90065 - CLASSICS IN THE HISTORY OF PHILOSOPHY (1) (LM)

Scheda insegnamento

  • Docente Mariafranca Spallanzani

  • Crediti formativi 6

  • SSD M-FIL/06

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza

  • Lingua di insegnamento Inglese

  • Campus di Bologna

  • Corso Laurea Magistrale in Scienze filosofiche (cod. 8773)

  • Orario delle lezioni dal 20/03/2023 al 03/05/2023

Anno Accademico 2022/2023

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso “"Classics in the History of Philosophy" intende fornire agli studenti l'opportunità di esercitarsi nella lettura di classici di filosofia in lingua originale (inglese, francese, tedesco) al fine di approfondire su di essi le questioni semantiche e storico-concettuali connesse con le trasformazioni dell’espressione filosofica, di favorire la comprensione dei significati propri del linguaggio specialistico nella diacronia delle sue forme e di acquisire la consapevolezza critica dei problemi teorici e interpretativi connessi con la traduzione.

Contenuti

CLASSICS IN THE HISTORY OF PHILOSOPHY

Prof. Mariafranca Spallanzani

FOLLIA E RAGIONE DEI FILOSOFI

Il corso intende esaminare alcune definizioni delle nozioni di “follia” e di “ragione” nella filosofia moderna, ricostruendo una sorta di storia della follia attraverso alcune immagini che circolano nella cultura europea tra Cinquecento e Seicento fino alla rottura teorica con “il modello dell’inclusione” operato dal metodo e dallo stile della ragione moderna.

Il corso sarà organizzato secondo più modalità che prevedono lezioni frontali (circa 20 ore), seminari specialistici (circa 10 ore) con letture e discussioni di testi.

Il corso è tenuto in inglese.

 

I. LEZIONI FRONTALI

Si esamineranno i seguenti testi o parti di essi.

A. Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia

Edizioni italiane consigliate:

Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, trad. it. Milano, BUR, 1994;

Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, trad.it. Milano, Mondadori, 1996;

Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, trad.it. Torino, Einaudi, 2002 (con testo originale a fronte).

 

B. M. de Montaigne, Saggi

Si esamineranno i seguenti capitoli dei Saggi:

L. I : VIII Dell’ozio; XXXVIII Come piangiamo e ridiamo di una stessa cosa; XXXIX Della solitudine; L Su Democrito ed Eraclito

L. II : XII Apologia di Raymond Sebond

L. III : IV Della diversione; XIII Dell’esperienza

Edizioni italiane consigliate:

Michel de Montaigne, Saggi, a cura di F. Garavini, Milano, Adelphi, 1966, 1992;

Michel de Montaigne, Saggi, a cura di F. Garavini, Milano, Mondadori, 1970.

C. R. Burton, Anatomia della malinconia. Introduzione

Edizioni italiane consigliate:

R. Burton, Anatomia della malinconia, Venezia, Marsilio, 1983.

R. Burton, L'anatomia della malinconia, a cura di Luca Manini e Amneris Roselli, testo inglese a fronte a cura di Thomas C. Faulkner, Nicholas K. Kiessling e Rhonda L. Blair, Milano-Firenze, Bompiani, 2020

D. Descartes, I. Meditazioni sulla filosofia prima: Prima e Seconda Meditazione; II. Lettere a Elisabetta, 1 Settembre, 1645, 6 Ottobre, 1645.

Edizioni italiane consigliate:

D. I. Descartes, Meditazioni metafisiche, in Cartesio, Opere filosofiche, a cura di E. Garin, Bari, Laterza 1986, vol. II; Meditazioni sulla filosofia prima, in Opere filosofiche di René Descartes, a cura di E. Lojacono, Torino, UTET, vol. I, 1994; Meditazioni metafisiche, a cura di S. Landucci, Bari, Laterza, 1997; Meditazioni metafisiche, in R. Descartes, Opere (1637-1649) a cura di G. Belgioiso, Milano, Rusconi editore, 2002.

D. II. Descartes, Epistolario con Elisabetta, in Descartes, Epistolario, a cura di G. Belgioioso e R. Armogathe, Milano, Bompiani, 2005 (pagine scelte).

 

Si segnala inoltre la seguente bibliografia generale, utile per seguire il percorso filosofico intrapreso tra i vari autori e i diversi testi:

A.Tenenti, Il senso della morte e ‘'amore della vita nel Rinascimento, Torino, Einaudi, 1957 (e rist.)

