androgeni) nonché di fattori di crescita (IGF-I) e di citochine sulla produzione di progesterone ed estrogeni; ha inoltre studiato il ruolo dell'ossido nitrico quale mediatore dei meccanismi che regolano la steroidopoiesi, la proliferazione e l'apoptosi delle cellule della granulosa nelle specie bovina e suina. Un altro campo di ricerca è  costituito dallo studio di sostanze di varia natura ed origine che concorrono a regolare sia la secrezione dell'LH che del GH.

 



1) Scopo di questa ricerca è quello di valutare se negli animali domestici il metabolismo degli spermatozoi possa essere regolato, durante il processo di acquisizione della capacità fecondante, da ormoni metabolici quali insulina e leptina. Viene studiata la presenza e la immunolocalizzazione dei recettori per tali ormoni e dei trasportatori del glucosio (GLUT), valutando eventuali modificazioni di concentrazione o localizzazione in seguito alla capacitazione. Queste indagini verranno altresì effettuate su spermatozoi sottoposti a "sessaggio" (separazione citofluorimetrica degli spermatozoi X e Y) mediante "sperm sorting". Tale procedura induce infatti, nelle ore che immediatamente seguono il trattamento, un calo della motilità dei gameti la cui causa, ancora sconosciuta, potrebbe essere ascritta ad un'alterazione del metabolismo dello spermatozoo. 2) La separazione citofluorimetrica degli spermatozoi X e Y sulla base del contenuto di DNA è a tutt'oggi l'unica tecnica affidabile per ottenere progenie di sesso prederminato. La relativa lentezza del processo di sessaggio e il basso numero di spermatozoi ottenibili per unità di tempo limitano tuttavia l'utilizzo su vasta scala del seme sessato. Al fine di aumentare la velocità di separazione mantenendo elevata la purezza dei campioni e preservandone inalterato il potere fecondante si sta cercando di ottimizzare le procedure di preparazione del seme e di taratura del citofluorimetro-sorter adattandole agli spermatozoi di varie specie animali (suino, cavallo, cane, gatto). Tali adattamenti sono necessari in quanto esistono notevoli differenze di specie relativamente alla quantità di DNA degli spermatozoi X e Y, alla capacità di colorazione del DNA ed alla possibilità di orientare i gameti rispetto al laser al momento della separazione citofluorimetrica. 3) Studi effettuati nell'uomo hanno dimostrato che il tè verde ha un effetto protettivo contro alcune forme di cancro, ma quantità troppo elevate possono aumentare il rischio di anomalie congenite. Il tè verde può essere utilizzato come integratore nella dieta del suino in virtù delle proprietà antiossidanti ed antimicrobiche dei polifenoli in esso contenuti. Nel bovino è stato osservato un effetto benefico di estratti polifenolici del tè verde sulla maturazione degli oociti. Tuttavia recenti studi in vitro hanno dimostrato che uno di questi composti, l'epigallocatechina-3-gallato (EGCG) ha un effetto negativo sulle funzioni delle cellule della granulosa di maiale. In questo contesto lo scopo della ricerca è quello di verificare l'effetto dell'EGCG sulla maturazione e sulla fecondazione in vitro di oociti di maiale e sulla successiva evoluzione embrionale.

Ultimi avvisi

Al momento non sono presenti avvisi.