88362 - MODELLI E PRATICHE DI COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Obiettivo di questo corso è fornire i concetti di base utili per la comprensione del comportamento delle persone all’interno delle organizzazioni. Le lezioni, le discussioni di casi aziendali e il materiale multimediale a disposizione verteranno su temi inerenti personalità e valori degli individui, la gestione dei team di lavoro e i processi decisionali e di regolazione dei conflitti. Al termine del percorso lo studente avrà acquisito competenze per impiegare i fondamentali modelli di comportamento organizzativo, avrà sviluppato capacità critiche per analizzare le decisioni organizzative e saprà individuare approcci per la risoluzione di problemi nei contesti di lavoro.

Programma/Contenuti

  1. L’individuo nelle organizzazioni:
    • 1.1.Le differenze individuali: la personalità e l’abilità
      • 1.1.1. La natura della personalità
      • 1.1.2. Il modello dei Big Five
      • 1.1.3. Altri tratti rilevanti della personalità
      • 1.1.4. Le abilitàcognitive e il loro sviluppo

      1.2.Valori, attitudini e stati d’animo verso il proprio lavoro

      • 1.2.1. La relazione tra valori, attitudini e stati d’animo
      • 1.2.2. La soddisfazione del lavoro
      • 1.2.3. Le conseguenze potenziali della soddisfazione del lavoro
      •  

      1.3. La motivazione al lavoro

      • 1.3.1. Che cos’è la motivazione al lavoro: motivazione intrinseca ed estrinseca
      • 1.3.2. Perché le persone operano in un certo modo: le principali teorie motivazionali
      • 1.3.3. I principali strumenti motivazionali: fissazione degli obiettivi, valutazione delle performance, la retribuzione e la gestione della carriera
      •  
  2. I gruppi e i processi organizzativi

    2.1. I gruppi di lavoro

    • 2.1.1.Ilmodello dei cinque stadi di sviluppo
    • 2.1.2. Principali caratteristiche dei gruppi di lavoro
    • 2.1.3. L’efficacia dei gruppi di lavoro
    • 2.1.4. I processi disfunzionali
    • 2.1.5. I gruppi virtuali

  3. I processi decisionali
    • 3.1. I tipi di decisione
    • 3.2. Il processo decisionale
      • 3.2.1.Il modello razionale
      • 3.2.2.La razionalità limitata
      • 3.2.3.Il modello Carnegie
      •  
  4. Potere, politica e conflitti
    • 4.1.La natura del potere e della politica
    • 4.2.Fonti di potere degli individui
    • 4.3.Fonti di potere delle unità organizzative
    • 4.4.La politica nelle organizzazioni
    • 4.5.Fonti di conflitto
    • 4.6.Il modello di Pondy
    • 4.7.Tecniche per gestire i conflitti

Testi/Bibliografia

Il testo di riferimento è:

  • Stephen P. Robbins, Timothy A. Judge, Domenico Bodega (2016). Comportamento organizzativo. Conoscere e sviluppare competenze organizzative. Milano: Pearson Italia (Capitoli: 1, 2, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 12, 13)

Bibliografia consigliata per approfondimenti

  • Pilati M. e H. Tos(2008). Comportamento Organizzativo – Terza edizione. Milano: Egea (Capp. 1, 2, 3, 4, 6, 8, 9)
  • Kreitner R. e A. Kinicki (2013). Comportamento Organizzativo. Milano: Apogeo. (Capp. 1, 5, 6, 8, 9, 10, 11, 12, 13).

Metodi didattici

Il corso si avvale di lezioni interattive, visione di materiale multimediale, discussione di casi studio ed esempi aziendali e di attività di gruppo.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La modalità d’esame del corso consta di due parti:

a) un progetto di gruppo svolto su un caso studio aziendale oppure su un film

b) una prova individuale

Il voto finale del corso integrato è calcolato nel seguente modo:

- 50% voto del progetto (uguale per tutti i componenti del gruppo)

- 50% voto della prova individuale composta da tre domande aperte

Ogni gruppo deve essere composto da minimo 4 – massimo 5 membri. I gruppi sono formati spontaneamente dagli studenti con l’obiettivo di garantirne un’elevata eterogeneità in termini di caratteristiche dei membri. Ogni gruppo dovrà preparare una relazione di progetto,anche con contenuti multimediali, scritta in Word entro venerdì 11 gennaio 2019da inviare all’indirizzo email: sde.progetticlamed@unibo.it [mailto:sde.progetticlamed@unibo.it].

I criteri utilizzati per valutare il progetto sono: la qualità dell’elaborato; la capacità di analisi applicando concetti e strumenti sviluppati nel corso; la capacità di identificare problemi e delineare possibili soluzioni. Ogni criterio pesa fino a 10/30 punti.

Se il voto risultante dalla media pesata è decimale, l’arrotondamento viene calcolato aritmeticamente (fino all’intero inferiore fino a 0.49 e all’intero superiore da 0.50).

Sono previsti incentiviper premiare l’eccellenza nelle due parti che compongono la valutazione complessiva: se si consegue un voto pari ad almeno 27 in tutte e due le parti, il voto risultante dalla media pesata viene incrementato del 7%.

Strumenti a supporto della didattica

Ogni comunicazione e le sessioni di verbalizzazioni saranno svolte per via telematica tramite iscrizione alla lista che verrà di volta in volta aperta su Almaesami. Le comunicazioni tra docente e studenti si avvarranno della lista di distribuzione (maria.tagliaventi.CLAMEDComportamentoOrganizzativo2018-19), la cui password sarà comunicata in aula.

Casi aziendali, ulteriori letture integrative (capitoli di libri e articoli pubblicati su riviste nazionali e internazionali) e materiale disponibile su Internet saranno resi disponibili in rete nelle pagine dedicate al corso nel sito https://iol.unibo.it, distribuiti o segnalati durante lo svolgimento del corso.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Maria Rita Tagliaventi