M. Foucault, Folie et déraison. Histoire de la folie à l’âge classique, Paris, Plon, (1961), 1974, trad. it. Storia della follia nell’età classica, Milano, Rizzoli, 1973 (e rist.)

R. Klibansky, E. Panofsky, F. Saxl, Saturn and Melancholy: Studies in the History of Natural Philosophy, Religion and Art, London, Nelson, 1964, trad. it Saturno e la malinconia, Torino, Einaudi 1983

W. Lepenies, Melancholie und Gesellschaft, 1969, trad. it Melanconia e società, Morano, Napoli, 1985

J. Starobinski, Histoire du traitement de la mélancolie des origines à 1900, Bâle, J.R. Geigy S. A., 1960, trad. it. Storia del trattamento della malinconia dalle origini al 1900, Milano, Guerini, 1990 L’Encre de la mélancolie, Genève, Points, 2012, trad. it. L’inchiostro della malinconia, Torino, Einaudi, 2014

E. Borgna, Malinconia, Milano, Feltrinelli, 1998

B. M. Frabotta (a cura di), Arcipelago malinconia, Roma, Donzelli, 2001;

M. Simonazzi, La malattia inglese. La melanconia nella tradizione filosofica e medica dell'Inghilterra moderna, Bologna, Il Mulino, 2004;

Y. Hersant, Mélancolies de l’Antiquité au XXe siècle, Paris, R. Laffont, 2005

R. Gigliucci (a cura di), La melanconia, Milano, Rizzoli (BUR), 2009.

 

II. SEMINARI

È prevista l’organizzazione du sue seminari

I. Nel primo seminario intitolato Malinconie, verranno letti i testi di Freud, Kierkegaard e Sartre relativi a questo argomento. Lo studente deve studiare due dei seguenti testi per l'esame:

S. Freud, Lutto e malinconia

S. Kierkegaard, Timore e tremore

S. Kierkegaard, Il concetto dell'agoscia

S. Kierkegaard, La malattia mortale

J.-P. Sartre, La nausea.

II. Nel secondo seminario intitolato Follia e ragione in Descartes verrà presentato il dibattito francese contemporaneo sulla teoria cartesiana del Cogito, con particolare riguardo alle interpretazioni di Foucault e Derrida.

Testi: M. Foucault, La storia della follia (P. I, capp. I-II).

N.B. Lo studente è tenuto a studiare per l'esame i testi di un solo seminario.

 

AVVERTENZE

Le lezioni del corso saranno in presenza e verrano registrate e rese disponibili agli studenti. Il programma è unico, per studenti frequentanti e non frequentanti. La prova d’esame è solo orale e si tiene nel Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, Via Zamboni, 38. Le iscrizioni all’esame si effettuano attraverso il sito ALMAESAMI dell'Unibersità di Bologna.



ORARIO LEZIONI E RICEVIMENTO


Le lezioni si tengono nel secondo semestre, 4° periodo, secondo il seguente calendario:

lunedì h. 15.00-17.00 (aula XI, Via Zamboni, 38); martedì h. 15.00-17.00 (aula VII, Via Zamboni, 38); mercoledì h. 15.00-17.00 (aula XI, Via Zamboni, 38).

Le lezioni inizieranno il 20 marzo 2023.

La docente riceve il giovedì, ore 10.00.


Testi/Bibliografia

Per i testi delle lezioni frontali si veda il programma.

Si segnala la seguente bibliografia generale, utile per seguire il percorso tematico del corso monografico.

A.Tenenti, Il senso della morte e ‘'amore della vita nel Rinascimento, Torino, Einaudi, 1957 (e rist.)

M. Foucault, Folie et déraison. Histoire de la folie à l’âge classique, Paris, Plon, (1961), 1974, trad. it. Storia della follia nell’età classica, Milano, Rizzoli, 1973 (e rist.)

