Dottorato in Scienze Farmacologiche e Tossicologiche, dello Sviluppo e del Movimento Umano

Anno accademico 2015-2016
Area tematica Scienze Mediche, Farmaceutiche e Mediche Veterinarie
Ciclo XXXI
Coordinatore Prof.ssa Patrizia Hrelia
Lingua Italiano
Durata 3 anni
Posti e borse di studio 5 posti, di cui 4 con borsa di studio
Scadenza bando 29/05/2015 ore 13:00 (Scaduto)
Graduatoria Consulta la graduatoria su Studenti Online
Periodo di immatricolazione Dal 27/07/2015 al 05/08/2015 -
Data inizio corso 01/11/2015
Struttura proponente
Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita - QUVI
Strutture concorrenti
Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie - FaBiT
Dipartimento di Medicina specialistica, diagnostica e sperimentale - DIMES
Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche - DIMEC
Dipartimento di Scienze biomediche e neuromotorie - DIBINEM
Periodo all'estero
Sì (3 mesi)
Curricula e tematiche di ricerca

- Bioinformatica - Biologia applicata, embriologia, genetica e altre materie biologiche concernenti tutte le fasi dello sviluppo dell'uomo - Biomeccanica - Cellule staminali - Esercizio fisico e salute - Farmacologia clinica - Farmacologia sperimentale - Farmacognosia - Fisiologia dell'esercizio - Biochimica, metabolismo e nutrizione - Scienze e tecniche delle attività motorie e sportive - Tossicologia - Chimica e tecnologie farmaceutiche e analisi chimico-tossicologica - Medicina interna - Fisiologia dell'esercizio

Sbocchi professionali e potenziali settori di impiego del dottorato di ricerca
Le competenze acquisite permetteranno l’inserimento del Dottore di ricerca nel mondo della ricerca, sia accademica che industriale, nonché nelle diverse realtà produttive pubbliche e private e in organizzazioni nazionali e internazionali, che operano nel contesto del mantenimento e della promozione della salute, dei corretti stili di vita e, quindi, della qualità della vita della popolazione.
Commissione esaminatrice

