GLIFO-STOP

Individuazione di un modello di best practices a basso impatto ambientale alternativo all’utilizzo del Glifosate nei seminativi

Abstract

Obiettivi e Finalità Realizzare un modello di best practices a basso impatto ambientale alternativo all’ utilizzo del glifosate da applicare per la gestione dei terreni coltivati a seminativi. L’applicazione di tale modello permetterà di ridurre i rilasci di sostanze inquinanti e di migliorare la qualità delle acque e del suolo, contribuendo anche all’adattamento dei sistemi colturali agli impatti del cambiamento climatico. Risultati attesi Messa a punto di modelli di best practices a basso impatto che possano sostituire il glifosate, assicurare la qualità e la salubrità delle produzioni e la sicurezza degli addetti; Risparmio economico oltre che ambientale, volto ad un miglior utilizzo dei prodotti fitosanitari; Produzione di un Web Toolkit per i produttori agricoli che possa dare tutte le indicazioni pratiche per l’applicazione degli strumenti alternativi al glifosate.

Dettagli del progetto

Responsabile scientifico: Giovanni Dinelli

Strutture Unibo coinvolte:
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari

Coordinatore:
Progeo S.C.A.(Italy)

Altri partner:
ALMA MATER STUDIORUM - Università di Bologna (Italy)

Contributo totale di progetto: Euro (EUR) 325.165,95
Durata del progetto in mesi: 30

Cordis webpage