R. Klibansky, E. Panofsky, F. Saxl, Saturn and Melancholy: Studies in the History of Natural Philosophy, Religion and Art, London, Nelson, 1964, trad. it Saturno e la malinconia, Torino, Einaudi 1983

W. Lepenies, Melancholie und Gesellschaft, 1969, trad. it Melanconia e società, Morano, Napoli, 1985

J. Starobinski, Histoire du traitement de la mélancolie des origines à 1900, Bâle, J.R. Geigy S. A., 1960, trad. it. Storia del trattamento della malinconia dalle origini al 1900, Milano, Guerini, 1990 L’Encre de la mélancolie, Genève, Points, 2012, trad. it. L’inchiostro della malinconia, Torino, Einaudi, 2014

E. Borgna, Malinconia, Milano, Feltrinelli, 1998

B. M. Frabotta (a cura di), Arcipelago malinconia, Roma, Donzelli, 2001;

M. Simonazzi, La malattia inglese. La melanconia nella tradizione filosofica e medica dell'Inghilterra moderna, Bologna, Il Mulino, 2004;

Y. Hersant, Mélancolies de l’Antiquité au XXe siècle, Paris, R. Laffont, 2005

R. Gigliucci (a cura di), La melanconia, Milano, Rizzoli (BUR), 2009.

Metodi didattici

Le lezioni frontali vertono su temi specifici, di cui intendono analizzare le diverse articolazioni teoriche e argomentative in riferimento anche alle peculiarità dei contesti storici, alla diversità delle culture e dei problemi filosofici affrontati, non meno che alla determinatezza delle opzioni intellettuali dei singoli filosofi. La forma prevalentemente seminariale della lezione intende coinvolgere gli studenti in una ricerca autonoma e condivisa, condotta con strumenti bibliografici di carattere avanzato e discussa nelle forme dialogiche della comunicazione scientifica.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

La frequenza dell'intero corso corrisponde a 6 crediti.

Lo studente che segua il corso completo e sostenga l'esame da 6 crediti presenterà il seguente programma (A.+B.) :

  1. corso monografico
  2. un seminario a scelta.

L'esame orale tende a verificare

1. le conoscenze storico-filosofiche acquisite attraverso la frequenza alle lezioni, lo studio dei testi e della bibliografia prevista dal programma, contestualizzandone l'analisi nel quadro di tradizioni di lungo periodo ;

2. il livello di assimilazione ed elaborazione critico-concettuale dei contenuti proposti,

3. la proprietà e la congruità dell'espressione linguistica dei diversi temi esaminati,

4. la capacità di orientamento tra le principali linee interprétative e storiografiche.

L'esame offre un'occasione ulteriore di confronto e un'opportunità ulteriore di dialogo con il docente, dialogo che lo studente è invitato ad aprire anche durante le lezioni e i seminari, intervenendo in prima persona con la richiesta di chiarimenti o con proposte di approfondimenti. In tal senso, gli studenti sono invitati a proporre all'esame anche soggetti particolari vicini agli argomenti del corso stesso.

L'iscrizione all'esame è on-line nel sito ALMAESAMI

Criteri di verifica e soglie di valutazione:

30 e lode: prova eccellente per solidità delle conoscenze, ricchezza dell'articolazione critica, proprietà espressiva e interesse di interventi critici di carattere storico-filosofico.

30: prova ottima, conoscenze complete e adeguate, ben articolate ed espresse correttamente, con interventi critici di interesse storico-filosofico.

27-29: prova buona, conoscenze soddisfacenti, espressione sostanzialmente corretta.

24-26: prova discreta, conoscenze presenti nelle linee essenziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.

21-23: prova sufficiente, conoscenze presenti in modo generale ma superficiale. Espressione spesso non appropriata e articolazione del discorso confusa.

18-21: prova appena sufficiente. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.

<18: prova insufficiente, conoscenze assenti o molto lacunose, mancanza di orientamento nella disciplina, espressione carente e gravemente lacunosa. Esame non superato.

Strumenti a supporto della didattica

Il corso monografico insiste particolarmente sulla lettura di testi classici, che vengono proposti con ampi riferimenti alla lingua originale.

I seminari propongono la lettura di testi significativi del dibattito filosofico intorno al tema oggetto del corso monografico, ampliandolo alla contemporaneità.

Lo studente è tenuto a seguire e a preparare per l'esame un solo seminario (I o II) a scelta tra i due proposti. La forma seminariale impegna lo studente in una partecipazione attiva, che mobilizzi le conoscenze acquisite e le trasformi in interrogazione dei testi e in discussione degli argomenti.

Lo studente potrà proporre la lettura di altri testi o la redazione di esercitazioni scritte concordate con il docente.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Mariafranca Spallanzani