Nominata con Decreto Rettorale n. 447/2015 Prot. n. 38592 del 11/05/2015

Membri effettivi
Fabrizio  De Ponti Docente di I fascia Università di Bologna Dip. Medicina e   Chirurgia fabrizio.deponti@unibo.it
Marcella   Martinelli Ricercatore   universitario Università di Bologna Dip. Medicina   Specialistica, Diagnostica e Sperimentale marcella.martinelli@unibo.it
Franco Merni Docente di II fascia Università di Bologna Dip. Scienze   Biomediche e Neuromotorie franco.merni@unibo.it
Membri supplenti
Patrizia   Hrelia Docente di I fascia Università di Bologna Dip. Farmacia e   Biotecnologie patrizia.hrelia@unibo.it
Furio Pezzetti Docente di II fascia Università di Bologna Dip. Medicina   Specialistica, Diagnostica e Sperimentale furio.pezzetti@unibo.it
Claudio   Stefanelli Docente di II fascia Università di Bologna Dip. Scienze per la   Qualità della Vita claudio.stefanelli@unibo.it
Obiettivi formativi del dottorato
Nel Dottorato di ricerca in “Scienze Farmacologiche e Tossicologiche, dello Sviluppo e del Movimento umano” confluiscono più macroaree disciplinari, quali la Farmacologia sperimentale e clinica e la Tossicologia, quella relativa allo sviluppo umano, comprendente l’Istologia, l’Embriologia, la Biologia applicata, e i diversi settori nell'ambito delle attività motorie e sportive, come Biomeccanica e Scienze dello sport. A integrazione del contenuto culturale sono presenti anche l’area della Biochimica, della Nutrizione e delle Scienze farmaceutiche. Queste aree, tra loro ben distinte da un punto di vista culturale, scientifico, formativo e professionale, vedono obiettivi comuni, finalizzati al mantenimento e alla promozione della salute e della qualità della vita della popolazione, e affinità nel metodo di indagine. L’obiettivo è quello di favorire la possibilità di crescita sia individuale che nel lavoro di gruppo, e di fornire strumenti conoscitivi, metodologici e tecnici utili a perseguire obiettivi scientifici innovativi, nella scienza di base o nelle sue aree applicative, includendo il confronto a livello nazionale ed internazionale. Globalmente, il programma del Dottorato è mirato a sviluppare competenze disciplinari e metodologiche di elevato livello.
Tipologia dell'attività svolta dai dottorandi
Le attività di formazione alle quali partecipano i dottorandi si svolgono a differenti livelli e sono articolate in base ai contenuti. L’attività che i dottorandi dovranno svolgere consiste principalmente in una parte scientifica, dedicata alla ricerca, che sarà affiancata da una parte formativa di tipo didattico. L’attività di formazione primaria consiste nello sviluppo in autonomia di un progetto di ricerca nell’ambito dei temi previsti dal dottorato sotto la supervisione di un tutor, e sotto la tutela dei Docenti del Collegio del Dottorato, con promozione delle capacità di organizzazione/ svolgimento del lavoro sperimentale ed elaborazione/ interpretazione dei dati derivanti. Per i dottorandi è obbligatorio un periodo minimo di tre mesi di perfezionamento teorico-metodologico in laboratori esteri. La parte didattica consisterà in corsi comuni a tutti i Dottorandi, nonché in seminari e corsi specialistici dedicati al singolo studente. Periodicamente, i dottorandi relazioneranno sull’attività svolta alla presenza del Collegio dei Docenti, che potrà così valutare la loro attività.
Attività di formazione alla ricerca previste per i dottorandi in coerenza con gli obiettivi formativi del dottorato
La formazione alla ricerca sarà raggiunta fondamentalmente attraverso una continua attività scientifica, sotto la guida del proprio tutor. In quest’ambito, il dottorando imparerà a utilizzare gli strumenti informatici necessari per lo studio della letteratura, acquisirà tutte le metodologie necessarie allo svolgimento del proprio progetto, imparando sia ad applicare e sviluppare tecniche di laboratorio che a utilizzare apparecchiature dedicate. Inoltre imparerà a relazionarsi con altre persone con cui collabora e a sviluppare un progetto di ricerca partendo da un’idea. Il dottorando imparerà poi a giudicare criticamente e a elaborare i risultati della ricerca e a presentarli alla comunità scientifica. Al fine di acquisire competenze sempre più vaste e di mantenere sempre il massimo grado di aggiornamento, i dottorandi svolgeranno anche un’altra serie di attività finalizzate. Per cui, i dottorandi dovranno seguire una serie di attività didattiche, di lezioni monografiche e seminari tenuti da eminenti specialisti provenienti sia dall’Italia che dall’estero e potranno partecipare ad ogni altra attività collaterale utile ai fini della preparazione metodologica specifica sui temi del Dottorato. Infine, è fondamentale anche la partecipazione a congressi sui temi del programma formativo, in cui i dottorandi potranno esporre le loro ricerche confrontandosi con il mondo della ricerca specialistica internazionale.
Elementi di internazionalizzazione del dottorato
I Dottorandi dovranno svolgere un periodo almeno trimestrale e di perfezionamento teorico-metodologico in laboratori stranieri, con i quali sono in corso collaborazioni scientifiche o scambi culturali. I laboratori in cui effettuare le attività di ricerca all’estero sono individuati nell’ambito delle numerose collaborazioni internazionali dei docenti del Collegio e rappresentano un network in continuo sviluppo. Inoltre, i dottorandi seguiranno seminari specialistici di qualificati ricercatori stranieri, che avranno l’occasione di conoscere personalmente e con cui potranno confrontarsi. Il corso potrà attrarre anche laureati stranieri che contribuiranno allo sviluppo della rete di rapporti internazionali.
Prodotti e risultati attesi dalle attività di ricerca dei dottorandi
Il risultato dell’attività di ricerca dei dottorandi sarà documentato principalmente da pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali. Queste potranno essere affiancate da pubblicazioni su libri, atti congressuali e anche riviste divulgative. I dottorandi dovranno poi presentare personalmente i risultati delle loro ricerche in convegni, sia nazionali che internazionali. In taluni casi sarà possibile, auspicabilmente, giungere allo sviluppo di un brevetto.
Collegio dei docenti
Cognome Nome Ateneo/Ente Qualifica
ANDRISANO VINCENZA Università di Bologna PS - Professore   Straordinario
BONSI LAURA Università di Bologna PA - Professore   Associato
BORGHI CLAUDIO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
CECILIANI ANDREA Università di Bologna RU - Ricercatore Universitario
DE GIORGIO ROBERTO Università di Bologna PA - Professore   Associato
DE PONTI FABRIZIO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
FIMOGNARI CARMELA Università di Bologna PA - Professore   Associato
HRELIA PATRIZIA Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
HRELIA SILVANA Università di Bologna PA - Professore   Associato
MARCACCI MAURILIO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
MARINI MARINA Università di Bologna PA - Professore   Associato
MARTINELLI MARCELLA Università di Bologna RU - Ricercatore   Universitario
MERNI FRANCO Università di Bologna PA - Professore   Associato
PAOLINI MORENO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
PEZZETTI FURIO Università di Bologna PA - Professore   Associato
POLI FERRUCCIO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
RIMONDINI   GIORGINI ROBERTO Università di Bologna RU - Ricercatore   Universitario
ROMUALDI PATRIZIA Università di Bologna PA - Professore   Associato
SCAPOLI LUCA Università di Bologna RU - Ricercatore   Universitario
STEFANELLI CLAUDIO Università di Bologna PA - Professore   Associato
TUMIATTI VINCENZO Università di Bologna PO - Professore   Ordinario
ZAFFAGNINI STEFANO Università di Bologna PA - Professore   Associato