Foto del docente

Carla Cortini

Professoressa a contratto a titolo gratuito

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale

Avvisi

indicazioni esame di tirocinio 2015-2016

Esame di tirocinio I - 14 CFU – AA 2015-2016

15/7/2016 Ore 8,00

29/7/2016 Ore 8,00

19/9/2016 Ore 8,00

 29/9/2016 Ore 12.00

Per l’ammissione all’esame di tirocinio è necessario:

  • che la valutazione sia positiva di tutte le sedi di tirocinio frequentate al 1° anno; in caso di valutazione negativa è necessario ripetere il tirocinio e ottenere una valutazione positiva nella stessa area o area affine.
  • che ciascun candidato abbia effettuato le attività di tirocinio programmate e abbia frequentato per il monte ore previsto.
  • Che siano stati consegnati i dossier di tirocinio completi di:
  • fogli firme per ciascuna sede di tirocinio
  • schede di lettura organizzativa
  • contratti di apprendimento per tutti le sedi frequentate
  • schede di valutazione di tirocinio
  • cartelle ad uso didattico complete della pianificazione assistenziale

.L’esame di tirocinio sarà condotto secondo le seguenti modalità:

  • PROVA SCRITTA (Tempo a disposizione 1 ora);

    Caso clinico su situazioni cliniche oggetto di studio- esperienza nel 1° anno di corso.

    Nel caso si illustrerà una situazione clinica in ambito medico nel contesto operativo ospedaliero.

    A partire dai dati contenuti nel caso, verrà richiesta la definizione di problemi assistenziali (diagnosi infermieristiche reali, di rischio, a sindrome) definizione di obiettivi e di interventi, secondo il modello di Gordon- Carpenito.

    Domanda su questioni etico-deontologiche e/o relative alla normativa che regola l’esercizio professionale.

    NOTA: durante lo svolgimento della prove dell’esame di tirocinio agli studenti partecipanti all’appello, dall’inizio delle prove fino all’assegnazione del voto finale non è permesso:

    - consultare libri di testo e dispense

    - utilizzare telefoni cellulari, tablet, computer, ecc..

  • PROVA ORALE/PRATICA (15 – 20 min)
  • Discussione di alcune parti dell’applicazione del processo assistenziale al caso clinico.
  • Commento alla risposta sui temi etici e/o norme sull’esercizio professionale
  • Illustrazione di una procedura o parte di essa ed argomentazione del razionale scientifico della/e procedura/e oggetto di studio/esperienza nel 1° anno di corso.

    CRITERI DI VALUTAZIONE:

  • correttezza, esaustività dell’illustrazione dei problemi assistenziali attraverso l’esplicitazione del processo di assistenza;
  • Capacità di discutere ed argomentare lo sviluppo del caso clinico
  • capacità di collegarsi con gli elementi principali delle discipline del corso di studi e del laboratorio professionale I, se richiesto.
  • Capacità di sostenere una discussione collegata alla domanda sull’esercizio professionale.
  • Padronanza del linguaggio scientifico.
  • Capacità di illustrare parti delle procedure e/o riconoscere il materiale/ attrezzatura ( es: catetere vescicale, predisposizione di materiale per cure igieniche, ecc) oggetto di studio/esperienza del 1°anno di corso e del loro razionale scientifico.
  • Qualità dell’approccio all’assistito e familiari in previsione dell’esecuzione di procedure / attività assistenziale;
  • Capacità comunicative corrette con colleghi – operatori.

Alla valutazione certificativa (finale) concorreranno le valutazioni dei tirocini, le valutazioni delle pianificazioni dei casi clinici prodotti durante le esperienze nelle sedi di tirocinio e le performance dell’esame.

La valutazione certificativa verrà espressa in 30mi ( x 14 CFU).

Esame di tirocinio II - 17 CFU – AA 2015-2016

14/7/2016 Ore 8,00

28/7/2016 Ore 8,00

19/9/2016 Ore 12,00

29/9/2016 Ore 8,00

Per l’ammissione all’esame di tirocinio è necessario:

  • che la valutazione finale sia positiva di tutte le sedi di tirocinio frequentate al 2° anno; in caso di valutazione negativa è necessario ripetere il tirocinio e ottenere una valutazione positiva nella stessa area o area affine;
  • che ciascun candidato abbia effettuato le attività di tirocinio programmate e le ore previste.
  • Che siano stati consegnati i dossier di tirocinio completi :
  • fogli firme per ciascuna sede di tirocinio
  • schede di lettura organizzativa per ogni sede di tirocinio
  • contratti di tirocinio per tutti le sedi frequentate
  • schede di valutazione di ogni sede di tirocinio
  • cartelle ad uso didattico complete della pianificazione assistenziale di ogni tirocinio svolto

.L’esame di tirocinio sarà condotto secondo le seguenti modalità:

  • PROVA SCRITTA (Tempo a disposizione al massimo 1 ora);

    Caso clinico su situazioni cliniche oggetto di studio- esperienza nei due anni di corso.

    Nel caso si illustrerà una situazione clinica in ambito medico o chirurgico nel contesto operativo ospedaliero.

    A partire dai dati, contenuti nel caso, verrà richiesta la definizione di problemi assistenziali: diagnosi infermieristiche reali, di rischio, a sindrome secondo il modello di Gordon- Carpenito.e problemi collaborativi, definizione di obiettivi, di interventi e valutazione

    Domanda su questioni etico-deontologiche e/o relative alla normativa che regola l’esercizio professionale.

