17274 - TECNICHE ATTUARIALI

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente conosce gli strumenti finanziari ed attuariali basilari per la gestione dei contratti assicurativi fondamentali nel ramo vita. In particolare, lo studente è in grado di: - organizzare il calcolo del premio assicurativo (premio di tariffa) e analizzare la dinamica della riserva matematica in riferimento a contratti semplici e complessi.

Programma/Contenuti

Ramo vita: Richiami di matematica finanziaria e di modelli probabilistici per la descrizione della vita umana. Assicurazioni sulla durata di vita: concetti base. Assicurazioni in caso di vita, caso di morte, miste, rendite aleatorie. Simboli di commutazione. Assicurazioni vita su gruppi, caso di due teste. Premio equo, premio puro, premio di tariffa e caricamenti. Riserva matematica (metodo prospettivo e retrospettivo). Equazione di Fouret, equazione di Kanner. Premio di rischio e premio di risparmio. Riserve complete. Base tecnica del primo e del secondo ordine. Cenni al calcolo dell'utile, scomposizione di Homans. 

Ramo danni: concetti introduttivi, calcolo di media e varianza per un portafoglio di rischi analoghi, funzione generatrice di momenti, calcolo del premio.

Testi/Bibliografia

Pitacco E.: Matematica e Tecnica Attuariale delle assicurazioni sulla durata di vita, Lint, Trieste, 2000.

Pitacco E., Olivieri A.: La valutazione nelle assicurazioni vita, Egea, Milano, 2005.

Spelta D.: Teoria matematica delle assicurazioni sulla vita, Pitagora, 2001.

Daboni L.: Lezioni di tecnica attuariale delle assicurazioni contro i danni, LINT, Trieste, 1993.

Cerè M., Spelta D.: Esercizi di matematica attuariale, Esculapio, 2017.

Metodi didattici

Il corso è strutturato in lezioni frontali in aula in cui vengono presentati gli elementi fondamentali nella tecnica attuariale, con particolare riferimento al ramo vita. Si alterneranno spiegazioni teoriche a esercizi pratici. Verranno anche svolti alcuni temi d'esame per l'abilitazione nazionale alla professione di attuario dati in anni passati.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica delle conoscenze e delle abilità conseguite avviene mediante un esame scritto, della durata di un'ora e mezza circa, costituito prevalentemente da problemi ed esercizi (due oppure tre), ma anche da una domanda aperta di natura teorica. Non è consentito l'utilizzo di libri di testo. E' invece permesso l'uso della calcolatrice e di un formulario (che deve contenere solo formule e non esercizi svolti o dimostrazioni). L'esame mira prevalentemente ad accertare la conoscenza maturata dagli studenti e le loro abilità nel risolvere problemi nell’ambito delle tematiche affrontate. In ciascuna prova d'esame, gli esercizi proposti avranno un livello di difficoltà graduale, in maniera da testare le abilità degli studenti nel ragionale e trovare soluzioni ai problemi attuariali più semplici e a quelli più complessi.

Strumenti a supporto della didattica

A lezione verranno proiettate delle slide, che si alterneranno a spiegazioni alla lavagna. Le slide verranno messe a disposizione degli studenti mediante caricamento sul sito docente (accesso tramite password). Si consiglia agli studenti di portare le slide a lezione (avendole quindi scaricate precedentemente) per seguire meglio le lezione stesse. Infine, oltre alle 60 ore di lezione istituzionali, verranno organizzati dei meeting col tutor in cui gli studenti potranno seguire delle esercitazioni pratiche e impareranno a risolvere varie tipologie di problemi.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Luca Vincenzo Ballestra