    NOTA: durante lo svolgimento della prove dell’esame di tirocinio agli studenti partecipanti all’appello, dall’inizio delle prove fino all’assegnazione del voto finale non è permesso:

    - consultare libri di testo e dispense

    - utilizzare telefoni cellulari, tablet, computer, ecc..

  • PROVA ORALE/PRATICA (15 – 20 min)
  • Discussione di alcune parti dell’ applicazione del processo assistenziale al caso clinico.
  • Commento alla risposta sui temi etici e/o norme sull’esercizio professionale
  • Illustrazione di una procedura o parte di essa ed argomentazione del razionale scientifico della/e procedura/e oggetto di studio/esperienza nei due anni di corso.

    CRITERI DI VALUTAZIONE:

    Nell’attribuzione della valutazione certificativa si terrà conto di:

  • correttezza, esaustività dell’illustrazione dei problemi assistenziali attraverso l’esplicitazione del processo di assistenza
  • Capacità di discutere ed argomentare lo sviluppo del caso clinico e collegarsi con gli elementi principali delle discipline del corso di studi e dei laboratorio professionali I e II, se richiesto.
  • Conoscenza degli aspetti etico-deontologici e dello spazio di esercizio professionale della disciplina infermieristica
  • Padronanza del linguaggio scientifico.
  • Capacità di illustrare parti delle procedure e/o riconoscere il materiale/ attrezzatura oggetto di studio/esperienza del 1° e 2°anno di corso e del loro razionale scientifico.
  • Qualità dell’approccio all’assistito e familiari in previsione dell’esecuzione di procedure / attività assistenziale (informazioni, ascolto);
  • Capacità comunicative corrette con colleghi – operatori anche attraverso l’uso di strumenti;
  • Capacità di organizzare il proprio lavoro

Alla valutazione finale certificativa concorreranno le valutazioni dei tirocini, le valutazioni delle pianificazioni dei casi clinici prodotti durante le esperienze nelle sedi di tirocinio e le performance dell’esame.

La valutazione certificativa verrà espressa in 30mi ( x 17 CFU)

Esame di tirocinio III - 29 CFU – AA 2015-2016

13/7/2016 Ore 8,30

26/7/2016 Ore 8,30

20/9/2016 Ore 8,30

30/9/2016 Ore 8,30

Per l’ammissione all’esame di tirocinio è necessario:

  • che le valutazione siano positive per tutte le sedi di tirocinio frequentate al 3° anno.
  • che ciascun candidato abbia effettuato le attività di tirocinio programmate e le ore previste (escluse le ore di tirocinio a scelta) NB: Il tirocinio a scelta può essere svolto successivamente all’esame di tirocinio III, ma la verbalizzazione avverrà solo dopo il completamento del percorso di tirocinio.
  • Che siano stati consegnati nei tempi concordati i dossier di tirocinio completi di:
  • fogli firme per ciascuna sede di tirocinio
  • schede di lettura organizzativa
  • contratti di apprendimento per tutte le sedi frequentate
  • schede di valutazione di tirocinio
  • cartelle ad uso didattico complete della pianificazione assistenziale

L’esame di tirocinio sarà condotto secondo le seguenti modalità:

  • PROVA SCRITTA (Tempo a disposizione 1 ora);
    • Caso clinico su situazioni cliniche oggetto di studio- esperienza nei tre anni di corso. Nel caso si illustrerà una situazione clinica complessa in fase acuta o post acuta e nei contesti operativi ospedaliero o territoriale. A partire dai dati, contenuti nel caso, verrà richiesta la definizione di problemi assistenziali (diagnosi infermieristiche reali, di rischio, a sindrome e complicanze potenziali – in atto) definizione di obiettivi, di interventi e gli indicatori di valutazione, secondo il modello di Gordon- Carpenito.
    • Domanda scritta su temi etico-deontoligici e relativi alla normativa che regola lo specifico professionale.

      NOTA: durante lo svolgimento della prove dell’esame di tirocinio agli studenti partecipanti all’appello, dall’inizio delle prove fino all’assegnazione del voto finale non è permesso:

      - consultare libri di testo e dispense

      - utilizzare telefoni cellulari, tablet, computer, ecc..

  • PROVA ORALE/PRATICA (15 – 20 min)
  • Discussione di alcune parti dell’ applicazione del processo assistenziale al caso clinico.
  • Illustrazione ed argomentazione del razionale scientifico della/e procedura/e oggetto di studio/esperienza nei tre anni di corso.
  • Commento alla risposta sui temi etici e/o norme sull’esercizio professionale

    CRITERI DI VALUTAZIONE:

  • correttezza, esaustività dell’illustrazione dei problemi assistenziali attraverso l’esplicitazione del processo di assistenza e capacità di sostenere una discussione collegata alla prova sul caso clinico.
  • capacità di collegarsi con gli elementi principali delle discipline del corso di studi e dei laboratori professionali e seminari, se richiesto.
  • Padronanza del linguaggio scientifico.
  • Padronanza delle procedure oggetto di studio/esperienza nei tre anni di corso e del loro razionale scientifico.
  • Capacità di discutere come vengono riconosciute e gestiti gli aspetti della comunicazione- relazione con l’assistito, i familiari, colleghi – operatori.
  • Conoscenza degli aspetti etico-deontologici e dello spazio di esercizio professionale della disciplina infermieristica.
  • Capacità di lettura dell’organizzazione di un contesto operativo

Alla valutazione certificativa (finale) concorreranno le valutazioni dei tirocini, le valutazioni delle pianificazioni dei casi clinici prodotti durante le esperienze nelle sedi di tirocinio e le performance in sede di esame.

La valutazione certificativa verrà espressa in 30mi ( x 29 CFU)

 

Pubblicato il: 21 giugno 2016